Suinicoltura, Rolfi: inserire compensazioni Iva al 10% in manovra

tavolo suini Emilia Romagna
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Da Governo nessuna strategia per filiera di eccellenza

La crisi sta colpendo in Lombardia base Dop economy

“Chiediamo al Governo di inserire nella legge di Bilancio l’aumento della percentuale di compensazione Iva fino al 10% per i produttori suinicoli. Serve un intervento immediato a burocrazia zero per un settore che sta alla base della Dop economy dell’agroalimentare italiano e che sta soffrendo più di altri gli effetti della crisi. La Lombardia è infatti la prima regione italiana per capi allevati. Il comparto non può quindi più attendere l’immobilismo di Roma”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi.

L’appello di Coldiretti

“Condividiamo – ha aggiunto – l’appello di Coldiretti: servono infatti forme di sostegno fiscale per i produttori di carne suina. Il ministro Bellanova batta quindi un colpo. I nostri allevatori hanno infatti bisogno di una boccata d’ossigeno visto che rappresentano un asset strategico per l’economia italiana. Fino a questo momento dallo Stato è arrivato il nulla totale sul tema della prevenzione della peste suina, visto infatti che il contenimento dei cinghiali selvatici è stato azzerato, e il sostegno economico è rappresentato solo dai bandi indigenti elaborati tardivamente e che non hanno una strategia a medio termine”.

Gli obiettivi della Lombardia

“La Lombardia – ha concluso l’assessore Rolfi – vuole lavorare per unire la filiera suinicola e facilitare il rapporto istituzionale volto a una programmazione sinergica tra produttori, trasformatori e stagionatori. Questa crisi dovuta al blocco del canale Horeca va affrontata quindi con capacità, rapidità ed efficacia. Visto infatti che il prezzo dei suini si è ridotto da marzo a giugno di oltre un terzo del valore. E, da ottobre a novembre, di oltre il 17%”.

I numeri della suinicoltura

La Lombardia ha un patrimonio suinicolo di 4.493.125 capi, pari al 52,6% del totale nazionale. A livello provinciale, i suini allevati sono così suddivisi:

Bergamo 297.011
Brescia 1.356.038
Como 2.148
Cremona 969.149
Lecco 4.269
Lodi 356.688
Mantova 1.190.459
Monza e Brianza 3.504
Milano 77.929
Pavia 233.078
Sondrio 1.834
Varese 1.018

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

giovani agricoltura
"Il futuro dell'agricoltura lombarda è legato all'innovazione e al ricambio generazionale. Oggi finanziamo la nascita di altre 85 aziende agricole gestite da giovani under 40  che hanno deciso di ...
coronavirus casi Lombardia
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 24 novembre 2022. - Ricoverati in terapia i ...
rolfi voucher
"Il Governo con la legge di bilancio ha dimostrato attenzione verso il mondo agricolo, in particolare con la reintroduzione del voucher. Uno strumento che serve a sburocratizzare e ...
agricoltura Lombardia nuova Pac
Per il periodo 2023-2027 sono 39 le linee di intervento Trentanove linee di intervento e 835 milioni di euro a disposizione dell'agricoltura lombarda. La Regione Lombardia ...
disturbi nutrizione alimentazione
Via libera alla fase attuativa del 'Piano biennale regionale di attività per il contrasto dei Disturbi della Nutrizione e dell'Alimentazione'. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta di Reg ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima