Siccità in Lombardia, Tavolo regionale per crisi idrica diventa permanente

Tavolo Lombardia siccità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Sertori: lavoro in sinergia con enti e operatori per affrontare sfide garantendo equilibrio nell'uso della risorsa idrica Rolfi: pressing sul Governo per i risarcimenti, siamo già proiettati ad azioni mirate per il 2023

Si è tenuto in Regione Lombardia il ‘Tavolo per l’utilizzo idrico in agricoltura‘, obiettivo principale: fare il punto sull’andamento della stagione irrigua conclusa e sulle misure adottate per fronteggiare l’emergenza e la crisi idrica, nonché sulla attuale situazione delle risorse idriche e sulle misure per contrastare il ripetersi di tali circostanze.

Situazione attuale

I dati comunicati da Arpa Lombardia confermano una grave situazione di deficit delle scorte idriche rispetto ai dati medi del periodo: le riserve accumulate negli invasi idroelettrici montani e nei grandi laghi regolati sono inferiori del 53% rispetto alla media di riferimento (2006-2020). Alla scarsità di precipitazioni del periodo dicembre 2021-giugno 2022 (di solito ricchi di neve e precipitazioni) si sono associate temperature particolarmente alte nella stagione estiva. Esacerbando una situazione già difficile. In conseguenza, quindi, i danni al comparto agricolo sono stati ingenti.

Rendere Tavolo Lombardia su crisi idrica permanente

Massimo Sertori

“Tutti gli intervenuti – spiega Massimo Sertori, assessore agli Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni – hanno accolto positivamente la nostra proposta di far diventare permanente questo Tavolo con lo scopo di condividere con gli operatori, le associazioni di categoria e gli enti interessati le misure che dovranno essere messe in campo nel medio periodo. È necessario fare tesoro dell’esperienza maturata quest’anno. E interrogarci sugli sviluppi futuri nella gestione delle crisi idriche sapendo che non esistono soluzioni semplici ai problemi complessi”.

Sertori: in estate solo 970 milioni di metri cubi di acqua

“Non dimentichiamo – prosegue – che a inizio giugno, in uno dei periodi di massima necessità irrigua, le risorse idriche disponibili in Lombardia ammontavano mediamente a circa 2.200 milioni di metri cubi d’acqua. Mentre quest’anno ce n’erano solo 970 milioni. In sostanza, meno della metà dell’acqua necessaria. Quindi ben vengano i laghi di cava e lo snellimento della burocrazia per i pozzi a uso irriguo. Dobbiamo però puntare anche sull’incremento della fascia di regolazione dei grandi laghi. E, soprattutto, puntare sugli investimenti per l’ottimizzazione e la manutenzione delle infrastrutture e delle reti di irrigazione”.

Maggiori controlli e lotta all’abusivismo

“Colgo positivamente – continua Sertori – gli spunti degli enti e delle associazioni intervenute. Tutti hanno evidenziato la necessità di attuare azioni preventive e strategie di adattamento per mitigare gli effetti di futuri, eventuali periodi siccitosi, e soprattutto di lavorare in sinergia. Lo scopo è garantire il corretto equilibrio nell’utilizzo della risorsa idrica. Inoltre, hanno puntato l’attenzione sulla necessità di una regolazione e di un maggiore controllo nelle aste fluviali. Anche inasprendo la lotta all’abusivismo nel prelievo di acqua dai fiumi. “Su questo punto – conclude Massimo Sertori – dovremo sicuramente lavorare in collaborazione con le province lombarde”.

Rolfi: in agricoltura danni per 417 milioni

Fabio Rolfi“Saremo in pressing sul Governo – dichiara l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi – per i risarcimenti alle aziende per i danni causati dalla siccità, che ammontano a 417 milioni per la Lombardia, e per l’attivazione delle assicurazioni agevolate, chiedendo anche un impegno a velocizzare l’autorizzazione per i pozzi e i prelievi dalle cave e il monitoraggio costante delle riserve idriche”. “Siamo quindi già al lavoro – aggiunge – per affrontare al meglio la stagione irrigua 2023. Un percorso che svolgiamo insieme a consorzi di bonifica, associazioni agricole e gestori idroelettrici“.

Azioni messe in campo

Unanime è stato inoltre il ringraziamento a Regione Lombardia per le azioni intraprese durante la primavera e l’estate per fronteggiare questa situazione eccezionale. Azioni tra le quali si ricordano la dichiarazione dello stato di emergenza regionale, le discipline sulle deroghe al deflusso minimo vitale e relative al risparmio idrico, nonché gli accordi volontari con gli operatori idroelettrici per il rilascio di acqua dagli invasi a beneficio dell’agricoltura.

gus

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

rosa camuna marotta
Beppe Marotta per la carriera da dirigente e per la 'doppia stella' dell'Inter; l' ...
FRANCO ANELLI
Il presidente della Regione Lombardia e l'assessore all'Università, Ricerca e Innovazione, esprimono a nome dell'intera Giunta "profondo cordoglio per la morte di Franco Anelli, rettore dell'Unive ...
lombardia indianapolis automotive
Dopo Chicago, la missione istituzionale negli Stati Uniti guidata dal presidente della
Atalanta Rosa Camuna
"Il Premio Rosa Camuna, la più alta onorificenza regionale, sarà consegnata in occasione della 

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima