Restringimenti Inps lavoratori disabili, Locatelli: non penalizzare più deboli

restringimento assegni invalidità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore: su assegni invalidità trovare immediatamente una soluzione

“Apprendo con estrema preoccupazione quanto divulgato dall’Inps riguardo al restringimento degli assegni di invalidità. E condivido, dunque, il disappunto espresso da numerose associazioni che rappresentano le persone con disabilità. A quanto apprendo sembra che per ricevere l’assegno non si debba prestare alcuna attività lavorativa, neanche minima, che produca reddito. Ciò a prescindere dalla misura del reddito stesso. Tale sentenza rischia di creare gravi incertezze alle tante persone con disabilità. Ovvero quelle che, fino a ora, hanno potuto contare sull’assegno di invalidità. E che ora potrebbero rimanere escluse”.  Lo dichiara Alessandra Locatelli, assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità di Regione Lombardia, in merito al documento dell’Inps sugli assegni di invalidità.

Lavoratori disabili sarebbero di fronte a una scelta assurda

“Stando alle notizie finora note – prosegue l’assessore Locatelli – molti lavoratori con disabilità si troverebbero di fronte a una scelta assurda, ovvero rinunciare al lavoro o rinunciare alla provvidenza. Si tratta di migliaia di persone che, ora più che mai, vista la grave crisi sociale che stiamo attraversando, non possono essere lasciate sole e private di questo contributo. Il ministro alla Disabilità, Erika Stefani, è già intervenuto per chiedere chiarimenti e Regione Lombardia si affianca a questa legittima richiesta per ribadire la necessità di far prevalere il buonsenso”.

Non sia assunta una decisione miope

“L’ente che più di altri dovrebbe occuparsi della tutela delle persone più fragili – ha concluso l’assessore Locatelli – non può permettersi di assumere una scelta miope come il restringimento degli assegni di invalidità. Una decisione che vanificherebbe tutti gli sforzi fatti fino a oggi. E volti alla promozione dei percorsi di autonomia e alla piena inclusione delle persone con disabilità”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

sprint lombardia insieme
'Sprint! Lombardia insieme'. Questo il nome della misura varata dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità
Giocattolo sospeso Caritas Ambrosiana
Saranno distribuiti negli empori e botteghe Caritas Ambrosiana della provincia di Milano i
bullismo giada
"Bisogna dire forte 'no' a ogni forma di discriminazione, violenza o aggressione dentro e fuori dalle aule scolastiche". Lo ha ribadito l'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Di ...
bullisimo Lombardia
Il 7 febbraio è la Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo e la Lombardia è attenta al tema. Un appuntamento per riflettere su un fenomeno contr ...
Nuovi parchi inclusivi
Cresce il numero dei parchi gioco inclusivi in Lombardia. L'assessorato regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità mette a disposizione ulteriori risorse per fin ...
realtà sociali Bergamsca
Giornata di visite nella Bergamasca per l'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima