Niardo/Bs, 480.000 euro per salvaguardia idraulica torrenti Re e Cobello

niardo re cobello
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Un contributo regionale di 480.000 euro per il monitoraggio contro il rischio idrogeologico nei bacini dei torrenti Re e Cobello, nel Comune di Niardo (Bs). Lo stanziamento è stato deciso con una delibera di Giunta di Regione Lombardia approvata, su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.
Attraverso la delibera l’Accordo di collaborazione già in essere tra Regione, il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Torino e i comuni di Sonico, Ono San Pietro e Cerveno è esteso ai bacini dei torrenti Re e Cobello nel comune di Niardo.
L’intesa infatti è nata per sviluppare e installare nuovi sistemi di monitoraggio dei fenomeni di colata detritica e al preannuncio di episodi di dissesto.

Accordo di collaborazione

“L’accordo di collaborazione, già operante sui bacini dei tre Comuni della Valcamonica, – ha spiegato Foroni – è esteso ai due bacini del Comune di Niardo. Gli esiti del lavoro avranno ricadute dirette sugli strumenti e sui Piani di Protezione civile comunali per la salvaguardia degli abitanti esposti al rischio idrogeologico”.

Niardo, torrenti Re e Cobello

Con questo provvedimento, infatti, viene esteso ai bacini dei torrenti Re e Cobello l’Accordo di collaborazione già in essere tra Regione, il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Torino e i comuni di Sonico, Ono San Pietro e Cerveno. L’obiettivo è infatti  quello di sviluppare e installare nuovi sistemi di monitoraggio. Saranno innovativi e utili alla conoscenza dei fenomeni di colata detritica e al preannuncio di episodi di dissesto.

Analisi dei dati

“Una misura utile – ha concluso l’assessore – che segue i fenomeni meteorologici avversi che hanno colpito quest’estate il comune di Niardo. I danni sono peraltro, sono stati numerosi. L’analisi dei dati monitorati servirà quindi a definire al meglio i diversi fattori che controllano il formarsi dei dissesti. Sarà utilizzata, inoltre, per sviluppare  procedure di allarme in grado di minimizzare i danni alla popolazione”.
Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

centro storico Palosco
Riqualificato il centro storico di Palosco (BG) grazie ai finanziamenti di Regione Lombardia. Mercoledì 28 febbraio il ta ...
aria stop misure
In considerazione delle medie provinciali di PM10 registrate nella giornata di giovedì 22 febbraio  delle previsioni meteorologiche favorevoli alla dispersione previste per i prossimi giorni, da ...
qualità aria misure
In conseguenza ai valori di PM10 registrati nella giornata di ieri - domenica 18 febbraio - e delle previsioni meteorologiche per i prossimi giorni, da domani, 20 febbraio 2024, si attivano le misu ...
strade provinciali pavese
La giunta regionale ha destinato 7,6 milioni per la manutenzione delle strade provinciali del Pavese. "L ...
prodotti locali
"Il primo atto di tutela ambientale è il consumo di prodotti locali. Questo consente di abbattere le emissioni che derivano dai trasporti, di ridurre il consumo energetico, imballaggi e trattament ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima