Via amianto da edifici pubblici, Cattaneo: 10 milioni a Enti locali nel 2022

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Destinatari sono Comuni, Province, Città Metropolitana e Comunità montane

Via l’amianto dagli edifici pubblici: la Giunta di Regione Lombardia su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha approvato i criteri per l’assegnazione agli Enti locali di contributi per 10 milioni di euro. Obiettivo: rimuovere i manufatti contenenti amianto dai fabbricati con qualsiasi destinazione d’uso sul territorio lombardo, di proprietà dei richiedenti, nei quali non si svolga ‘attività economica’. Oltre che sostituire i manufatti rimossi, come, a esempio, per la realizzazione di un tetto nuovo.

Destinatari del provvedimento sono Comuni, Province, Città metropolitana e Comunità montane.

L’intervento, a valere sul Fondo ripresa economica, bissa quello del 2021 e potrà essere oggetto di rifinanziamento sia nel 2022, sia negli anni successivi.

Prezioso strumento anche di rigenerazione urbana

“Sul territorio lombardo – dice Cattaneo – è ancora presente una quantità significativa di manufatti contenenti amianto. Con il bando odierno, che attua tra l’altro il Programma regionale di gestione dei rifiuti, intendiamo offrire un incentivo agli Enti locali per la loro rimozione. Si tratta pure di un prezioso strumento di rigenerazione degli insediamenti urbanistici: un intervento dunque in difesa dell’ambiente e per eliminare agenti inquinanti”.

Finanziabile 100% spese, fino a 250.000 euro

I fondi saranno attribuiti sulla base di punteggi tecnici che terranno conto soprattutto della quantità di amianto da rimuovere. Sarà finanziabile il 100% delle spese ammissibili per ogni intervento, con un importo massimo di 250.000 euro. Saranno sostenute inoltre non soltanto le spese di rimozione e smaltimento dell’amianto. Altresì quelle per i manufatti sostitutivi, secondo delle percentuali che saranno indicate alla pubblicazione del bando prevista per febbraio.

Fondi per interventi difficilmente attuabili

“Da parte degli Enti locali, sul tema – conclude l’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo – c’è grande sensibilità. E lo abbiamo potuto toccare con mano anche col bando precedente. Dunque, l’iniziativa di Regione Lombardia è un incoraggiamento a realizzare interventi che diversamente sarebbero difficilmente attuabili. Oltre a essere un valido strumento di rigenerazione urbana e di eliminazione di un materiale potenzialmente pericoloso per la salute dei cittadini“.

ama

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Giornata degli alberi
"La presenza degli alberi nei nostri territori è fondamentale per mitigare le emissioni di gas climalteranti e per svolgere azioni di adattamento ai cambiamenti climatici”. Lo ha detto l ...
variante ferroviaria Cascina Polaresco
Ulteriore passo avanti dell'iter per la realizzazione del raddoppio sulla linea ferroviaria Ponte San Pietro-Bergamo, in particolare della variante in prossimità ...
impianto riciclo plastica Mantova
Rendere ancora più efficiente il riciclo della plastica affiancando ai processi meccanici anche quelle chimici: è ...
Bosco di Vanzago
Regione Lombardia continua negli investimenti, questa volta collaborando con il Bosco di Vanzago, volti a contrastare la perdita di
bicocca ambiente
Uno stanziamento di oltre 350.000 euro promosso dall'assessorato all'Ambiente affinché anche l'università Bicocca di Milano possa realizzare il progetto che ha come obiettivo la ...
lago varese balneabile e
Il lago di Varese è balneabile nella sua interezza e nell’estate 2023 saranno attivi altri punti di balneazione (oltre a Varese
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima