Piani: ok apertura centri estivi, preoccupa silenzio Governo su fascia 0-3

apertura centri estivi lombardi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Nelle ultime settimane abbiamo lavorato con impegno per costruire rapidamente delle linee guida per consentire l’apertura dei centri estivi lombardi, in stretta collaborazione con la Prefettura di Milano e l’Anci. Abbiamo coinvolto anche il Terzo settore e le Diocesi, col contributo delle rappresentanze sindacali”. Lo dice l’assessore regionale a Famiglia, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani, commentando gli effetti dell’ordinanza firmata dal presidente Attilio Fontana che prevede, a partire però dal 15 giugno, anche la riapertura dei servizi per l’infanzia e l’adolescenza.

Apertura centri estivi lombardi: ruolo chiave mondi agricolo e sportivo

“Siamo soddisfatti del lavoro svolto, proprio perché – prosegue l’assessore Piani – i centri estivi offriranno ai nostri ragazzi la possibilità di socializzare e divertirsi. Fornendo un importante sostegno alle famiglie, in termini di conciliazione vita-lavoro. Fondamentale anche il contributo delle associazioni di categoria del mondo agricolo e delle realtà sportive, che hanno messo a disposizione le fattorie didattiche per accogliere i giovani”.

“Preoccupa assenza Governo su fascia 0-3 anni”

L’assessore Piani esprime però “una forte preoccupazione rispetto alla totale assenza di attenzioni da parte del Governo verso i bimbi più piccoli, quelli nella fascia di età da 0 a 3 anni.  “Purtroppo – continua – l’ultimo decreto ha confermato la chiusura, senza darci la possibilità di intervenire. Con evidenti difficoltà per le famiglie e danni ingentissimi ai tanti gestori privati. Che rappresentano una ricchezza fondamentale per la nostra Regione”.

Cassa integrazione

“La situazione è, inoltre, aggravata – sottolinea – dalla mancanza di certezza sulla cassa integrazione. Con migliaia di educatori che si sentono abbandonati dallo Stato”.

Non ci sottrarremo al confronto

“Noi – conclude Piani – non ci sottrarremo al confronto. E proseguiremo nella collaborazione con le rappresentanze di categoria. Nella speranza di poter fornire un supporto concreto e di valutare iniziative condivise”.

dvd

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

sprint lombardia insieme
'Sprint! Lombardia insieme'. Questo il nome della misura varata dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità
Giocattolo sospeso Caritas Ambrosiana
Saranno distribuiti negli empori e botteghe Caritas Ambrosiana della provincia di Milano i
bullismo giada
"Bisogna dire forte 'no' a ogni forma di discriminazione, violenza o aggressione dentro e fuori dalle aule scolastiche". Lo ha ribadito l'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Di ...
bullisimo Lombardia
Il 7 febbraio è la Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo e la Lombardia è attenta al tema. Un appuntamento per riflettere su un fenomeno contr ...
Nuovi parchi inclusivi
Cresce il numero dei parchi gioco inclusivi in Lombardia. L'assessorato regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità mette a disposizione ulteriori risorse per fin ...
realtà sociali Bergamsca
Giornata di visite nella Bergamasca per l'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima