olimpiadi milano cortina 2026

Il sottosegretario: avanti a passo spedito verso Milano-Cortina

Il 17 giugno dello scorso anno il binomio Milano-Cortina ha conquistato la candidatura per le Olimpiadi del 2026. A un anno esatto da quel successo, Antonio Rossi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega ai Grandi eventi sportivi e pluricampione olimpionico, ha fatto il punto della situazione nel corso dell’approfondimento quotidiano trasmesso in diretta Facebook da Lombardia Notizie.

Fondi piano Marshall della Regione anche per i comuni sedi dei Giochi

In relazione al percorso che porterà a Milano-Cortina 2026, Rossi ha chiarito detto. “Stiamo andando avanti a passo spedito. Il comitato organizzatore ha sempre lavorato, è stata costituita la Fondazione che organizza i Giochi. Via libera anche alla Legge Olimpica. Due giorni fa, poi, il ministro Paola De Micheli si è incontrata con il nostro assessore Claudia Terzi per mettere a punto la strategia sulle opere”. Dopo aver ripercorso la strada che ha portato al successo della candidatura di Milano Cortina come sede dei Giochi Olimpici invernali del 2026, Antonio Rossi ha sottolineato l’importanza dei fondi che Regione Lombardia ha stanziato come ‘Piano Marshall’ da 3 miliardi di euro per la ripresa della Lombardia post coronavirus. “Una parte di queste risorse – ha chiarito – andranno infatti anche ai Comuni che ospiteranno i Giochi olimpici”.

olimpiadi 2026

Un cenno al successo di Milano-Cortina pieno di emozioni

Antonio Rossi ha ricordato il percorso che ha portato al successo della candidatura: “Non è stato facile – ha detto – e abbiamo fatto – un ottimo lavoro di squadra con il Coni, i Comuni di Milano e Cortina e la Regione Veneto e con tutti gli altri protagonisti istituzionali di questo evento. Ho disputato cinque edizioni dei Giochi ma l’emozione provata alla proclamazione del 24 giugno 2019 è stata unica. Per vincere è stato molto importante anche l’aiuto delle nostre atlete e il video emozionale presentato ai membri Cio”.

Da agosto il via in Lombardia ai grandi eventi sportivi

Quindi, in riferimento al ruolino di marcia verso la ‘nuova normalità’ post emergenza coronavirus, che porterà anche al progredire dei lavori per i Giochi olimpici, Rossi ha anticipato i programmi legati ai grandi eventi sportivi regionali. “Il Gran Premio di Monza di Formula 1 si correrà regolarmente, anche se – ha ricordato – a porte chiuse, dal 4 al 6 settembre. Saremo protagonisti nella ripartenza del ciclismo, con lo storico Giro di Lombardia ad agosto, l’Under 23 e con ben tre tappe del Giro d’Italia”.

Il peggio è passato, stiamo tornando alla normalità

Infine, Rossi ha chiarito: “Stiamo aspettando dal Ministero il protocollo necessario per le gare di ciclismo e per la pratica degli sport ‘di contatto. A oggi, possiamo comunque affermare che in Lombardia ripartono ufficialmente anche i ‘Grandi Eventi’. È il nostro modo di dare alla nostra regione l’immagine che merita, di dire al mondo che qui il peggio è passato e che guardiamo avanti. Stiamo tornando alla normalità, tornate tutti in Lombardia”.

ben/dbc