Fondazione Milano-Cortina 2026, dalla Giunta Regione via libera a statuto

2 Dicembre 2019
Damiano Bolognini Cobianchi
statuto Fondazione olimpica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Fontana e Rossi: rispettato il 'timing' deciso con il Cio. Ora la Legge olimpica da approvare in tempi rapidi

Fontana e Rossi: rispettato il ‘timing’ deciso con il Cio, ora la Legge

La Giunta della Regione Lombardia ha approvato lo statuto della Fondazione ‘Milano-Cortina 2026’ che si occuperà di organizzare i Giochi Olimpici invernali che si terranno fra 6 anni in Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige. “Si tratta – ha sottolineato il governatore Attilio Fontana – del passo decisivo per dare avvio alla macchina operativa per la manifestazione a Cinque Cerchi”. Il Ceo del nuovo soggetto giuridico è già stato individuato in Vincenzo Novari, la cui nomina sarà ratificata dal consiglio di amministrazione della Fondazione stessa. “Il prossimo step – ha proseguito Fontana – sarà la promulgazione da parte del Governo della Legge Olimpica che conterrà, tra l’altro, norme che permetteranno un’accelerazione dei tempi nella realizzazione delle opere previste”. Da ricordare che la Fondazione non si occuperà della realizzazione delle opere infrastrutturali, del cui compito sarà incaricato un altro ente, la cui forma dovrà essere definita dalla stessa Legge olimpica.

Legge olimpica da approvare in tempi rapidi

“Abbiamo rispettato perfettamente i tempi concordati con il Cio dopo l’assegnazione dei Giochi – ha aggiunto il sottosegretario con delega ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi – ora, avanti con la Legge olimpica che permetterà il definitivo avvio della macchina operativa. Tranne il ‘Pala Italia’ di Santa Giulia, tutte le strutture sportive sono già pronte ma necessitano di interventi e restyling che ne adeguino l’impiego alla più importante manifestazione olimpica invernale al mondo”.

Servono passaggi burocratici più ‘snelli’

“La Legge – chiarisce Rossi – dovrebbe aiutare a rendere più rapidi i passaggi burocratici, senza allentare alcun tipo di controllo e nel rispetto della sostenibilità ambientale che è uno dei pilastri portanti della nostra Olimpiade. Servirà, poi, anche a regolare le operazioni connesse agli adeguamenti e al completamento delle infrastrutture. Infine, dovrebbe normare tutti gli aspetti fiscali, doganali, di sicurezza e di circolazione delle persone. Come un evento di questa rilevanza necessita. Dovrà anche confermare le clausole già concordate dal Governo con il Cio”.

Organi e prerogative della Fondazione

Oltre a individuare le finalità della Fondazione, che avrà sede a Milano, lo statuto ne indica gli organi e la loro composizione. Al suo vertice ci sarà un consiglio di amministrazione, che sarà chiamato a esprimersi su tutte le decisioni strategiche di alto livello. Al suo fianco, come braccio operativo, vi sarà un comitato di gestione. Si occuperà della fase esecutiva e avrà a capo il Ceo Novari. Il Consiglio di amministrazione della Fondazione sarà composto da venti consiglieri non remunerati. Dieci individuati dagli organi territoriali e altrettanti da quelli sportivi. A questi. si aggiungeranno un delegato del Governo e il presidente della Fondazione. Per quello che riguarda le risorse, nello statuto viene indicato un fondo minimo di dotazione necessario per l’istituzione della Fondazione. Tutte quelle operative proverranno dal Cio, da finanziamenti di natura privata, dagli sponsor, dalle attività di marketing, dalla vendita di biglietti e merchandising.

dbc

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

g7 trasporti violino stradivari
La delegazione del 'G7 dei Trasporti' guidata dal ministro delle Infrastrutture, che giovedì 11 aprile sera è stata accolta a
par condicio elezioni 2024
A seguito dell'indizione dei comizi elettorali, convocati giovedì 11 aprile, è entrata in vigore la '
Stati Generali Cinema Siracusa
"Il Cineturismo è un'opportunità straordinaria per il comparto turistico in una pragmatica collaborazione reciproca con la cultura". Così
g7 trasporti cluster lombardo mobilità
"La Lombardia vuole assumere un ruolo più importante in materia di mobilità. Vuole essere un player che possa competere a livello internazionale nell'ambito del trasporto. Per fare questo, il pri ...
autonomia lombardia legge
"Stanno cercando in tutti i modi di imporre un blocco a qualcosa che non è più rinviabile". Il presidente della Regione Lombardia,

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima