Aziende agricole, Rolfi: in regione assumono lavoratori lombardi, sanatoria inutile

aziende agricole lavoratori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore nel Mantovano: qui esempio concreto del nostro modello

“Queste storie straordinarie di aziende agricole e lavoratori sono l’emblema plastico di quello che sta avvenendo. L’agricoltura è un settore che offre lavoro e molti lombardi stanno cogliendo questa opportunità. Le aziende agricole in Lombardia stanno assumendo persone di questa regione, fanno contratti regolari e garantiscono paghe giuste. Chi ha descritto gli imprenditori agricoli come ‘schiavisti’, ovvero che sfruttano irregolarmente gli immigrati, dovrebbe chiedere scusa. La maxi-sanatoria fatta dal Governo non serve: nei campi della Lombardia servono sburocratizzazione e semplificazione”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura, Fabio Rolfi, che ha visitato due aziende agricole mantovane.

La ‘Francescon’ di Rodigo

La prima, la ‘Francescon’ di Rodigo, è leader italiana nella produzione di meloni e angurie e di recente ha assunto il titolare e alcuni operai di una ditta impiegata nel campo degli allestimenti e della logistica, ‘rimasta ferma’ a causa dell’emergenza Covid-19.

Azienda agricola ‘Boccola’ di Pozzolo sul Mincio

La seconda, l’azienda agricola ‘Boccola’ di Pozzolo sul Mincio, che ha un impianto di 6 ettari di kiwi, ha garantito lavoro a una quindicina di persone rimaste disoccupate negli scorsi mesi.

Un nuovo lavoro nel settore primario

“Ex imprenditori, ex baristi, ex operai edili. Sono molti i ragazzi e le ragazze – ha rilevato l’assessore Rolfi – che hanno trovato una nuova occupazione nei campi dopo aver perso quella precedente. La Regione Lombardia con l’iniziativa ‘Io lavoro in agricoltura’ sta mettendo in relazione domanda e offerta grazie alla collaborazione tra centri per l’impiego e associazioni di categoria”.

Centinaia di curricula

“Abbiamo ricevuto in poche settimane – ha continuato – centinaia di curricula di lombardi che cercano lavoro. La filiera agroalimentare in Lombardia dà lavoro a 150.000 persone ed è un settore nel quale la Regione continuerà a investire”.

Decreti del Governo

“Dai decreti del Governo ci saremmo aspettati tagli alla burocrazia, la reintroduzione dei ticket e maggiori risorse alle filiere in difficoltà. Ovvero florovivaismo, suinicoltura, lattiero-caseario, agriturismi, giusto per citarne alcuni. Invece – ha aggiunto Rolfi – ci siamo ritrovati con una sanatoria che, alla fine, non riguarda il personale che opera nei campi”.

ver

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

coronavirus casi Lombardia
Ti interessa l'aggiornamento quotidiano della vaccinazioni? Clicca
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di mercoledì 10 agosto. Somministrate 24.518.345 dosi
agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutt ...
pest suina barriera cinghiali
Assessore: lavoro di squadra per scongiurare disastro economico Una barriera frutto del lavoro di squadra in Lombardia contro la peste suina per scongiurare il disastro economico legato al ...
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima