coronavirus bandi indigenti

Assessore: ammassi privati e velocizzare liquidazione calamità naturali per dare risorse aziende agricole

“Serve rapidità da parte del Governo nella emanazione dei bandi indigenti per dare respiro alle aziende agricole durante l’emergenza coronavirus. Chiediamo, inoltre, di inserire delle clausole anti speculazione volte a escludere quelle imprese che in questo periodo speculano sugli agricoltori e non rispettano i contratti”. Lo ha detto Fabio Rolfi, assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi che, nella mattina di venerdì 20 marzo, in videoconferenza, ha parlato con il ministro Bellanova e gli altri assessori regionali all’Agricoltura dei problemi legati al settore primario causati dall’emergenza coronavirus.

Intervento in sede europea

“Ho richiesto al ministro – ha spiegato l’assessore – un intervento in sede europea per l’applicazione degli ammassi privati, volti ad allentare la pressione sull’offerta. Ritirando parte dei prodotti dal mercato differendone dietro incentivo la vendita a un periodo migliore”.

Il lattiero-caseario

“Soprattutto il settore lattiero caseario – ha aggiunto – soffre questo momento e sarebbe opportuna l’attivazione con fondi europei della compensazione sulla minor produzione come avvenne nel 2016 dopo la questione quote latte”.

Allevatori responsabili

“Gli allevatori responsabili, infatti, stanno producendo meno – ha aggiunto l’assessore che ha chiesto anche semplificazioni burocratiche per usare il siero come fertilizzante e incentivi ai caseifici per un diverso utilizzo del siero stesso – per evitare eccessi produttivi che possano alterare il mercato”.

Siero e biogas

“Sull’incentivo alla collocazione del siero in biogas – ha sottolineato Rolfi – ci stiamo coordinamento come regioni del Nord per definire norme comuni. Ma ma sarebbero auspicabili una regia e un fondo ad hoc da parte del Governo”.

Coinvolgimento grande distribuzione e promozione prodotti italiani

“Per aiutare gli agricoltori lombardi – ha sostenuto l’assessore Rolfi – serve un coinvolgimento della Gdo per una responsabile valorizzazione dei prodotti italiani sugli scaffali dei supermercati anche in virtù dell’aumento delle vendite”.

Pagare le calamità naturali, cimice e maltempo

“È necessario infine – ha continuato – il pagamento delle calamità naturali già riconosciute, su cimice asiatica e maltempo del 2019, e una sospensione del registro debitori creditori”. “È il tempo – ha concluso Rolfi – di accelerare e semplificare, non quello di fare i poliziotti con le aziende”.

gus