Scuole infanzia paritarie, più risorse con prossimo assestamento di bilancio

Scuole infanzia paritarie
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

F. Sala: importante incremento fondi anche per la dote scuola

Nuove risorse in arrivo per le scuole dell’infanzia paritarie. Lo prevede il progetto di legge sull’assestamento di bilancio deliberato dalla Giunta della Regione Lombardia.  Il documento sarà ora trasmesso al Consiglio regionale per la definitiva approvazione.

“L’incremento dello stanziamento – ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione Fabrizio Sala – ribadisce la scelta prioritaria in favore della scuola”.

“Sull’infanzia – ha spiegato – abbiamo incrementato le risorse di 4 milioni di euro, riportando a 8 milioni il contributo annuo regionale. Il fondo è aggiuntivo rispetto a quanto messo in campo a livello nazionale e comunale”.

Scuole dell’infanzia paritarie

“Le scuole autonome lombarde dell’infanzia – ha proseguito – vedono così ripristinato l’intero ammontare del contributo regionale. Possono inoltre contare sui 2,3 milioni di euro aggiuntivi che sono stati loro riconosciuti a valere sul Fondo nazionale 0-6 anni. Tutto ciò anche grazie all’impegno della Lombardia in sede di Conferenza Stato-Regioni”.

Dote scuole e Buono scuola

“Con la stessa proposta di assestamento – ha rimarcato – siamo intervenuti anche sulla Dote scuola componente Buono scuola, per il pagamento delle rette di iscrizione e frequenza scolastica. È questa una politica fondamentale per Regione Lombardia, che non ha subito alcun taglio di bilancio. Abbiamo comunque ritenuto di intervenire con un incremento di risorse per assicurare piena copertura rispetto all’aumento di richieste”.

“Modello di riferimento nazionale – ha chiosato – le politiche dell’istruzione e della formazione lombarda sono identitarie di un sistema che mette al centro la persona e la sua libertà di scelta. Sono inoltre sostenute con ingenti risorse regionali che da anni sopperiscono agli insufficienti riparti nazionali. Tutto ciò nonostante le reiterate richieste di cambiarne i criteri in considerazione degli evidenti fabbisogni”.

“L’attenzione di Regione Lombardia per il sistema di istruzione e formazione – ha concluso l’assessore – è sotto gli occhi di tutti. Si si manifesta in scelte concrete che trovano sostegno e apprezzamento in chi ha a cuore il bene comune e il futuro dei nostri giovani”.

Ottimizzato per il web da:
Monica Ramaroli
0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

dote merito studenti
Dal 10 agosto al via i pagamenti a tutti i destinatari Sono 3.385 gli studenti lombardi eccellenti del secondo ciclo di istruzione e formazione professionale che riceveranno la Dote scuola ...
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di domenica 7 agosto. Somministrate 24.496.923 dosi
occhiali smart
Fabrizio Sala: sperimentazione smart glasses al Parco dei gasometri cofinanziato da Regione Lombardia EssilorLuxottica e i ...
anno scolastico 2022-2023
Dal 5 settembre riapertura delle scuole dell'infanzia È confermato per l'anno scolastico 2022-2023 il calendario scolastico regionale di carattere permanente. L'avvio delle lezioni sarà ...
Rapporto Invalsi Lombardia 2022
F. Sala: bene secondarie di primo grado e secondo anno superiori Invalsi certifica il ritorno alla normalità dopo il Covid Il Rapporto Invalsi Lombardia 2022, ch ...
diritto-studio-universitario-lombardia
Crescono valore borse studio e platea di beneficiari, in particolare studenti pendolari e fuori sede Ampliati limiti di reddito e patrimonio fino al massimo previsto dalla normativa nazio ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima