Polizia Penitenziaria, De Corato a 205° di fondazione: grazie agli agenti

polizia penitenziaria 205° fondazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

L’assessore: nelle carceri si verificano troppe aggressioni

Ministero Giustizia doti operatori di strumenti di difesa e deterrenza come i taser

L’assessore alla Sicurezza, Polizia locale e Immigrazione di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, ha partecipato, presso l’Università degli Studi di Milano in via Festa del Perdono, alla cerimonia del 205° anniversario di fondazione del corpo di Polizia Penitenziaria.

Una celebrazione promossa dal direttore della Casa di reclusione di Bollate (Milano), Giorgio Leggieri, e dal Comandante di reparto, Samuela Cuccolo.

205° di fondazione della Polizia Penitenziaria

i riconoscimenti

“È stata un’occasione – ha commentato De Corato – per rinnovare agli agenti di Polizia Penitenziaria il mio ringraziamento. Sia per il lavoro che svolgono e la mia vicinanza per le condizioni in cui da anni sono costretti a operare. Ovvero sotto organico e sprovvisti di validi strumenti di difesa”.

Le violenze nelle carceri

“Nell’ultimo periodo – ha continuato – si sono verificati diversi episodi di violenza all’interno delle carceri: dagli incendi appiccati a Cremona e Bollate, al tentativo di strangolamento di un agente, sempre a Cremona, al poliziotto penitenziario che a Busto Arsizio si è rotto una mano nel tentativo di difendersi dai colpi di punteruolo che un detenuto ha cercato di infliggergli”.

Dare taser a Polizia Penitenziaria

assessore con agenti

“Il Ministro della Giustizia, Marta Cartabia – ha proseguito De Corato – non vuole proprio sentire parlare di dotare di taser la Polizia Penitenziaria, nonostante il sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, abbia dichiarato che nel 60% dei casi il taser ha funzionato come deterrente senza che nemmeno venisse utilizzato”.

“Nel 205° anniversario della Polizia Penitenziaria, ribadisco – ha concluso De Corato – che esiste troppa attenzione ai diritti dei delinquenti rispetto a quelli di chi indossa una divisa. È chiaro: serve un’inversione di rotta quanto prima”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

premio nicolò savarino
"Il prossimo 12 gennaio consegnerò il primo 'Premio in memoria di Nicolò Savarino' di Regione Lombardia". Lo annuncia l'assessor ...
regione associazione combattentistiche
Regione Lombardia ha destinato 150.000 euro alle associazioni combattentistiche, d'arma e delle Forze dell'ordine, riconosciute a livello nazionale ...
violenza donne lombardia
In Lombardia, lo scorso anno, le richieste ai centri anti violenza sono aumentate di oltre il 13%. A chiedere aiuto sono soprattutto giovani donne, madri nella metà dei casi, che hanno subito malt ...
benemerenze
Impegno, coraggio e grandi capacità professionali hanno caratterizzato la nuova edizione della '
spaccio boschi
"Ringrazio la Polizia di Stato per aver sgominato un sodalizio composto da criminali che gestivano lo spaccio di droga nei boschi di Milano e dell'hinterland". È il commento di
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima