stazioni ferroviarie protocollo intermodalità

Potenziare l’accessibilità e l’attrattività delle stazioni, ottimizzare l’integrazione modale tra il treno e il trasporto pubblico su gomma, creare connessioni di qualità con la rete ciclabile, puntare sulla sostenibilità ambientale e sulla mobilità elettrica. Questi gli obiettivi del Protocollo d’intesa per lo sviluppo dell’intermodalità nelle stazioni ferroviarie siglato martedì 22 dicembre da Regione Lombardia e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane).

Agevolare intermodalità stazioni ferroviarie

protocollo intermodalità

“Il Protocollo – ha commentato l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi – è un passo verso l’obiettivo comune di agevolare l’intermodalità ed efficientare i servizi che afferiscono alle stazioni di Rfi. Ripensare gli spazi attorno agli scali ferroviari consente, infatti, da un lato, di implementare le azioni per la mobilità sostenibile. Dall’altro di avviare significative operazioni di riqualificazione urbana considerando il ruolo centrale che le stazioni rivestono all’interno delle città e dei paesi”.

Lavoro comune

tno trasporto pubblico gomma

Con questo accordo si dà quindi avvio a un lavoro comune che mira a ridefinire i piazzali e le aree adiacenti le stazioni. Con interventi capaci di alleggerirle progressivamente dalla prevalenza delle auto private, a favore di bus urbani e regionali, percorsi pedonali e ciclabili, ciclostazioni, spazi dedicati al kiss & ride, ai taxi, alla mobilità condivisa (car, scooter, monopattini e bike sharing) ed elettrica.

Un processo di valorizzazione delle stazioni ferroviarie che punta a trasformarle in un’opportunità preziosa. Per aggregare ed erogare di servizi dedicati alla mobilità integrata, in nuovi hub del trasporto sostenibile e della mobilità nuova.

Nuovo ruolo della stazione

 

treno trasporto pubblico gomma

L’obiettivo di questo accordo è la volontà espressa da Rfi e dalla Regione di co-pianificare un nuovo ruolo della stazione ferroviaria. Il fine ultimo è quindi incentivare gli spostamenti con mezzi pubblici, condivisi ed elettrici, sul territorio, nonché la mobilità attiva. Anche in chiave di sostenibilità ambientale.

Metodi

Un gruppo di lavoro congiunto, quindi, con un approccio data-driven basato sulla condivisione delle informazioni, studierà le soluzioni da mettere in campo. Nonchè le modalità per armonizzarle con le rispettive pianificazioni degli investimenti.

fsb