call hub ricerca innovazione

Vicepresidente Fabrizio Sala: cambieranno la vita dei cittadini

Smart mobility, connettività e nutrizione tra le aree di interesse

Sono 33 i progetti d’eccellenza finanziati dalla Regione Lombardia con un contributo complessivo di 114,5 milioni di euro rientranti nel Bando ‘Call Hub Ricerca e Innovazione’.

Incremento di 44,5 milioni

Con una delibera approvata su proposta del vicepresidente Fabrizio Sala, la Giunta ha deciso di incrementare con uno stanziamento di ulteriori 44,5 milioni le risorse complessive mirate a sostenere il Bando ‘Call Hub Ricerca e Innovazione’, che prevede il sostegno a gruppi di imprese e università.

I 33 progetti ammessi (sui 78 che avevano presentato domanda) saranno così finanziati generando un investimento complessivo sul territorio, tra risorse pubbliche e private, di oltre 250 milioni di euro.

Progetti unici al mondo

“Sono progetti unici al mondo che cambieranno la vita dei cittadini toccando diversi ambiti tra cui salute, sostenibilità, manifattura avanzata, smart mobility, connettività, nutrizione e cultura” – ha detto Fabrizio Sala vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione.

“Il tasso di innovazione è estremamente elevato – ha aggiunto Sala – e abbiamo stimato che circa il 35% di questi progetti registrerà almeno un nuovo brevetto”.

In tema di salute, nello specifico, i progetti presentati per partecipare al bando ‘Call Hub Ricerca e Innovazione’ permetteranno lo sviluppo di nuovi farmaci e terapie innovative, con modelli predittivi e approcci diagnostici personalizzati, per tantissime patologie (dalle più comuni come il glaucoma, che coinvolge il 2% della popolazione italiana sopra i 40 anni, a quelle più rare e difficili, le malattie neurodegenerative dalla genesi ancora sconosciuta, come la SLA, senza dimenticare le patologie oncologiche). Verranno applicate le tecnologie più avanzate, come la stampa 3D accoppiata a sistemi anatomici, e sviluppati nuovi protocolli per la condivisione e standardizzazione delle procedure di raccolta, trasporto, analisi e trattamento dei campioni biologici e dei dati clinici (biobanca), affinché possano concretizzarsi le promesse di prevenzione individualizzata e diagnosi precoce aperte dagli straordinari sviluppi della genomica nell’ultimo decennio.

Tra i progetti vincitori anche quello di un’etichetta intelligente, capace di adattare il suo messaggio a seconda di stimoli esterni, modificando, ad esempio, la scadenza di un prodotto in relazione al suo stato di conservazione e ‘lampeggiare’ se in prossimità del termine di scadenza o se in cattivo stato di conservazione. Comunicando autonomamente con dispositivi IoT, l’etichetta potra` monitorare le condizioni di trasporto (e.g. catena del freddo), identificare punti di criticita` ed evitare il trasporto di merce compromessa.

O ancora il drone per il trasporto farmaci in condizioni di emergenza e i superfood, alimenti nutrizionalmente migliorati, in grado anche di rispondere a specifiche problematiche di salute dei pazienti.

“Con il nostro bando Call Hub Ricerca e innovazione attiviamo numerose collaborazioni di prestigio, nazionali e internazionali: con università, dipartimenti e centri di ricerca inglesi, svedesi, giapponesi, indiani, oltre che con tutte le Università e gli IRCCS lombardi” ha detto Fabrizio Sala.

Per partecpare alla Call

“Per partecipare alla Call nove imprese hanno scelto di aprire una nuova sede in Lombardia con una positiva ricaduta sul mercato del lavoro. Si conferma così l’attrattività del nostro territorio” ha concluso Sala.

200 partner

Nel bando sono coinvolti più di 200 partner: 45 grandi imprese, 102 MPMI, 57 organismi di ricerca. Si tratta di partenariati ben strutturati a cui partecipano anche le tante imprese lombarde piccole per dimensione ma grandissime per competenze tecniche: ben 80 micro e piccole imprese, tra cui 5 start up innovative.
Da subito inizia la fase di negoziazione tra Regione Lombardia e i partenariati, per affinare insieme i progetti e sottoscrivere gli Accordi.

Dal momento della firma, i progetti dovranno concludersi in 30 mesi (due anni e mezzo).

Sulla Piattaforma Open Innovation sarà sempre possibile trovare assistenza e conoscere gli sviluppi di tutti i progetti.

Scheda elenco progetti vincitori

Ecosistema della Salute e life science, 11 progetti:
– HIBAD, capofila BIOREP (Milano)
– SMART&TOUCH ID, capofila FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI (Milano)
– IMMUN-HUB, capofila UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA
– MYEYE, capofila DOMPÉ FARMACEUTICI (Milano)
– PRINTMED-3D, capofila UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO
– INTERSLA, capofila FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NEUROLOGICO BESTA (Milano)
– INSpIRIT, capofila CENTRO NAZIONALE DI ANDROTERAPIA ONCOLOGICA (Pavia)
– PAIN RELife, capofila ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA (Milano)
– DSF (Digital Smart Fluidics), capofila FLUID-O-TECH (Milano)
– RE-HUB-ILITY, capofila ICS MAUGERI (Pavia)
– NEWMED, capofila POLITECNICO DI MILANO

Sostenibilità, 8 progetti:
– CE4WE (Circular Economy for Water and Energy), capofila UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA
– LOMBHE@T HUB ENERGETICO LOMBARDO, capofila A2A CALORE E SERVIZI (Brescia)
– AGRI HUB, capofila PTP SCIENCE PARK (Lodi)
– I-LABEL, capofila RITRAMA (Monza)
– BIOMASS HUB, capofila AGROMATRICI (Milano, Pavia)
– PIGNOLETTO, capofila ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE (Roma, Milano)
– PRINCE, capofila ISTITUTO ITALIANO DEI PLASTICI (Monza)
– FANGHI, capofila A2A AMBIENTE (Brescia)

Manifattura avanzata, 4 progetti:
– IRCRAM 4.0, capofila CAMOZZI (Brescia)
– WATCHMAN, capofila CONSORZIO INTELLIMECH (Bergamo)
– HUMANS HUB, capofila REI (Cremona)
– ECOCARBONIO, capofila COTONIFICIO OLCESE FERRARI (Brescia)

Smart mobility, 4 progetti:
– MOSORE (Infrastrutture e servizi per la mobilità sostenibile e resiliente), capofila UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA
– HYPER, capofila METELLI (Brescia)
– SAMBA, capofila KALPA (Milano)
– CEMP, capofila DELL’ORTO (Monza, Como)

Connettività e informazione, 3 progetti:
– BASE 5 G, capofila POLITECNICO DI MILANO
– SCC Innovation Hub & Living Lab Network, capofila MEDIACLINICS( Monza)
– NOCTUA (Landscape Monitoring. For everyone. From space), capofila D-ORBIT (Como)

Nutrizione, 2 progetti:
– sPACIALS3 (Miglioramento delle produzioni agroalimentari), capofila CNR (Roma, Milano)
– MIND FoodS Hub, capofila AREXPO (Milano)

Cultura e conoscenza, 1 progetto:
– FAIRE (Fashion Replatforming Hub), capofila DS TECH (Roma, Milano)

La DGR incrementa le risorse già stanziate con la DGR 727/2018 (70 milioni di euro) per finanziare tutti i progetti pervenuti sulla Call Hub che abbiano superato la soglia minima di qualità (85 punti su 100) prevista dal bando.
Alla scadenza del bando (fine marzo 2019) si è infatti registrata una importante partecipazione di partenariati imprese e organismi di ricerca.
La Call Hub è finalizzata a promuovere progetti strategici di R&S di pubblico interesse in termini di potenziamento degli ecosistemi lombardi della ricerca e dell’innovazione.

L’incremento consente di:
a) facilitare le relazioni tra Università, imprese, centri di ricerca e cittadini e la messa a sistema delle competenze strategiche e delle eccellenze presenti sul territorio;
b) promuovere hub territoriali della conoscenza, della ricerca e dell’innovazione con proiezione internazionale, intesi come forme evolute di partenariato che prevedano anche forme di coinvolgimento degli utilizzatori finali (es. living lab);
c) promuovere lo sviluppo duraturo e sostenibile attraverso il potenziamento delle dotazioni materiali ed infrastrutturali della ricerca e innovazione.

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0