Rigenerazione urbana, Cattaneo: dati positivi Lombardia, incremento del 30%

bonifica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“In Lombardia le bonifiche si fanno e i dati parlano chiaro. Alla fine del 2021, il numero totale dei siti censiti in Lombardia nella banca dati regionale AGISCO ammonta a circa 6.100, di cui 2.829 bonificati, 1.006 potenzialmente contaminati e 1.021 contaminati. Dal 2007 sono raddoppiati i siti bonificati e quelli per cui è stata verificata la non contaminazione. Negli ultimi 7 anni sono maggiori i procedimenti conclusi rispetto ai procedimenti aggiunti”.
Lo afferma l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, che ha partecipato oggi al convegno al convegno ‘Rigenerazione urbana e gestione sostenibile delle bonifiche in Lombardia’, organizzato in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Geologi, la Fondazione Centro Studi e l’Ordine nazionale dei Geologi, a Palazzo Pirelli.

Dati bonifiche rigenerazione urbana Lombardia

In termini di estensione, il territorio complessivamente interessato dai procedimenti corrisponde a circa 10.650 ettari (approssimativamente lo 0,4% dell’intero territorio regionale); di questi circa 2/3 sono relativi ai siti con procedimento in corso mentre i restanti sono relativi a siti per i quali è stato concluso positivamente il procedimento (bonificati o non contaminati).

Percorso virtuoso

“Rispetto al 2012 – ricorda l’assessore Cattaneo – i dati confermano un incremento di oltre il 30% nel numero complessivo di siti censiti (dai 4.465 siti del 31.12.2012 ai 5.915 al 2020, sino ai 6.138 a fine 2021), con un aumento molto significativo dei siti bonificati (ovvero siti che hanno completato l’iter di bonifica e sono stati certificati) con un incremento complessivo del 202%”.

Chi inquina paga

“Quando si parla di gestione sostenibile delle bonifiche – spiega l’assessore Cattaneo – si deve pensare non solo alla sostenibilità ambientale, ma anche a quella economica. Non può essere valido il principio che il privato inquina e il pubblico debba poi bonificare. Le risorse pubbliche sono di tutti, quindi i costi della bonifica devono rimanere in capo a chi ha inquinato o a chi vuole valorizzare un’area inquinata. Il pubblico deve intervenire solo dove ci sono emergenze di natura sanitarie e ambientale gravi, e poi deve rivalersi sul privato”.

Tecnologie innovative per rigenerazione urbana Lombardia

“È importante – rimarca Cattaneo – inoltre sviluppare nuove tecnologie, meno impattanti e più innovative. Oggi la maggior parte delle bonifiche avviene ancora con l’asportazione del suolo, la rimozione dei rifiuti dai siti contaminati e la loro ricollocazione altrove. Questa non è la modalità migliore nemmeno dal punto di vista ambientale. Ci sono molte forme di bonifica che possono essere fatte in situ e noi dobbiamo spingere anche affinché vengano approvate norme nazionali. Fondamentale l’uso di tecnologie innovative in situ nella prospettiva della rigenerazione urbana”.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

rifiuti abbandonati lombardia
Approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore regionale all'Ambiente e Clima,
Giornata degli alberi
"La presenza degli alberi nei nostri territori è fondamentale per mitigare le emissioni di gas climalteranti e per svolgere azioni di adattamento ai cambiamenti climatici”. Lo ha detto l ...
variante ferroviaria Cascina Polaresco
Ulteriore passo avanti dell'iter per la realizzazione del raddoppio sulla linea ferroviaria Ponte San Pietro-Bergamo, in particolare della variante in prossimità ...
impianto riciclo plastica Mantova
Rendere ancora più efficiente il riciclo della plastica affiancando ai processi meccanici anche quelle chimici: è ...
Bosco di Vanzago
Regione Lombardia continua negli investimenti, questa volta collaborando con il Bosco di Vanzago, volti a contrastare la perdita di
bicocca ambiente
Uno stanziamento di oltre 350.000 euro promosso dall'assessorato all'Ambiente affinché anche l'università Bicocca di Milano possa realizzare il progetto che ha come obiettivo la ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima