Milano. Casa: assegnazioni, risultati positivi grazie alla semplificazione

Milano Casa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Mattinzoli: sono numeri che ci lasciano ben sperare

“In tema di casa i dati sulle assegnazioni degli alloggi popolari di Milano registrano un miglioramento. Tutto ciò dopo l’entrata in vigore di una prima serie di procedure di sburocratizzazione. Tra queste  l’approvazione della ‘Legge di semplificazione regionale 8/2021’ e il conseguente adeguamento del regolamento”. È quanto si legge in una nota dell’Assessorato alla Casa e Housing sociale di Regione Lombardia, guidato da Alessandro Mattinzoli.

Milano CasaCasa, i dati di Milano

“In particolare – ha spiegato Mattinzoli – con la Legge regionale è stata data la possibilità ad Aler e Comuni di assegnare, compresi gli avvisi in corso, tutte le case disponibili anche se non preventivamente messe a bando o se non scelte dai cittadini che avevano presentato la domanda di assegnazione.  Con la modifica del Regolamento regionale 4/2017, sono inoltre previste modalità di semplificazione anche per i nuovi bandi a partire dal 2022. Sul territorio di Milano, in particolare, i dati sono in netto miglioramento”.

Numeri

Aler Milano, nell’ambito del bando del secondo semestre 2021, aveva messo a disposizione 300 alloggi. Oltre a questi ne ha già assegnati ulteriori 120 e conta di consegnarne almeno altri 150 prima dell’approvazione della graduatoria del nuovo bando di Palazzo Marino. Il Comune di Milano sta procedendo e, nell’ambito del bando del secondo semestre 2021, oltre ai 300 alloggi messi a disposizione, ne ha già assegnati ulteriori 44. Conta inoltre di darne altri 54 prima dell’approvazione della graduatoria del nuovo bando del Comune.

Nuovi bandi

“È chiaramente solo l’inizio – ha precisato l’assessore – ma con i nuovi bandi, come quello del Comune di Milano attualmente aperto, sarà verificata l’efficacia delle ulteriori semplificazioni contenute nelle nuove norme regionali. La sburocratizzazione è la nostra parola d’ordine e questi primi riscontri sicuramente positivi ci lasciano ben sperare. Siamo consapevoli della complessità del tema e proprio per questo lavoriamo costantemente per semplificare le procedure assicurando tutti i controlli necessari per tutelare chi ha i requisiti”. “Fondamentale – ha concluso l’assessore – sarà inoltre la collaborazione tra Comuni e Aler nella verifica dei dati dei cittadini che presentano le domande”.

ram

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

aler efficientamento
Incrementare l'offerta abitativa anche attraverso interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare delle Aler lombarde: è l'ob ...
Donne Violenza
Sei appartamenti a Milano e cinque a Rozzano a disposizione delle donne che hanno subìto violenza. Sono 26 le donne supportate, 13 delle quali hanno usufruito della consulenza legale e 8 hanno gi ...
Servizio portierato e community manager
E' di 330.000 euro il contributo straordinario della Giunta della Regione Lombardia ad Aler Milano per il servizio di ...
Piano servizi abitativi
"Un piano per i servizi abitativi innovativo che si basa su cinque assi portanti: sostenibilità, welfare abitativo, cura del ...
Bergamo casa
"Apprendo, sull'argomento casa, la notizia dell'affidamento di circa mille alloggi di proprietà del Comune di Bergamo a M ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima