coronavirus fontana

+++ MARTEDÌ 31 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.15 +++

Gallera: diminuisce il numero dei positivi e degli accessi nelle terapie intensive

“I dati sono la conferma di una speranza. Diminuisce infatti il numero dei positivi e degli accessi alle terapie intensive”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“A oggi infatti – ha aggiunto – sono 603 le persone dimesse dalle terapie intensive e si è passati dai 132 accessi del 24 marzo, ai 122 del 25/3, ai 109 del 26/3, ai 90 del 27/3, agli 85 del 28/3, ai 75 del 29/3, agli 81 di ieri. Non dobbiamo abbassare la guardia e continuare la battaglia che ogni giorno sta dando qualche risultato positivo”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 43.202 (+1.047)

ieri: 42.161 (+1.154)

l’altro ieri: 41.007 (+1592)

e nei giorni precedenti: 39.415 (+2.117), 37.298 (+2.409), 34.889 (+2.543), 32.346 (+1.643), 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

  • i deceduti: 7.199 (+381)

ieri: 6.818 (+458)

l’altro ieri: 6.360 (+416)

e nei giorni precedenti: 5.944 (+542), 5.402 (+541), 4.861 (+387), 4.474 (+296), 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare 22.907, di cui 10.855 con almeno un passaggio in ospedale e quindi in isolamento domiciliare e 12.022 per cui non si rileva alcun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.324 (-6 e 6 in attesa di tampone)

ieri: 1.330 (+2)

l’altro ieri: 1.328 (+9)

e nei giorni precedenti: 1.319 (+27), 1.292 (+29), 1.263 (+27), 1.236 (+42), 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 11.883 (+68)

ieri: 11.815 (+202),

l’altro ieri: 11.613 (+461),

e nei giorni precedenti: 11.152 (+15), 11.137 (+456), 10.681 (+655), 10.026 (+315), 9.266 (-173), 9.439, (+1.181), 8.258 (+523), 7.735(+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3.319, 2.802, 2.217, 1.661

  • i tamponi effettuati: 114.640

ieri: 111.057

l’altro ieri: 107.398,

e nei giorni precedenti: 102.503, 95.860, 87.713, 81.666, 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 8.803 (+139)

ieri: 8.664 (+137)

l’altro ieri: 8.527 (+178)

e nei giorni precedenti: 8.349 (+289), 8.060 (+602), 7.458 (+386), 7.072 (+344), 6.471, (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

  • Brescia: 8.367 (+154)

ieri: 8.213 (+200)

l’altro ieri: 8.013 (+335)

e nei giorni precedenti: 7.678 (+373), 7.305 (+374), 6.931 (+334), 6.597 (+299), 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

  • Como: 1.101 (+40)

ieri: 1.061 (+47)

l’altro ieri: 1.014 (+111)

e nei giorni precedenti: 903 (+87), 816 (+54), 762 (+56), 706 (+71), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

  • Cremona: 3.869 (+81)

ieri: 3.788 (+26)

l’altro ieri: 3.762 (+157)

e nei giorni precedenti: 3.605 (+109), 3.496 (+126), 3.370 (+214), 3.156 (+95), 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

  • Lecco: 1.470 (+33)

ieri: 1.437 (+56)

l’altro ieri: 1.381 (+65)

e nei giorni precedenti: 1.316 (+106), 1.210 (+51), 1.159 (+83), 1.076 (+61), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440,386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

  • Lodi: 2.116 (+29)

ieri: 2.087 (+30)

l’altro ieri: 2.057 (+28)

e nei giorni precedenti: 2.029 (+23), 2.006 (+38), 1.968 (+84), 1.884 (+24), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528 (+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

  • Monza e Brianza: 2.462 (+100)

ieri: 2.362 (+97)

l’altro ieri: 2.265 (+179)

e nei giorni precedenti: 2.086 (+138), 1.948 (198), 1.750 (+163), 1.587 (+133), 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

  • Milano: 8.911 (+235), di cui 3.656 (+96) a Milano città

ieri 8.676 (+347), di cui 3.560 a Milano città (+154)

l’altro ieri: 8.329 (+546), di cui 3.406 a Milano città (+247)

e nei giorni precedenti: 7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano città (+150),7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano città (+261): 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310), 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141), 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137), 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.688 (+71)

ieri: 1.617 (+67)

l’altro ieri: 1.550 (+66),

e nei giorni precedenti: 1.484 (+86), 1.398 (+148), 1.250 (+74), 1.176 (83), 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

  • Pavia: 2.133 (+97)

ieri: 2.036 (+62)

l’altro ieri: 1.974 (+97)

e nei giorni precedenti: 1.877 (+165), 1.712 (+27), 1.685 (+107), 1.578 (+79), 1.444 (+138), 1.306, (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

  • Sondrio: 470 (+24)

ieri: 446 (+24)

l’altro ieri: 422 (+34)

e nei giorni precedenti: 388 (+26), 362 (+37), 325 (+41), 284 (+31), 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4

  • Varese: 893 (27)

ieri: 866 (+54)

l’altro ieri: 812 (+44),

e nei giorni precedenti: 768 (+57), 711 (+209), 502 (+34), 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310, +45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e in corso di verifica 925.

dvd

—————————————————————————————————————————-

+++ LUNEDÌ 30 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.15 +++

Gallera: rallentano i contagi

“I dati, fortunatamente, confermano quello che abbiamo visto ieri e cioè che, in quasi tutta la Regione, c’è una riduzione dei contagi e degli accessi significativa nei Pronto soccorso”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

I dati

Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

– i casi positivi sono: 42.161 (+1.154)

Ieri: 41.007 (+1592)

l’altro ieri: 39.415 (+2.117)

e nei giorni precedenti: 37.298 (+2.409), 34.889 (+2.543), 32.346 (+1.643), 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

  • i deceduti: 6.818 (+458)

ieri: 6.360 (+416)

l’altro ieri: 5.944 (+542)

e nei giorni precedenti: 5.402 (+541), 4.861 (+387), 4.474 (+296), 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare 22.198, di cui 10.337 con almeno un passaggio in ospedale e quindi in isolamento domiciliare e 11.861 per cui non si rileva alcun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.330 (+2)

ieri: 1.328 (+9)

l’altro ieri: 1.319 (+27)

e nei giorni precedenti: 1.292 (+29), 1.263 (+27), 1.236 (+42), 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 11.815 (+202)

ieri: 11.613 (+461)

l’altro ieri: 11.152 (+15)

e nei giorni precedenti: 11.137 (+456), 10.681 (+655), 10.026 (+315), 9.266 (-173), 9.439, (+1.181), 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661

  • i tamponi effettuati: 111.057

ieri: 107.398

l’altro ieri: 102.503

e nei giorni precedenti: 95.860, 87.713, 81.666, 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 8.664 (+137)

ieri: 8.527 (+178)

l’altro ieri: 8.349 (+289)

e nei giorni precedenti: 8.060 (+602), 7.458 (+386), 7.072 (+344), 6.471 (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

  • Brescia: 8.213 (+200)

ieri: 8.013 (+335)

l’altro ieri: 7.678 (+373)

e nei giorni precedenti: 7.305 (+374), 6.931 (+334), 6.597 (+299), 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

  • Como: 1.061 (+47)

ieri: 1.014 (+111)

l’altro ieri: 903 (+87)

e nei giorni precedenti: 816 (+54), 762 (+56), 706 (+71), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

  • Cremona: 3.788 (+26)

ieri: 3.762 (+157)

l’altro ieri: 3.605 (+109)

e nei giorni precedenti: 3.496 (+126), 3.370 (+214), 3.156 (+95), 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

  • Lecco: 1.437 (+56)

ieri: 1.381 (+65)

l’altro ieri: 1.316 (+106)

e nei giorni precedenti: 1.210 (+51), 1.159 (+83), 1.076 (+61), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

  • Lodi: 2.087 (+30)

ieri: 2.057 (+28)

l’altro ieri: 2.029 (+23)

e nei giorni precedenti: 2.006 (+38), 1.968 (+84), 1.884 (+24), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528 (+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1.320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

  • Monza e Brianza: 2.362 (+97)

ieri: 2.265 (+179)

l’altro ieri: 2.086 (+138)

e nei giorni precedenti: 1.948 (198), 1.750 (+163), 1.587 (+133), 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

  • Milano: 8.676 (+347), di cui 3.560 a Milano città (+154)

ieri: 8.329 (+546), di cui 3.406 a Milano città (+247)

l’altro ieri: 7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano città (+150)

e nei giorni precedenti: 7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano città (+261): 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310), 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141), 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137), 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1.378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.617 (+67)

ieri: 1.550 (+66)

l’altro ieri: 1.484 (+86)

e nei giorni precedenti: 1.398 (+148), 1.250 (+74), 1.176 (83), 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

  • Pavia: 2.036 (+62)

ieri: 1.974 (+97)

l’altro ieri: 1.877 (+165)

e nei giorni precedenti: 1.712 (+27), 1.685 (+107), 1.578 (+79),

1.444 (+138), 1.306, (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

  • Sondrio: 446 (+24)

ieri: 422 (+34)

l’altro ieri: 388 (+26)

e nei giorni precedenti: 362 (+37), 325 (+41), 284 (+31), 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4

  • Varese: 866 (+54)

ieri: 812 (+44)

l’altro ieri: 768 (+57)

e nei giorni precedenti: 711 (+209), 502 (+34), 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e in corso di verifica 908.

 

I DATI NEI COMUNI

  • Milano: 3.560 (+154), ieri: 3.406 (+247)
  • Brescia: 1.249 (+20), ieri: 1.229 (+45)
  • Bergamo: 1.088 (+20), ieri: 1.068 (+33)
  • Cremona: 1.016 (+4), ieri 1.012 (+36)
  • Monza: 421 (+11), ieri 407 (+33)
  • Lodi: 398 (+11), ieri 387 (+6)
  • Codogno: 283 (+1), ieri 282 (+5).

dvd

——————————————————————————————————————————-

+++ DOMENICA 29 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.15 +++

Gallera: i 1600 posti in terapia intensiva sono un qualcosa che non ha eguali

“Oggi abbiamo superato ampiamente i 1.600 posti letto in terapia intensiva, partendo da 724.

Qualcosa che non credo abbia eguali in nessun sistema sanitario”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nella consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline per fare il sull’emergenza coronavirus.

L’assessore ha quindi ricordato che si rafforza ulteriormente il nostro servizio sanitario lombardo, “grazie alla solidarietà internazionale”. “Ieri – ha ricordato – sono arrivati 15 medici e infermieri polacchi e oggi sono arrivati 10 medici e 20 infermieri dall’Albania. Questi sono segnali importanti per noi, che abbiamo bisogno di rafforzare i presidi nelle aree più esposte. Ormai quasi tutti i nostri ospedali si sono riadattati per assistere le persone affette dal coronavirus. Oggi l’area di Brescia è un altro dei fronti caldi che abbiamo. Il grandissimo sforzo di tutto questo sistema ci ha consentito di reggere.

Ospedali come quello di Varese o il San Gerardo di Monza hanno gli stessi pazienti delle aree calde perchè grazie ai trasferimenti riusciamo a far reggere ancora anche i presidi più esposti”.

 

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 41.007 (+1.592)

ieri: 39.415 (+2.117)

l’altro ieri: 37.298 (+2.409)

e nei giorni precedenti: 34.889 (+2.543)

32.346 (+1.643), 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

  • i deceduti: 6.360 (+416)

ieri: 5.944 (+542)

l’altro ieri: 5.402 (+541)

e nei giorni precedenti: 4.861 (+387), 4.474 (+296), 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare 21.706 (+706), di cui 9.255 con almeno un passaggio in ospedale e quindi in isolamento domiciliare e 12.451 per cui non si rileva alcun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.328 (+9)

ieri: 1.319 (+27)

l’altro ieri: 1.292 (+29)

e nei giorni precedenti: 1.263 (+27), 1.236 (+42), 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 11.613 (+461)

ieri: 11.152 (+15)

l’altro ieri: 11.137 (+456)

e nei giorni precedenti: 10.681 (+655), 10.026 (+315), 9.266 (-173), 9.439, (+1.181), 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661

  • i tamponi effettuati: 107.398

ieri: 102.503

l’altro ieri: 95.860

e nei giorni precedenti: 87.713, 81.666, 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 8.527 (+178)

ieri: 8.349 (+289)

l’altro ieri: 8.060 (+602)

e nei giorni precedenti: 7.458 (+386), 7.072 (+344), 6.471 (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

  • Brescia: 8.013 (+335)

ieri: 7.678 (+373)

l’altro ieri: 7.305 (+374)

e nei giorni precedenti: 6.931 (+334), 6.597 (+299), 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

  • Como: 1.014 (+111)

ieri: 903 (+87)

l’altro ieri: 816 (+54)

e nei giorni precedenti: 762 (+56), 706 (+71), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

  • Cremona: 3.762 (+157)

ieri: 3.605 (+109)

l’altro ieri: 3.496 (+126)

e nei giorni precedenti: 3.370 (+214), 3.156 (+95), 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

  • Lecco: 1.381 (+65)

ieri: 1.316 (+106)

l’altro ieri: 1.210 (+51)

e nei giorni precedenti: 1.159 (+83), 1.076 (+61), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

  • Lodi: 2.057 (+28)

ieri: 2.029 (+23)

l’altro ieri: 2.006 (+38)

e nei giorni precedenti: 1.968 (+84), 1.884 (+24), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528 (+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1.320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

  • Monza e Brianza: 2.265 (+179)

ieri: 2.086 (+138)

l’altro ieri: 1.948 (198)

e nei giorni precedenti: 1.750 (+163), 1.587 (+133), 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268) 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

  • Milano: 8.329 (+546), di cui 3.406 a Milano città (+247)

ieri: 7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano città (+150) l’altro ieri: 7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano città (+261) e nei giorni precedenti: 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310), 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141), 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137), 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.550 (+66)

ieri: 1.484 (+86)

l’altro ieri: 1.398 (+148)

e nei giorni precedenti: 1.250 (+74), 1.176 (83), 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

  • Pavia: 1.974 (+97)

ieri: 1.877 (+165)

l’altro ieri: 1.712 (+27)

e nei giorni precedenti: 1.685 (+107), 1.578 (+79), 1.444 (+138), 1.306, (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

  • Sondrio: 422 (+34)

ieri: 388 (+26)

l’altro ieri: 362 (+37)

e nei giorni precedenti: 325 (+41), 284 (+31), 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4

  • Varese: 812 (+44)

ieri: 768 (+57)

l’altro ieri: 711 (+209)

e nei giorni precedenti: 502 (+34), 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e in corso di verifica 901.

 

I DATI NEI COMUNI

  • Milano: 3.406, +247
  • Brescia: 1.229, + 45
  • Bergamo: 1.068, +33
  • Cremona: 1.012, + 36
  • Crema: 410, +10
  • Monza: 407, +33
  • Lodi: 387, +6
  • Codogno: 282, +5
  • Pavia: 226, +11
  • Lecco: 210, +7
  • Como: 160, +18
  • Varese: 73, +5.

dvd

——————————————————————————————————————————–

+++ SABATO 28 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.10 +++

Gallera: tamponi, rispettiamo linee Iss ma cure a tappeto per chi ha sintomi

All’ospedale di Brescia già operativi 15 medici polacchi

“I dati sono migliori di ieri e gli accessi ai Pronto soccorso, come mostrano i trend di Bergamo, Como, Pavia e Milano, che sono indicativi per tutta la regione, sono diminuiti significativamente negli ultimi 3 o 4 giorni”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di Lombardia Notizie Online per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

“Se nelle prime settimane di tsunami – ha spiegato Gallera – di fronte all’onda lunga dell’epidemia che avanzava abbiamo dovuto, compiendo sforzi titanici, ampliare l’offerta ospedaliera, oggi dobbiamo concentrarci sul rafforzamento della rete territoriale, un lavoro che è già iniziato in maniera strutturata e che andremo a intensificare giorno dopo giorno”.

“Siamo già partiti con 3 brigate di assistenza domiciliare Covid-19, unità speciali di continuità (USCA) che agiscono in coordinamento con i medici di base ad Alzano, Nembro ed Albino e
abbiamo già predisposto le degenze di sorveglianza con 28 posti al Winter Hotel di Grassobbio, 120 posti al Cristallo Palace di Bergamo e 100 posti all’Hotel ‘La Muratella’ e, da lunedì, saranno attivate a Montichiari e Orzinuovi e via via partiranno in tutte le altre aree della regione’.

“Questo – ha sottolineato Gallera – è il modo più concreto per andare oltre l’emergenza, prendersi cura dei cittadini lombardi e superare l’imbuto dei laboratori che processano i tamponi che, sebbene siano passati da 2 a 22 in poco più di un mese, non sono in grado di produrne più di 5.000 al giorno”.

A questo proposito l’assessore ha voluto puntualizzare che la Lombardia è la regione che ha eseguito più tamponi in Italia, con un numero odierno di oltre 102.000.

‘Ci siamo sempre affidati alle linee guida dei comitati scientifici dell’Istituto Superiore di Sanità e del Consiglio Superiore di Sanità, all’inizio effettuando un alto numero di tamponi per tracciare la diffusione iniziale del contagio e poi, dal 26 febbraio, agendo solo sui sintomatici, dato che la
posizione del CSS, ribadita dall’Oms, considerava inappropriati e non funzionali gli screening di massa. Ora – aggiunto – abbiamo previsto, con la delibera del 23 marzo, il monitoraggio su tutti gli operatori sanitari degli ospedali e delle RSA (300.000) e dei medici di medicina generale (8.000) e a, questo fine, abbiamo necessità di allargare la platea dei laboratori e perciò abbiamo chiesto supporto ai laboratori privati’.

Dalla settimana prossima 15 medici polacchi saranno operativi agli Spedali Civili di Brescia a supporto della struttura che, in queste settimane, è fortemente sotto pressione. “Questa
operazione – ha specificato Gallera – è stata possibile grazie agli ottimi rapporti instaurati con il corpo consolare presente in Lombardia”.

“Infine – ha concluso l’assessore – siamo pronti a somministrare a domicilio in via precoce ai malati sintomatici i farmaci sperimentali contro il Covid-19 come clorochina, idrossiclorochina, e anti-reumatoidi”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 39.415 (+2.117)
    ieri: 37.298 (+2.409)
    l’altro ieri: 34.889 (+2.543)
    e nei giorni precedenti: 32.346 (+1.643), 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612
  • i deceduti: 5.944 (+542)
    ieri: 5.402 (+541)
    l’altro ieri: 4.861 (+387)
    e nei giorni precedenti: 4.474 (+296), 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare 21.000 (+1.533), di cui 8.962 con almeno un passaggio in ospedale e quindi in isolamento domiciliare e 12.038 per cui non si rileva alcun passagio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.319 (+27)
    ieri: 1.292 (+29)
    l’altro ieri: 1.263 (+27)
    e nei giorni precedenti: 1.236 (+42), 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050(+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 11.152 (+15)
    ieri: 11.137 (+456)
    l’altro ieri: 10.681 (+655)
    e nei giorni precedenti: 10.026 (+315), 9.266 (-173), 9.439 (+1.181), 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661
  • i tamponi effettuati: 102.503
    ieri: 95.860
    l’altro ieri: 87.713
    e nei giorni precedenti: 81.666, 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 8.349 (+289)
    ieri: 8.060 (+602)
    l’altro ieri: 7.458 (+386)
    e nei giorni precedenti: 7.072 (+344), 6.471 (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537
  • Brescia: 7.678 (+373)
    ieri: 7.305 (+374)
    l’altro ieri: 6.931 (+334)
    e nei giorni precedenti: 6.597 (+299), 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155
  • Como: 903 (+87)
    ieri: 816 (+54)
    l’altro ieri: 762 (+56)
    e nei giorni precedenti: 706 (+71), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338(+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11
  • Cremona: 3.605 (+109)
    ieri: 3.496 (+126)
    l’altro ieri: 3.370 (+214)
    e nei giorni precedenti: 3.156 (+95), 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406
  • Lecco: 1.316 (+106)
    ieri: 1.210 (+51)
    l’altro ieri: 1.159 (+83)
    e nei giorni precedenti: 1.076 (+61), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8
  • Lodi: 2.029 (+23)
    Ieri: 2.006 (+38)
    l’altro ieri: 1.968 (+84)
    e nei giorni precedenti: 1.884 (+24), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528(+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658
  • Monza e Brianza: 2.086 (+138)
    ieri: 1.948 (198)
    l’altro ieri: 1.750 (+163)
    e nei giorni precedenti: 1.587 (+133), 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19
  • Milano: 7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano città (+150)
    ieri: 7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano città (+261)
    l’altro ieri: 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310)

e nei giorni precedenti: 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141) , 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137), 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.484 (+86)
    ieri: 1.398 (+148)
    l’altro ieri: 1.250 (+74)
    e nei giorni precedenti: 1.176 (83), 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26
  • Pavia: 1.877 (+165)
    ieri: 1.712 (+27)
    l’altro ieri: 1.685 (+107)
    e nei giorni precedenti: 1.578 (+79), 1.444 (+138), 1.306 (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151
  • Sondrio: 388 (+26)
    Ieri: 362 (+37)
    l’altro ieri: 325 (+41)
    e nei giorni precedenti: 284 (+31), 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4,
  • Varese: 768 (+57)
    ieri: 711 (+209)
    l’altro ieri: 502 (+34)
    e nei giorni precedenti: 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e in corso di verifica 1.149.

str

——————————————————————————————————————————

 

+++ VENERDÌ 27 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.50 +++

Gallera: diminuisce pressione nei Pronto soccorso, non abbassiamo la guardia. Continuiamo a lavorare

L’esperienza del giornalista Carlo Gaeta ricoverato per Covid-19

“I dati sono ancora un po’ alti, ma in linea con quelli di ieri”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di Lombardia Notizie Online per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.
Il collegamento di oggi si è aperto con la testimonianza del giornalista monzese Carlo Gaeta, ricoverato all’ospedale di Legnano in quanto colpito da Covid-19, che ha raccontato la sua esperienza, ringraziando l’ottimo lavoro svolto da medici e infermieri e ha invitato tutti i cittadini a rispettare le regole per sconfiggere al più presto il virus.
“Il mio percorso – ha detto Gaeta – è la testimonianza concreta di come il Coronavirus può essere sconfitto”.

“C’è però un elemento confortante – ha aggiunto Gallera – continua a ridursi la pressione sui Pronto soccorso. Al Policlinico San Matteo di Pavia abbiamo registrato addirittura una riduzione degli accessi del 30% e, a Lodi, il numero di pazienti che hanno fatto accessi per problemi non connessi al Covid-19 è più alto del numero dei pazienti Coronavirus”.

“Gli sforzi che stiamo compiendo oggi – ha detto ancora – stanno danno risultati misurabili, ossia che negli ospedali si comincia lentamente ad allentare la pressione, a partire dai punti di accesso dei malati”.

“Sull’altro fronte, stiamo rafforzando in maniera significativa l’attività sul territorio per prenderci cura di quelle persone cosiddette ‘paucisintomatiche’, recependo una direttiva nazionale che ha accolto le richieste dei medici di base di maggiore tutela, affiancando loro dei pool di assistenza
domiciliare. Anche in Lombardia – ha puntualizzato – stiamo dunque procedendo a rimodulare l’assistenza domiciliare integrata su un modello di ADI Covid-19”.

Su richiesta dei medici di medicina generale, unità speciali di continuità assistenziale (USCA) andranno a visitare i pazienti, li sorveglieranno o stabiliranno, se necessario, collocarli in
degenze di sorveglianza quando non possono essere sorvegliati al proprio domicilio.

“Da 36 giorni – ha concluso Gallera – con un’intensità pazzesca, insieme ai medici e agli infermieri, lavoriamo senza sosta per sconfiggere il virus. Apriamo posti di terapia intensiva,
riconvertiamo ospedali per offrire a tutti i pazienti, come il giornalista Carlo Gaeta, di poter tornare a respirare e a vivere normalmente”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 37.298 (+2.409)
    ieri: 34.889 (+2.543)
    l’altro ieri: 32.346 (+1.643)
    e nei giorni precedenti: 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.2729, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612
  • i deceduti: 5.402 (+541)
    ieri: 4.861 (+387)
    l’altro ieri: 4.474 (+296)
    e nei giorni precedenti: 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare 19.467 (+1.356)
  • in terapia intensiva: 1.292 (+29)
    ieri: 1.263 (+27)
    l’altro ieri: 1.236 (+42)
    e nei giorni precedenti: 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 11.137 (+456)
    ieri: 10.681 (+655)
    l’altro ieri: 10.026 (+315)
    e nei giorni precedenti: 9.266 (-173), 9.439 (+1.181), 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661
  • i tamponi effettuati: 95.860
    ieri: 87.713
    l’altro ieri: 81.666
    e nei giorni precedenti: 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 8.060 (+602)
    ieri: 7.458 (+386)
    l’altro ieri: 7.072 (+344)
    e nei giorni precedenti: 6.471 (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537
  • Brescia: 7.305 (+374)
    ieri: 6.931 (+334)
    l’altro ieri: 6.597 (+299)
    e nei giorni precedenti: 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155
  • Como: 816 (+54)
    ieri: 762 (+56)
    l’altro ieri: 706 (+71)
    e nei giorni precedenti: 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11
  • Cremona: 3.496 (+126)
    ieri: 3.370 (+214)
    l’altro ieri: 3.156 (+95)
    e nei giorni precedenti: 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406
  • Lecco: 1.210 (+51)
    ieri: 1.159 (+83)
    l’altro ieri: 1.076 (+61)
    e nei giorni precedenti: 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8
  • Lodi: 2.006 (+38)
    ieri: 1.968 (+84)
    l’altro ieri: 1.884 (+24)
    e nei giorni precedenti: 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528 (+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1.320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658
  • Monza e Brianza: 1.948 (198)
    ieri: 1.750 (+163)
    l’altro ieri: 1.587 (+133)
    e nei giorni precedenti: 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19
  • Milano: 7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano città (+261)
    ieri: 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310)
    l’altro ieri: 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141)
    e nei giorni precedenti: 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137), 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361
  • Mantova: 1.398 (+148)
    ieri: 1.250 (+74)
    l’altro ieri: 1.176 (83)
    e nei giorni precedenti: 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26
  • Pavia: 1.712 (+27)
    ieri: 1.685 (+107)
    l’altro ieri: 1.578 (+79)
    e nei giorni precedenti: 1.444 (+138), 1.306 (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151
  • Sondrio: 362 (+37)
    ieri: 325 (+41)
    l’altro ieri: 284 (+31)
    e nei giorni precedenti: 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4, 4
  • Varese: 711 (+209)
    ieri: 502 (+34)
    l’altro ieri: 468 (+18)
    e nei giorni precedenti: 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e 805 in corso di verifica.

dvd/str

—————————————————————————————————————————–

+++ GIOVEDÌ 26 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.30 +++

Gallera: cresce il numero delle persone guarite

“In Lombardia crescono in maniera significativa coloro che sono guariti dal Covid-19. I pazienti dimessi dagli ospedali sono arrivati a quota 7.839 con una crescita di 1.501 in un giorno”.

L’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, è partito dando questa buona notizia durante il punto stampa sull’emergenza coronavirus in diretta Facebook.

Gallera ha anche annunciato che “37 respiratori sono stati collocati nelle nostre strutture ospedaliere grazie alla Croce Rossa consentendo l’aumento dei posti per le terapie intensive.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 34.889 (+2.543)
    ieri: 32.346
  • i deceduti: 4.861 (+387)
    ieri: 4.474
  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 18.111
  • in terapia intensiva: 1.263 (+27)
    ieri: 1.236
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 10.681 (+655)
    ieri: 10.026
  • i tamponi effettuati: 87.713
    ieri: 81.666

I casi per provincia:

  • Bergamo: 7.458
    ieri: 7.072
  • Brescia: 6.931
    ieri: 6.597
  • Como: 762
    ieri: 706
  • Cremona: 3.370
    ieri: 3.156
  • Lecco: 1.159
    ieri: 1.076
  • Lodi: 1.962
    ieri: 1.884
  • Monza e Brianza: 1.750
    ieri: 1.587
  • Milano: 6.922 di cui 2.748 a Milano città (+330)
    ieri: 6.074
  • Mantova: 1.250
    ieri: 1.176
  • Pavia: 1.685
    ieri: 1.578
  • Sondrio: 325
    ieri: 284
  • Varese: 502
    ieri: 468

e 807 in corso di verifica.

gal

——————————————————————————————————————————–

+++ MERCOLEDÌ 25 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.20 +++

Gallera: contagi costanti sono da valutare positivamente. Avanti su questa strada

 

“Il quadro dei contagi è costante, abbiamo fatto uno scalino in giù e ci siamo attestati su una linea bassa”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizeOnline per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

“La voce della trincea – ha aggiunto – ci dice che la pressione sui Pronto soccorso si è ridotta. Dobbiamo intensificare i nostri sforzi e abbiamo un motivo in più per restare a casa. Aggrappandoci a questi risultati e continuiamo su questa strada”.

Gallera ha poi ringraziato le Ong (Emergency, Fondazione Rava) che “stanno dando una mano importante nella bergamasca”.

A Brescia, invece, “altra area profondamente ferita”, si continua a “lavorare con una grande sinergia fra pubblico e privato che ha consentito di non ricorrere a ospedali da campo.

Grazie alla direzione strategica degli Spedali Civili sono stati recuperati 150 posti all’interno dell’ospedale. Grazie alla sinergia con il privato sono state coinvolte la Poliambulanza e le strutture del Gruppo San Donato collocate sul territorio, all”Istituto clinico città di Brescia’, gli ospedali di Ome, realtà che ci hanno consentito di non usare strutture provvisorie e precarie. Una risposta importante del ‘sistema bresciano’ di fare sinergia”.

Da domani, inoltre, ed entro 4 giorni verranno aperti altri 123 posti letto (53 alla ‘Domus salutis’, 30 alla Don Gnocchi e 40 alla Maugeri).

Più del 20% del personale recuperato è stato inviato sul territorio bresciano. Su 700 totali, infatti, 150 sono andati in provincia di Brescia. Tra questi, 14 specializzandi in rianimazione e 50 infermieri agli Spedali Civili, 16 al Garda e 42 alla Franciacorta.

Gallera ha quindi ringraziato “l’ambasciata e il consolato americano che ci hanno donato sette bilici di materiali sanitario”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 32.346 (+1.643)

ieri: 30.703 (+1.942)

l’altro ieri: 28.761 (+1.555)

e nei giorni precedenti: 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

  • i deceduti: 4.474 (+296)

ieri: 4.178 (+402)

l’altro ieri: 3.776 (+320)

e nei giorni precedenti: 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 16.610 di cui 7.281 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 9.323 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.236 (+42)

ieri: 1.194 (+11)

l’altro ieri: 1.183 (+41)

e nei giorni precedenti: 1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 10.026 (+315)

ieri: 9.711 (+445)

l’altro ieri: 9.266 (-173)

e nei giorni precedenti: 9.439 (+1.181), 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661

  • i tamponi effettuati: 81.666

ieri: 76.695

l’altro ieri: 73.242

e nei giorni precedenti: 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 7.072 (+344)

ieri: 6.728 (+257)

l’altro ieri: 6.471 (+255), 6.216 (+347) e nei giorni precedenti: 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

  • Brescia: 6.597 (+299)

ieri: 6.298 (+393)

l’altro ieri: 5.905 (+588)

e nei giorni precedenti: 5.317 (+289), 5.028 (+380) 4.648 (+401), 4.247(+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

  • Como: 706 (+71)

ieri: 635 (54)

l’altro ieri: 581 (+69)

e nei giorni precedenti: 512 (+60), 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

  • Cremona: 3.156 (+95)

ieri: 3.061 (+136)

l’altro ieri: 2.925 (+30)

e nei giorni precedenti: 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

  • Lecco: 1.076 (+61)

ieri: 1.015 (+81)

l’altro ieri: 934 (+62)

e nei giorni precedenti: 872 (+54), 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

  • Lodi: 1.884 (+24)

ieri: 1.860 (43)

l’altro ieri: 1.817 (+45)

e nei giorni precedenti: 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528(+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1.320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

  • Monza e Brianza: 1.587 (+133)

ieri: 1.454 (+324)

l’altro ieri: 1.130 (+22)

e nei giorni precedenti: 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

  • Milano: 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141)

ieri: 5.701 (+375) di cui 2.297 a Milano città (+121)

l’altro ieri: 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137)

e nei giorni precedenti: 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.176 (83)

ieri: 1.093 (+108)

l’altro ieri: 985 (+80)

e nei giorni precedenti: 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

  • Pavia: 1.578 (+79)

ieri: 1.499 (+55)

l’altro ieri: 1.444 (+138)

e nei giorni precedenti: 1.306 (+112), 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

  • Sondrio: 284 (+31)

ieri: 253 (+45)

l’altro ieri: 208 (+3)

e nei giorni precedenti: 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4, 4

  • Varese: 468 (+18)

ieri: 450 (+29)

l’altro ieri: 421 (+35)

e nei giorni precedenti: 386 (+27), 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e 688 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————-

+++ MARTEDÌ 24 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.30 +++

Gallera: oggi abbiamo 1500 posti in terapia intensiva, +110%

A Codogno, ex area rossa, zero contagi nella giornata odierna

 

“La Regione Lombardia è riuscita ad aumentare del 110% i posto in terapia intensiva portandoli – da 724 – a 1500”. Lo ha sottolineato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizeOnline per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

“Non è finita – ha aggiunto – perchè vogliamo continuare a garantire un’assistenza adeguata e ricoverare chi ne ha più bisogno. Domani ne apriamo altri 5 a Legnano e, 5 al San Carlo e giovedì 16 al Policlinico e 10 al Niguarda”.

Continua anche il lavoro serrato per alleggerire gli ospedali più in difficoltà. Domani, infatti, sarà operativo l’ospedale da campo di Crema dove lavoreranno 52 fra medici e infermieri cubani. Andranno invece al Papa Giovanni di Bergamo 30 medici russi inizialmente destinati a Sondalo. Sempre a Bergamo, in fiera, è in fase di allestimento un ospedale da campo realizzato dall’associazione nazionale Alpini della Lombardia.

“Stiamo lavorando anche su area di Brescia – ha aggiunto – e a tutto il personale va il nostro grazie. Qui sono 90 i posti letto ricavati, segno della grande capacità gestionale e operativa, visto che anche l’ospedale di Orzinuovi è stato riadattato”.

Gallera, prima di illustrare i dati della giornata ha sottolineato che “a Codogno, comune del lodigiano dove, un mese fa, ci sono stati i primi casi di coronavirus in Italia, oggi le persone positive sono 268, con zero contagi in più rispetto a ieri”. Allo stesso tempo ha invitato a leggere con attenzione i dati odierni relativi alla provincia di Monza e Brianza perchè, molto probabilmente, oggi sono arrivati risultati di campioni di giorni precedenti.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 30.703 (+1.942)

ieri: 28.761 (+1.555)

l’altro ieri: 27.206 (+1.691)

e nei giorni precedenti: 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.272, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

  • i deceduti: 4.178 (+402)

ieri: 3.776 (+320)

l’altro ieri: 3.456 (+361)

e nei giorni precedenti: 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 15.620 di cui 6.657 (+600 in un giorno) con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 8.963 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.194 (+11)

ieri: 1.183 (+41)

l’altro ieri: 1.142 (+49)

e nei giorni precedenti: 1.093 (+43), 1.050 (+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 9.711 (+445)

ieri: 9.266 (-173)

l’altro ieri: 9.439 (+1.181)

e nei giorni precedenti: 8.258 (+523), 7.735 (+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3.319, 2.802, 2.217, 1.661

  • i tamponi effettuati: 76.695

ieri: 73.242

e nei giorni precedenti: 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534, 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 6.728 (+257)

ieri: 6.471 (+255)

l’altro ieri: 6.216 (+347)

e nei giorni precedenti: 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645 (+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

  • Brescia: 6.298 (+393)

ieri: 5.905 (+588)

l’altro ieri: 5.317 (+289)

e nei giorni precedenti: 5.028 (+380)

4.648 (+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

  • Como: 635 (54)

ieri: 581 (+69)

l’altro ieri: 512 (+60)

e nei giorni precedenti: 452 (+72), 380 (+42), 338 (+52), 286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

  • Cremona: 3.061 (+136)

ieri: 2.925 (+30)

l’altro ieri: 2.895 (+162)

e nei giorni precedenti: 2.733 (+341), 2.392 (+106)

2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

  • Lecco: 1.015 (+81)

ieri: 934 (+62)

l’altro ieri: 872 (+54)

e nei giorni precedenti: 818 (+142), 676 (+146), 530 (+64), 466, 440, 386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

  • Lodi: 1.860 (43)

ieri: 1.817 (+45)

l’altro ieri: 1.772 (+79)

e nei giorni precedenti: 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528 (+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

  • Monza e Brianza: 1.454 (+324)

ieri: 1.130 (+22)

l’altro ieri: 1.108 (+24)

e nei giorni precedenti: 1.084 (+268), 816 (+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

  • Milano: 5.701 (+375) di cui 2297 a Milano città (+121)

ieri: 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137)

l’altro ieri: 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210)

e nei giorni precedenti: 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1.378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

  • Mantova: 1.093 (+108)

ieri: 985 (+80)

l’altro ieri: 905 (+63)

e nei giorni precedenti: 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

  • Pavia: 1.499 (+55)

ieri: 1.444 (+138)

l’altro ieri: 1.306 (+112)

e nei giorni precedenti: 1.194 (+89), 1.105 (+94), 1.011 (+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

  • Sondrio: 253 (+45)

ieri:208 (+3)

l’altro ieri: 205 (+26)

e nei giorni precedenti: 179 (+16), 163 (+8), 155(+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4, 4

  • Varese: 450 (+29)

ieri: 421 (+35)

l’altro ieri: 386 (+27)

e nei giorni precedenti: 359 (+21), 338 (+28), 310 (+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e 656 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————

+++ LUNEDÌ 23 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19 +++

Gallera: oggi possiamo dire che è una giornata positiva

“Ieri eravamo moderatamente ottimisti. Avevamo detto che il era trend in calo e oggi si conferma. Oggi forse è la prima giornata positiva di questo mese duro, durissimo. Non e’ ancora il momento di cantar vittoria e rilassarci, ma iniziamo a vedere una luce in fondo al tunnel”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizeOnline per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

“Per la prima volta – ha aggiunto – oggi sono diminuiti i ricoveri: dai 9.439 di ieri siamo scesi a 9.266 e anche gli accessi ai pronto soccorso stanno leggermente diminuendo, anche se non ovunque. Stiamo vedendo i frutti degli sforzi, tuttavia non è sufficiente qualche giorno positivo per rilassarci, anzi bisogna intensificare lo sforzo”.

L’assessore ha anche risposto alle domande che arrivavano in diretta sui tamponi. “Noi vogliamo farli – ha spiegato – a tutti coloro che ne hanno bisogno. Ai medici di medicina generale e ai pediatri li facciamo, così come da oggi misuriamo la temperatura al nostro personale sanitario. Se è a 37.5°, li mandiamo a fare i tamponi, perchè noi ci teniamo. Il nostro lavoro non e’ fare i tamponi random fuori dal supermercato, facciamo un lavoro condiviso. Vi chiediamo di stare a casa, chi ha l’influenza, chi ha un raffreddore stia a casa, anche solo con un raffreddore rafforzato. Poi vi teniamo monitorati, e se peggiorate è il medico di medicina generale che vi manda a fare il tampone”.

Continua anche la grande collaborazione fra pubblico e privato. Le strutture private lombarde continueranno infatti a mettere a disposizione dei cittadini tutti i posti letto che posseggono.

“Al San Raffaele di Milano – ha continuato Gallera – stiamo allestendo i 10 posti letto di terapia intensiva nel campo da calcetto. Intanto sono già arrivati i primi 4 pazienti. Questi posti, con i 16 del San Carlo, portano a 1.350 il numero dei letti di terapia intensiva. A Monza ne apriremo altri 16, e al Policlinico altri 15. Da mercoledì, se troviamo il personale, ne apriremo altri 10 a Niguarda. E siamo pronti ad aprirne 20 alla Asst Rhodense e altre 9 alla Asst Nord Milano”.

 

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 28.761 (+1.555)

ieri: 27.206 (+1.691)

l’altro ieri: 25.515 (+3.251)

e nei giorni precedenti: 22.264 (+2.380) / 19.884 / 17.713 / 16.220 / 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 /8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612

  • i deceduti: 3.776 (+320)

ieri: 3.456 (+361)

l’altro ieri: 3.095 (+546)

e nei giorni precedenti: 2.549 (+381) / 2.168 / 1.959 / 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154

  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 14.536 di cui 6.075 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 8.461 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale
  • in terapia intensiva: 1.183 (+41)

ieri: 1.142 (+49)

l’altro ieri: 1.093 (+43)

e nei giorni precedenti: 1.050 (+44) / 1.006 / 924 / 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359

  • i ricoverati non in terapia intensiva: 9.266 (-173)

ieri: 9.439 (+1.181)

l’altro ieri: 8.258 (+523)

e nei giorni precedenti: 7.735 (+348) / 7.387 / 7.285 / 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661

  • i tamponi effettuati: 73.242

e nei giorni precedenti: 70.598 / 66.730 / 57.174 / 52.244 / 48.983 / 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 6.471 (+255)

ieri: 6.216 (+347), l’altro ieri: 5.869 (+715) e nei giorni precedenti: 5.154 (+509) / 4.645 (+340) / 4.305 / 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537

  • Brescia: 5.905 (+588)

ieri: 5.317 (+289), l’altro ieri: 5.028 (+380), e nei giorni precedenti: 4.648 (+401) / 4.247 (+463) / 3.784 / 3.300 / 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155

  • Como: 581 (+69)

ieri: 512 (+60), l’altro ieri: 452 (+72) e nei giorni precedenti: 380 (+42) / 338 (+52) / 286 / 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11

  • Cremona: 2.925 (+30)

ieri: 2.895 (+162), l’altro ieri: 2.733 (+341) e nei giorni precedenti: 2.392 (+106) / 2.286 (+119) / 2.167 / 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406

  • Lecco: 934 (+62)

ieri: 872 (+54), l’altro ieri: 818 (+142) e nei giorni precedenti: 676 (+146) / 530 (+64) / 466 / 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8

  • Lodi: 1.817 (+45)

ieri: 1.772 (+79), l’altro ieri: 1.693 (+96) e nei giorni precedenti: 1.597 (+69) / 1.528 (+83) / 1.445 / 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658

  • Monza e Brianza: 1.130 (+22)

ieri: 1.108 (+24), l’altro ieri: 1.084 (+268) e nei giorni precedenti: 816 (+321) / 495 (+94) / 401 / 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19

  • Milano: 5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano città (+137)

ieri: 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), l’altro ieri: 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279) e nei giorni precedenti: 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172) / 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287) / 2.644 / 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361

  • Mantova: 985 (+80)

ieri: 905 (+63), l’altro ieri: 842 (+119) e nei giorni precedenti: 723 (+87) / 636 (+122) / 514 / 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26

  • Pavia: 1.444 (+138)

ieri: 1.306 (+112), l’altro ieri: 1.194 (+89) e nei giorni precedenti: 1.105 (+94) / 1.011 (+33) / 978 / 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151

  • Sondrio: 208 (+3)

ieri: 205 (+26), l’altro ieri: 179 (+16) e nei giorni precedenti: 163 (+8) / 155 (+80) / 75 / 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4

  • Varese: 421 (+35)

ieri: 386 (+27), l’altro ieri: 359 (+21) e nei giorni precedenti: 338 (+28) / 310 (+45) / 265 / 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 614 in corso di verifica.

 

dvd

——————————————————————————————————————————

+++ DOMENICA 22 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 19 +++

Gallera: oggi dimezzamento crescita dei positivi, dati vanno visti in arco temporale più ampio

“I dati sono in chiaro-scuro, ma oggi sono più in chiaro. Non possiamo cantare vittoria, però, perché i dati vanno visti in un arco temporale più ampio. Continuiamo a resistere e per garantire a tutti la possibilità di curarsi”.
Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.
“Oltre all’arrivo dei medici cubani (che andranno a Crema dove negli “ultimi due giorni si è ridotto in maniera significativa il numero di afflussi giornalieri”) – ha detto l’assessore – oggi possiamo annunciare anche l’arrivo di medici russi che andranno a dare un aiuto a Sondalo dove la terapia intensiva può raddoppiare i posti letto per arrivare fino a 16 dove potranno essere ampliati anche i posti di degenza”.

L’assessore ha anche ringraziato la ONG Hope Onlus che ha acquistato e donato 16 ventilatori polmonari e che sono già arrivati a Sondalo, Monza e Policlinico.

Intanto sono 500 le persone in più che stanno lavorando negli ospedali lombardi e 1300 i posti in terapia intensiva. E sono state più di 3.000 le persone tra specialisti, specializzandi e medici laureati che hanno risposto all’appello: di questi 526 sono già stati assegnati alle varie aziende sanitarie lombarde in difficoltà.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 27.206 (+1.691)
    ieri: 25.515 (+3.251)
    l’altro ieri: 22.264 (+2.380)
    e nei giorni precedenti: 19.884 / 17.713 / 16.220 / 14.649 / 13.2729 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti: 3.456 (+361)
    ieri: 3.095 (+546)
    l’altro ieri: 2.549 (+381)
    e nei giorni precedenti: 2.168 / 1.959 / 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 13.169 di cui 5.865 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 7.304 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale 4.057 / 4.265 / 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva: 1.142 (+49)
    ieri: 1.093 (+43)
    l’altro ieri: 1.050 (+44)
    e nei giorni precedenti: 1.006 / 924 / 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 9.439 (+1.181)
    ieri: 8.258 (+523)
    l’altro ieri: 7.735 (+348)
    e nei giorni precedenti: 7.387 / 7.285 / 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • 5800 persone sono uscite e guarite
  • i tamponi effettuati: 70.598
    ieri: 66.730 nei giorni precedenti 57.174 / 52.244 / 48.983 / 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi
giorni

  • BG: 6.216 (+347)
    ieri: 5.869 (+715)
    l’altro ieri: 5.154 (+509)
    e nei giorni precedenti: 4.645 (+340) / 4.305 / 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia: 5.317 (+289)
    ieri: 5.028 (+380)
    l’altro ieri: 4.648 (+401)
    e nei giorni precedenti: 4.247 (+463) / 3.784 / 3.300 / 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • CO: 512 (+60)
    ieri: 452 (+72)
    l’altro ieri: 380 (+42)
    e nei giorni precedenti: 338 (+52) / 286 / 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona: 2.895 (+162)
    ieri: 2.733 (+341)
    l’altro ieri: 2.392(+106)
    e nei giorni precedenti: 2.286 (+119) / 2.167/ 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco: 872 (+54)
    ieri: 818 (+142)
    l’altro ieri: 676 (+146)
    e nei giorni precedenti: 530 (+64) / 466 / 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi: 1.772 (+79)
    ieri: 1.693 (+96)
    l’altro ieri: 1.597(+69)
    e nei giorni precedenti: 1.528 (+83) / 1.445 / 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza: 1.108 (+24)
    ieri: 1.084 (+268)
    l’altro ieri: 816 (+321)
    e nei giorni precedenti: 495 (+94) / 401 / 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano: 5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210)
    ieri: 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279)
    l’altro ieri: 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172)
    e nei giorni precedenti: 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287) / 2.644 / 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova: 905 (+63)
    ieri: 842 (+119)
    l’altro ieri: 723 (+87)
    e nei giorni precedenti: 636 (+122) / 514 / 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia: 1.306 (+112)
    ieri: 1.194 (+89)
    l’altro ieri: 1.105 (+94)
    e nei giorni precedenti: 1.011 (+33) / 978 / 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio: 205 (+26)
    ieri: 179 (+16)
    l’altro ieri: 163 (+8)
    e nei giorni precedenti: 155 (+80) / 75 / 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese: 386 (+27)
    ieri: 359 (+21)
    l’altro ieri: 338(+28)
    e nei giorni precedenti 310 (+45) / 265 / 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 /17

e 616 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————

+++ SABATO 21 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 17.45 +++

Gallera: lunedì sarà dimesso il ‘paziente 1’, rinnovo invito a essere diligenti e rigorosi

Il grazie a Huawei e Fastweb che hanno donato 250 smartphone e tablet con sim a pazienti

“Mattia, il paziente 1, al più tardi lunedì sarà dimesso”. Lo ha annunciato l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta su Facebook per fare l’aggiornamento sulla situazione del Coronavirus in Lombardia spiegando che “sta molto meglio”.

Esaminando la situazione attuale che, purtroppo, fa registrare ancora una crescita dei contagi e dei decessi, Gallera ha ricordato che “tutti gli esperti ci avevano detto che i giorni più duri sarebbero stati sabato e domenica, vale a dire il 13° e il 14° giorno dall’introduzione dell’effettiva misura di contenimento. Da lunedì, quindi, auspichiamo di avere una riduzione del contagio”.

L’invito, ancora una volta, è quello di essere “diligenti e rigorosi” nel rispettare le misure che sono state decise dal Governo. “Quello che può fare ogni cittadino – ha sottolineato – è più importante di qualsiasi ordinanza. Ognuno deve vincere la sfida di non contagiare e di contagiarsi. Serve grande determinazione, rimaniamo a casa e dimostriamo che siamo più forti del virus. Non possiamo accettare che il Coronavirus pieghi ulteriormente nostra economia e il Paese”.

 

Il grazie a Huawei e Fastweb che hanno donato a ospedali 250 smartphone e tablet con schede sim

Gallera ha quindi ricordato come, ogni giorno, il “mondo produttivo si stia stringendo intorno alla Regione. C’è chi può donare solo pochi euro e lo fa, chi offre cifre più consistenti, chi mette a disposizione la propria professionalità e chi fa gesti ancora più significativi”.

“La bella notizia di oggi – ha spiegato Gallera – è che Huawei, in partnership con Fastweb, ha donato 250 fra tablet e smartphone alle strutture ospedaliere della Lombardia. Saranno a disposizione dei malati che, in questo modo, potranno supplire, seppur virtualmente, alla mancanza dei propri cari. Uno degli aspetti più tristi di questa malattia è proprio la solitudine: i pazienti vengono isolati perchè sono infettivi, non hanno il conforto dei parenti e quando muoiono, sono da soli”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono: 25.515 (+3.251), 22.264 (+2.380) / 19.884 / 17.713 / 16.220 / 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti: 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168 / 1.959 / 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 13.069 di cui 5.050 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 8.019 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale, 4.057 / 4.265 / 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 1.093 (+43), 1.050 (+44) / 1.006 / 924 / 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 8.258 (+523), 7.735 (+348) / 7.387 / 7.285 / 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati: 66.730, 57.174 / 52.244 / 48.983 / 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 5.869 (+715), 5.154 (+509) / 4.645 (+340) / 4.305 / 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia: 5.028 (+380), 4.648 (+401) / 4.247 (+463) / 3.784 / 3.300 / 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • CO: 452 (+72), 380 (+42) / 338 (+52) / 286 / 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 /11 / 11
  • Cremona: 2.733 (+341), 2.392 (+106) / 2.286 (+119) / 2.167 / 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco: 818 (+142), 676 (+146) / 530 (+64) / 466 / 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi: 1.693 (+96), 1.597 (+69) / 1.528 (+83) / 1.445 / 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza: 1.084 (+268), 816 (+321) / 495 (+94) / 401 / 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano: 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279), 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644 / 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova: 842 (+119), 723 (+87) / 636 (+122) / 514 / 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia: 1.194 (+89), 1.105 (+94) / 1.011 (+33) / 978 / 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio: 179 (+16), 163 (+8) / 155 (+80) / 75 / 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese: 359 (+21), 338 (+28) / 310 (+45) / 265 / 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 592 in corso di verifica.

dvd

———————————————————————————————————————————

+++ VENERDÌ 20 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.30 +++

Gallera: un mese fa il primo positivo, sistema ha reagito con una forza incredibile

“I medici e gli infermieri sono grandi eroi che si sono immediatamente messi al lavoro sempre più bardati. Abbiamo imparato a conoscerli e a vedere la loro forza e la loro sofferenza”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso della quotidiana diretta Facebook sull’emergenza Coronavirus.

“Esattamente un mese fa – ha ricordato – mi veniva comunicato il primo caso di positività in Lombardia. Forse ci abbiamo messo un po’ a capire con chi avevamo a che fare, ma non posso non sottolineare come il sistema sanitario abbiamo reagito immediatamente con una forza incredibile. Dopo meno di 12 ore avevamo qui il ministro della Sanità e avevamo definito già una prima zona rossa”.

“Tanti cittadini – ha aggiunto – stanno combattendo questa battaglia, lo dobbiamo fare sempre di più. Il virus si nutre del corpo dell’uomo, se lo trova si nutre di questo, altrimenti muore. Questa è la battaglia degli italiani, questa è la battaglia dei lombardi. La vinciamo se ognuno di noi la combatte e la vive con grande determinazione”.

“La notizia bella – ha proseguito – è che stiamo assumendo molti specializzandi e che stanno rispondendo all’appello i medici pensionati. Anche questo è il segno che quando c’è un’emergenza e il Paese chiama, la parte migliore del Paese si mobilita e risponde”.

Oggi, per alleggerire gli ospedali più in difficoltà, sono state trasferite 27 persone, portando a oltre 200 i trasferimenti totale.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 22.264 (+2.380), 19.884 / 17.713 / 16.220 / 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 2.549 (+381), 2.168 / 1.959 / 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 10.930 di cui 4.295 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 6.635 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale, 4.057 / 4.265 / 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 1.050 (+44), 1.006 / 924 / 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 7.735 (+348), 7.387 / 7.285 / 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217/ 1.661
  • i tamponi effettuati: 57.174, 52.244 / 48.983 / 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 5.154 (+509), 4.645 (+340) / 4.305 / 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia: 4.648 (+401), 4.247 (+463) /3.784 /3.300 /2.918 /2.473 /2.122 /1.784 /1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como: 380 (+42), 338 (+52) / 286 / 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona: 2.392 (106), 2.286 (+119) / 2.167 / 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco: 676 (+146), 530 (+64) / 466 / 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi: 1.597 (+69), 1.528 (+83) / 1.445 / 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276/ 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Branza: 816 (+321), 495 (+94) / 401 / 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano: 3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172), 3.278 (+634) di cui 1.378 a Milano città (+287), 2.644 / 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova: 723 (+87), 636 (+122) / 514 / 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia: 1.105 (+94), 1.011 (+33) / 978 / 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio: 163 (+8), 155 (+80) / 75 / 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese: 338 (+28), 310 (+45) / 265 / 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 468 in corso di verifica.

—————————————————————————————————————————-

+++ GIOVEDÌ 19 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19 +++

Gallera: emergenza di oggi è il personale. Ok a ospedali da campo a Bergamo, Cremona e Crema

“Il vero tema, oggi, è quello del personale. Più volte abbiamo parlato della possibilità di collocare fuori dalle città strutture che possano aiutare la ricettivita’ delle persone che hanno bisogno di essere curate, ma per poter offrire cure adeguate abbiamo bisogno di personale”.

Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta Facebook per fare il punto sulla situazione Coronavirus.

“Stiamo esplorando tutte le strade – ha spiegato – e le attiviamo concretamente solo quando siamo in grado di portarle a termine, non lanciamo proposte per poi smentirle nei giorni successivi. Questa serietà ci ha portato ieri a chiedere di differire l’attivazione del Punto Medico Avanzato (PMA) a Bergamo perchè non avevamo la certezza di reperire il personale”.

L’assessore ha quindi annunciato che sono in arrivo “53 medici e infermieri cubani molto qualificati, che hanno combattuto l’Ebola. Saranno a Crema per alleggerire il lavoro”.

Domani, inoltre, sarà inaugurato a Cremona l’ospedale da campo donato da Samaritan’s Purse.

Il vice presidente della Croce Rossa cinese, poi, arrivato ieri a Milano, ha confermato che la Cina vuole sostenere la battaglia della Lombardia con un contingente di medici e infermieri la cui attività sarà coordinata di Areu”.

Gallera ha anche fatto sapere di aver incontrato, insieme al sottosegretario alla presidenza della Regione Lombardia, Alan Rizzi, i 68 consoli presenti a Milano “ai quali ho chiesto di farsi portatori di un messaggio nei loro Paesi. Oggi la Lombardia ha bisogno, ma domani potremo aiutare noi. Tutti mi hanno confermato che ne parleranno con i loro Governi”.

A oggi in Lombardia sono operativi 1.250 i posti nelle terapie intensive (si partiva da 724) e quotidianamente arrivano 25 respiratori grazie alla collaborazione del Dipartimento nazionale della Protezione civile.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 19.884 (+2.171), 17.713 / 16.220 / 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 2.168 (209), 1.959 / 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • i dimessi e in isolamento domiciliare: 9.332, di cui 3.778 con almeno un passaggio in ospedale (anche solo pronto soccorso) e 5.554 persone per le quali non si rileva nessun passaggio in ospedale, 4.057 / 4.265 / 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 1.006 (+82), 924 / 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 7.387 (+102), 7.285 (+332) / 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati: 52.244, 48.983 / 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 4.645 (+340), 4.305 / 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia: 4.247 (+463), 3.784 / 3.300 / 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como: 338 (+52), 286 / 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona: 2.286 (+119), 2.167 / 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco: 530 (+64), 466 / 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi: 1.528 (+83), 1.445 / 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035/ 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • MB: 495 (+94), 401 / 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano: 3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644 / 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova: 636 (+122), 514 / 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia: 1.011 (+33), 978 / 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio: 155 (+80), 75 / 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese: 310 (+45), 265 / 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 425 in corso di verifica.

———————————————————————————————————————————————————————

+++ MERCOLEDÌ 18 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19 +++

Gallera: situazione resta di grande difficoltà, in arrivo altri medici e infermieri

“I dati dicono che i nostri ospedali sono ancora in grande difficoltà, confidiamo però nell’arrivo di medici, infermieri e nuove apparecchiature”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la diretta quotidiana su Facebook per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“Ci sono ancora troppe persone in giro – ha evidenziato Gallera – e così non va bene. Siamo consapevoli di chiedere un piccolo sacrificio, ma vogliamo vincere questa battaglia. La ‘montagnetta’ di San Siro, a esempio, ancora oggi era piena di cittadini che andavano in bicicletta, che correvano. Questo non va bene, dovete stare a casa come ha ricordato questa mattina anche il presidente Fontana”.

Gallera ha poi spiegato che da domani inizieranno a lavorare 180 infermieri che si sono laureati in anticipo. “Stanno arrivando anche gli specializzandi al quarto e quinto anno. Abbiamo assunto circa 40 medici – ha continuato – c’è qualche pensionato che si sta presentando. Li invito, come il presidente Fontana ha fatto, a darci una mano”.

Per dare la propria disponibilità è possibile scrivere a perlalombardia@regione.lombardia.it

Gallera ha risposto anche in merito ai tamponi che vengono effettuati ai medici. “La Lombardia – ha ricordato – si è sempre mossa secondo linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). All’inizio i tamponi venivano effettuati su tutti i ‘contatti diretti’, poi l’ISS ha detto che andavano fatti solo ai ‘sintomatici’ e alle persone che arrivavano in Pronto Soccorso con sintomi. Lo stesso vale anche per gli operatori dei nostri ospedali”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 17.713 (+1.493), 16.220 / 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 /3.420 / 2.612
  • i deceduti 1.959 (+319), 1.640 / 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare: 4.057, 4.265 / 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 924 (+45), 879 / 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 7.285 (+332), 6.953 / 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217/ 1.661
  • i tamponi effettuati: 48.983, 46.449 / 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi: 3.488 (+1.003), 2.485 / 2.368 / 2.011 / 1.660 / 1.198 / 1.085

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo: 4.305 (+312), 3.993 / 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia: 3.784 (+484), 3.300 / 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como: 286 (+30), 256 / 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona: 2.167 (+94), 2.073 / 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco: 466 (+26), 440 / 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi: 1.445 (+27), 1.418 / 1.362 / 1.320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza: 401 (+25), 376 / 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61/ 20 / 19
  • Milano: 2.644 (+318) di cui 1091 a Milano città (+127), 2.326 / 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova: 514 (+49), 465 / 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia: 978 (+94), 884 / 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio: 75 (+1), 74 / 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese: 265 (+33), 232 / 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 383 in corso di verifica.

dvd

—————————————————————————————————————————–

+++ MARTEDÌ 17 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.30 +++

Gallera: oggi sono arrivati 44 respiratori, domani a Milano delegazione di medici cinesi

 

“Oggi sono arrivati 14 respiratori dalla Protezione civile e 30 da terapia sub intensiva dalla Cina”. Lo ha fatto sapere l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta Facebook per fare il punto sul Coronavirus ringraziando “chi continua a dare dimostrazioni di grande solidarietà tramite un lavoro incredibile h24”.

Domani, inoltre, il vicepresidente Fabrizio Sala e il sottosegretario Alan Christian Rizzi accoglieranno a Malpensa medici e personale sanitario in arrivo dalla Cina e dagli Stati Uniti. La delegazione cinese è composta da 7 medici fra intensivisti e immunologi e 3 tecnici e infermieri. Se ne prevede ne possano arrivare “circa 300”. Sono già arrivati anche “i primi medici dagli Stati Uniti che domani cominceranno ad allestire l’ospedale da campo a Cremona.

Da domani, inoltre, all’ospedale San Carlo di Milano, ci saranno “16 nuovi posti di terapia intensiva che raddoppieranno in una settimana circa”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 16.220 (+1.571 rispetto a ieri), 14.649 / 13.272 / 11.685 / 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 /2.612
  • i deceduti 1.640 (+220), 1.420 / 1.218 / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 4.265 (+398), 3.867 / 3.427 / 2.650 /2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 879 (+56), 823 / 767 / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 6.953 (+782), 6.171 / 5.550 / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 46.449, 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi 2.485 (+117), 2.368 / 2.011 / 1.660 / 1.198 / 1.085

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo 3.993 (+233), 3.760 / 3.416 / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 3.300 (+382), 2.918 / 2.473 / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 256 (+36), 220 / 184 / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 2.073 (+192), 1.881 / 1.792 / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 440 (+54), 386 / 344 / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1418 (+56), 1.362 / 1320 / 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 376 (+30), 346 / 339 / 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • MI 2.326 (di cui 964 a Milano città) (+343), 1.983 / 1.750 / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova 465 (+83), 382 / 327 / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 884 (+83), 801 / 722 / 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 74 (+28), 46 / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 232 (+32), 202 / 184 / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 381 in corso di verifica.

dvd

 

—————————————————————————————————————————-

+++ LUNEDÌ 16 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 16.30 +++

Gallera: a Cremona un ospedale da campo con 8 posti di terapia intensiva donato da Ong americana

Sarà allestito presso il presidio di Cremona, un ospedale da campo con 60 posti letto e 8 di terapia intensiva donato dalla Ong americana appartenente alla chiesa cristiano evangelica americana Samaritan’s Purse. Lo ha annunciato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera che, durante la quotidiana diretta Facebook per fare il punto sull’emergenza Coronavirus, ha ringraziato la Cooperazione internazionale per “questo gesto di grande solidarietà” e il Dipartimento nazionale della Protezione civile che ha fatto da tramite.
“È una bellissima notizia – ha detto Gallera – e già domani arriverà un primo contingente. Lo staff sarà composto da 60 persone e tutto sarà interamente pagato da loro”.

Gallera ha quindi invitato nuovamente tutti a “stare a casa, affinchè la linea si fermi o rallenti”. “Questo non vuol dire però – ha sottolineato – che da lunedì si potrà tornare tutti a fare la vita di prima. Dobbiamo continuare su questa strada rigorosa affinchè il rallentamento diventi una discesa e poi la fine di un incubo”.

Alleggerire i presidi

Continua anche la grande collaborazione di tutte le strutture del sistema sanitario per alleggerire le strutture più in difficoltà. Negli ultimi 3 giorni sono stati spostati in altre strutture “dove continuano a essere curati” 180 pazienti “tutti con un quadro stabile”.

La sanità militare

All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, intanto, sono arrivati 24 medici e 4 infermieri della sanità militare, mentre continua il reclutamento del personale. Ad oggi sono arrivate 2.200 domande e ne sono state selezionate 1.020.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni
precedenti

  • i casi positivi sono 14.649 (1.377 più di ieri che erano 13.272) e nei giorni precedenti 11.68 5/ 9.820 / 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 1.420 (202 più di ieri che erano 1.218) / 966 / 890 / 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 3.867 / 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 823 (56 più di ieri che erano 767) / 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 6.171 (621 più di ieri che erano 5.550) / 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 43.565 / 40.369 / 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479/ 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi 2.368 (357 più di ieri che erano 2011) / 1.660 / 1.198 /1.085

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • BG 3.760 (344 più di ieri che erano 3.416) / 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 2.918 (445 più di ieri che erano 2.473) / 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 220 (36 più di ieri che erano 184) / 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.881 (89 più di ieri che erano 1.792) / 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 386 (42 più di ieri che erano 344) / 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.362 (42 più di ieri che erano 1320) / 1.276) / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 346 / 339 (115 più di ieri che erano 224) / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 1.983 (233 più di ieri che erano 1.750) / 1.551 / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova 382 (55 più di ieri che erano 327) / 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 801 (79 più di ieri che erano 722) / 622 /482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 46 (1 solo caso più di ieri) / 45 / 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 202 (18 più di ieri che erano 184) / 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 362 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————

+++ DOMENICA 15 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.30 +++

Gallera: oggi quasi 1200 posti in terapia intensiva

L’aggiornamento quotidiano dei dati dei contagi

“Con uno sforzo titanico che sorprende, stupisce e commuove siamo passati da 724 a 1.200 posti in terapia intensiva. Abbiamo recuperato un buon margine rispetto ai numeri che avevamo ieri, grazie alla grande capacità delle strutture che stanno dando risposte utilizzando tutto quello che hanno”. Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, durante la diretta Facebook per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“La battaglia dunque – ha aggiunto – continua e la vinciamo insieme se evitiamo di contagiare e di essere contagiati. In questa prospettiva contiamo di vedere i primi risultati delle nuove ‘restrizioni’ fra una settimana. Diversi modelli matematici avevano ipotizzato una crescita esponenziale, mentre fortunatamente è costante. Sicuramente è interessante il dato di Lodi dove le misure rigide hanno dato risultati molto significativi”.

TRASFERITI 60 PAZIENTI PER ALLEGGERIRE OSPEDALI – Continua la strategia per alleggerire gli ospedali che hanno afflussi significati. Oggi sono state trasferite 60 persone “grazie anche all’importantissima collaborazione del privato accreditato”. “Chi mette in discussione questo modello – ha sottolineato Gallera – è smentito, siamo tutti uniti in grande battaglia. Anche le Fondazioni stanno dando una grande mano. La ‘Francesca Rava’, a esempio, ha già mandato medici a Lodi e a Cremona e da domani anche al Papa Giovanni di Bergamo e ha donato un’intera attrezzatura di terapia intensiva che verrà consegnata domani al Policlinico”.

Per quanto riguarda la ricerca del personale, sono arrivate 1900 domande, e 832 sono già state valutate. Continua anche l’attività di ‘Cross’, 40 pazienti (10 Covid) sono stati trasferiti in altre Regioni. Proseguono anche gli sforzi per allestire 500 posti di terapia intensiva e altri 192 posti: 90 siamo in grado di realizzarli in 7 giorni, altri 77 in 11 giorni e altri 26 in 15 giorni al San Carlo, al Policlinico, al Niguarda al San Matteo e al San Gerardo). Per sistemarli serve strumentazione ad hoc “che oggi non abbiamo e non siamo in grado di recuperare se non attraverso la collaborazione del Dipartimento nazionale della protezione civile”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 13.272 (1.587 più di ieri che erano 11.685), l’altro ieri 9.820, prima 8.725 / 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 1.218 (252 più di ieri che erano 966), l’altro ieri 890 e prima 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 /1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 767 (35 più di ieri che erano 732), prima 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 5.550 (602 più di ieri che erano 4.898), prima 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 40.369/37.138/32.700/29.534/25.629/21.479/20.135/18.534/15.778
  • i dimessi 2011 (351 più di ieri che erano 1.660), prima 1.198/1.085

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo 3.416 (552 più di ieri che erano 2.864) / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 2.473 (351 più di ieri che erano 2.122) / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 184 (30 più di ieri che erano 154) / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.792 (227 più di ieri che erano 1.565) / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 344 (57 più di ieri che erano 287) / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.320 (44 più di ieri che erano 1.276) / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 339 (115 più di ieri che erano 224) / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 1.750 (199 più di ieri che erano 1.551) (di cui 771 a Milano città, 79 più di ieri) / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova 327 (66 più di ieri che erano 261) / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 722 (100 più di ieri che erano 622) / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 45 come ieri 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 184 (26 più di ieri che erano 158) / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 376 in corso di verifica.

—————————————————————————————————————–

+++ SABATO 14 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.45 +++

Fontana: miracoli per recuperare posti in terapia intensiva e sulla Fiera andiamo avanti

“Stiamo facendo dei veri miracoli e e aver recuperato ogni giorno posti di terapia intensiva ha davvero dell’incredibile”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana durante la conferenza per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“Voglio ringraziare ancora una volta – ha aggiunto – tutti coloro che nel mondo sanitario e nella nostra struttura dell’Unità di crisi stanno lavorando in maniera encomiabile. Non si lascia niente al caso, tutte le soluzioni vengono prese in considerazione e, se utili, attuate”.

Per quanto riguarda invece il nuovo ‘ospedale’ da realizzare a Fiera Milano City, il governatore Fontana ha precisato che non c’è in atto “nessuna polemica”. “In questo momento non siamo in possesso – ha aggiunto – degli strumenti che servono per rendere operativa questa sede. Noi, con la Fondazione Fiera, abbiamo garantito la struttura, ma nessuno è in grado di fornirci né medici né ventilatori. Nonostante ciò non abbiamo intenzione di abbandonare questa. Abbiamo anche lanciato una call internazionale, contattato il Governo tedesco e non ci fermeremo qui”.

L’assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha quindi precisato che “oggi in Lombardia ci sono 1.100 letti in terapia intensiva, 898 dedicati ai pazienti Covid, 732 dei quali sono ora occupati da pazienti positivi e gli altri sono in attesa del risultato del tampone. Per ora abbiamo trattato 1.064 pazienti, ne abbiamo dimesso il 10% e 145 sono deceduti”.

“Continua la corsa contro il tempo – ha detto – stiamo continuando a svuotare gli ospedali con maggiore pressione, e già 91 pazienti sono stati spostati in altri presìdi. Poi 81 persone che stanno meglio sono state trasferite in Rsa. Non so in quale altro Stato europeo sarebbe stato possibile fare una cosa del genere”.

Un altro tema è quello del reclutamento del personale. “Sono arrivate 1.600 domande – ha precisato l’assessore – e ne abbiamo valutate 692, di cui 68 medici specialisti, 137 specializzandi, 74 medici laureati e 323 infermieri. È apprezzabile che qualcuno colga questa opportunità, ma bisogna che poi sul campo ci vada davvero. Stiamo pensando di recuperare personale anche dall’estero, abbiamo per esempio già contatti la Cina, il Venezuela e Cuba. Ogni giorno è sempre più complicato, ma il sistema reagisce con tutte le capacità che ha: entro 5 giorni contiamo di aprire tra i 90 e i 130 posti in terapia intensiva. Il problema, però resta sempre quello della disponibilità dei respiratori”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 11.685 ieri 9.820, l’altro ieri 8.725, prima 7.280 / 5.791 / 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 966, ieri 890 e prima 744 / 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 3.427 / 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 732 / 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 4.898 / 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 37.138 / 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi 1.660 / 1.198 / 1.085

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

  • Bergamo 2.864 / 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 2.122 / 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 154 / 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.565 / 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 287 / 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.276 / 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 224 / 143 / 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 1.551 (di cui 632 a Milano città) / 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361
  • Mantova 261 / 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 622 / 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 45 / 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 158 / 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 556 in corso di verifica

—————————————————————————————————————————–

+++ VENERDÌ 13 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18 +++

Presidente Fontana: bene dati che giungono dalla ex zona rossa, resta alta la guardia per terapie intensive

Numeri della situazione sanitaria in lombardia e nelle province

“I dati di oggi, come ho avuto modo di sottolineare più volte, evidenziano in maniera chiara e inequivocabile che nell’ex zona rossa il contagio sembra stia rallentando”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, sottolineando come nella provincia di Lodi il numero dei casi positivi odierni faccia segnare solo un aumento di 10 unità (ieri 1.123 oggi 1.133). “Nel resto della Lombardia – ha proseguito il governatore – a farci mantenere alto il livello di guardia è, invece, soprattutto il trend dei ricoveri in terapia intensiva”.

“Ci auguriamo che le misure stringenti applicate a tutta la Regione – ha aggiunto Fontana – contribuiscano ad arginare la diffusione del virus anche nel resto della Lombardia”.

I DATI – Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 9.820, ieri 8.725, l’altro ieri 7.280 e il giorno prima 5.791. Nei giorni precedenti 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 890, ieri 744, poi 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 2.650 / 2.044 / 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 650 / 605 / 560 / 466 / 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 4.435 / 4.247 / 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 32.700 / 29.534 / 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi 1.198, ieri erano 1.085

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 8 giorni

  • Bergamo 2.368 / 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 1.784 / 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 118 / 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.344 / 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 237 / 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.133 / 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 143 / 130 / 85 / 65 / 64/ 59/ 61 / 20/ 19
  • Milano 1.307 / 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361 (di cui 534 a Milano città)
  • Mantova 187 / 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 482 / 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 23 / 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 125 / 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 569 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————-

+++ GIOVEDÌ 12 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.30 +++

Assessore Gallera: 1.076 posti in terapia intensiva, 127 in più in un solo giorno

Operatori sanitari privati accreditati stanno garantendo un supporto importante e concreto

“Abbiamo 1.067 posti in terapia intensiva: in un giorno siamo riusciti ad aprirne 127. È un lavoro incredibile”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la diretta Facebook quotidiana per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“Nei prossimi giorni – ha aggiunto – ne allestiremo altri 16 al San Carlo di Milano e 20 al Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Dobbiamo ridurre il numero dei pazienti ricoverati negli ospedali ‘di frontiera’ perché oggi non hanno quasi più capacità. Abbiamo coinvolto tutto il mondo socio sanitario comprese, le Rsa, le case di riposo e gli ospedali privati ottenendo risultati incredibili. Gli operatori sanitari privati accreditati stanno garantendo un supporto importante e concreto al sistema regionale. Nessuno di sta sottraendo alla battaglia contro il Coronavirus”.

“Tutti gli erogatori pubblici e privati hanno praticamente azzerato le attività programmate – ha spiegato Gallera – convertendo i posti letto per incrementare l’offerta di degenza e di sorveglianza intensiva per i pazienti affetti da Coronavirus. Nei reparti di pneumologia delle strutture private accreditate sono ricoverati più di 700 pazienti. I posti di terapia intensiva attivi in questi ospedali sono 292 con un incremento del 26% rispetto ai 230 attivi al 19 febbraio. Di questi, 157 sono dedicati a pazienti Covid-19 e 135 a quelli affetti da diverse patologie. Fra gli altri, al San Raffaele ci sono attualmente 21 pazienti Covid intubati, 16 all’Humanitas di Rozzano, altri 16 all’Humanitas Gavazzeni, 36 alla Poliambulanza di Brescia”.

“Tutto il sistema sanitario lombardo – conclude Gallera – sta reagendo in modo straordinario e coordinato. Questo non è il momento delle polemiche ma dell’azione, decisa e tempestiva. Soprattutto è necessario evitare di contagiare per essere contagiati”.

Una risposta straordinaria dal mondo sanitario

“Sono 650 – ha continuato Gallera – i medici e gli infermieri che stanno rispondendo alla nostra richiesta. Da domani i primi 100 entreranno in servizio”.

La fiera

Per quanto riguarda l’allestimento a Fiera Milano City, Gallera ha spiegato che si sta elaborando il prototipo “grazie anche alla disponibilità della Fondazione Fiera Milano, disposta a farsi carico, almeno in parte, della realizzazione di queste aree dove collocare i letti di terapia intensiva. Stiamo parlando con la Protezione civile perché abbiamo bisogno di respiratori e personale: almeno 500 medici e 1.200 infermieri”.

I DATI – L’assessore ha quindi aggiornato i dati dei contagi ricordando anche quelli dei giorni precedenti

AL LINK LA MAPPA AGGIORNATA CON TUTTI I CASI

  • i casi positivi sono 8.725, ieri erano 7.280 e il giorno prima 5.791. Nei giorni precedenti 5.469 / 4.189 / 3.420 / 2.612
  • i deceduti 744, ieri 617 / 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 2.044, ieri 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 605, ieri erano 560 / 466 / 440 / 399 / 359.
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 4.247, ieri erano 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 29.534, ieri erano 25.629 / 21.479 / 20.135 / 18.534 / 15.778
  • i dimessi 1.085

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 7 giorni

  • Bergamo 2.136 / 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 1.598 / 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 98 / 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.302 / 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 199 / 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.123 / 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 130 / 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 1.146 / 925 / 592 / 506 / 406 / 361 (di cui 451 a Milano città)
  • Mantova 169 / 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 468 / 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 23 / 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 98 / 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 235 in corso di verifica.

—————————————————————————————————————————

+++ MERCOLEDÌ 11 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.30 +++

Presidente Fontana: sanità lombarda sta dando risposte eccezionali

Gallera: prosegue impegno per aumentare posti terapie intensive

“La sanità lombarda sta dando risposte che non so quante altre realtà nel mondo sarebbero riuscite a dare”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, spiegando che è “bisogna continuare ad impegnarsi con la massima determinazione per non accrescere il numero delle persone contagiate ogni giorno. Dobbiamo quindi fare in modo che si inverta la tendenza, anche attraverso quei comportamenti virtuosi che stiamo fortemente raccomandando e diffondendo e che contribuiscano concretamente a interrompere la diffusione del virus”.

L’assessore Gallera aggiornando i dati ha sottolineato come “stia crescendo la consapevolezza dell’emergenza”. “Tutti insieme – ha aggiunto – dobbiamo continuare ad impegnarci per bloccare la diffusione di questo virus. Bisogna evitare di contagiare e di essere contagiati. E’ un bel segnale, gli italiani stanno comprendendo che la battaglia riguarda tutti e che va giocata fino in fondo”.

“In Regione Lombardia – ha garantito l’assessore – non c’è “nessuna linea guida per privilegiare alcuni malati rispetto ad altri. Il personale fa le valutazione sulle singole criticità dei pazienti. Il lavoro dei medici è teso a curare tutti i pazienti e non c’è un medico che non stia dando il massimo per offrire il meglio delle cure, e tutti sono impegnati al massimo”.

266 nuovi posti nelle terapie intensive

Gallera ha ricordato che la Lombardia, fatti salvi quelli degli ospedali mono specialistici aveva 724 posti in terapia intensive. “Oltre ai 223 che siamo riusciti ad aprire nelle prime due settimane – ha spiegato – fra ieri e oggi ne abbiamo aperti altri 43 arrivando a 920. Ne apriremo altri ancora, mentre andiamo avanti a esplorare anche altre possibilità”.

Una mail alla quale segnalare la disponibilità come medico o infermiere

La Regione Lombardia ha anche attivato la casella di posta elettronica perlalombardia@regione.lombardia.it alla quale è possibile segnalare la disponibilità come medico o infermiere.

“Non vogliamo fermare il cuore della Lombardia – ha concluso Gallera – ma rallentarlo, facendo salvi tutti i servizi essenziali”.

I DATI – L’assessore ha quindi aggiornato i dati dei contagi ricordando anche quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 7.280, ieri erano 5.791. L’incremento significativo di oggi è dovuto al fatto che una parte dei tamponi ieri non era ancora stata processata. L’altro ieri erano 5.469, il giorno prima 4.189 e poi 3.420 / 2.612
  • i deceduti 617, ieri 468 / 333 / 267 / 154
  • in isolamento domiciliare 1.351 / 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 560 / 466 / 440 / 399 / 359. A oggi 610 posti per pazienti Covid. In alcuni presìdi ci sono situazioni di grande difficoltà. Il 38% dei pazienti ha tra 64 e 75 anni, il 20% ha più di 75 anni, il 32% ha trai 50 e i 64 anni, il 9% ha trai 25 e i 49 anni e l’1% tra i 18 e i 24 anni
  • i ricoverati non in terapia intensiva sono 3.852 / 3.319 / 2.802 / 2.217 / 1.661. Ogni giorno sono quindi circa 500 le persone in più. “Per fortuna – ha sottolineato Gallera – non è un dato esponenziale, anche se è troppo presto per dire se è un segno da prendere in considerazione”.
  • i tamponi effettuati 25.629/21.479/20.135/18.534/15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 6 giorni

  • Bergamo 1.815 / 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 1.351 / 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 77 / 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 1.061 / 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 113 / 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 1.035 / 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 85 / 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 925 / 592 / 506 / 406 / 361 (di cui 359 a Milano città)
  • Mantova 137 / 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 403 / 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 13 / 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 75 / 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 190 in corso di verifica.

dvd

—————————————————————————————————————————–

+++ MARTEDÌ 10 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 20 +++

Gallera: 644 posti in terapia intensiva per covid. Rinnovo appello a comportamenti responsabili

“Oggi abbiamo 644 posti nelle nostre terapie intensive disponibili per pazienti affetti da coronavirus. Ai 723 che erano all’inizio ne abbiamo aggiunti 223, arrivando a 946. E nei prossimi giorni ne apriremo altri 150/200”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso della conferenza stampa convocata per fare il punto sulla situazione Coronavirus.

“Da quando è iniziata l’emergenza – ha spiegato – le terapie intensive hanno gestito 778 pazienti e dimessi 103, i deceduti sono stati 80. Il 25% dei pazienti non è più in TI, e oggi stiamo cercando di far ruotare il più possibile i pazienti, individuando altre strutture che possano ospitare i pazienti meno gravi. Pensiamo a strutture alberghiere o a spazi più ampi come potrebbero essere quelli della fiera. E’ anche al vaglio la possibilità di utilizzare per le cure intermedie le strutture socio sanitarie così da alleggerire i presìdi ospedalieri e aprire spazi sulle terapie intensive e trovare spazi tipo a Cuasso al Monte o Sondalo (100 posti). Va avanti anche la ricognizione su strutture tipo quella di Bollate per la subintensiva, ampliando così al massimo la nostra capacità di ricezione”.

E poi l’appello, forte, a tenere e diffondere comportamenti virtuosi. “Vanno fermate ascisse di crescita dei contagi – ha detto – e quindi rilanciamo ad osservare ancora più scrupolosamente le indicazioni. I risultati li possiamo vedere nell’arco di 7/10 giorni, quindi con il presidente abbiamo condiviso la necessità di mettere in campo misure ancora più forti”.

L’assessore ha quindi confermato che la Regione continua a sostenere gli ospedali che sono più in sofferenza come Bergamo e Cremona, non solo cercando di spostare alcuni pazienti, ma anche inviando personale medico e sanitario.

Oggi, fra l’altro, è stato pubblicato il ‘Dl’ che rende più flessibili le assunzioni.

“Oggi – ha spiegato l’assessore – usciremo con un bando per medici specializzandi e infermieri che verranno assunti con contratti co.co.co. Abbiamo 200 medici specializzandi che possono intervenire subito. Tutti i medici specializzandi del quarto e quinto anno, già nelle graduatorie degli ospedali, che potranno essere assunti direttamente dalle strutture con contratti a tempo determinato”.

Per quanto riguarda i medici non specializzati, che in Lombardia sono un migliaio, potranno essere impiegati in base a una semplice valutazione dei titoli. “Entro domani poi si laureeranno altri 250 infermieri che potranno entrare subito in servizio”.

Gallera ha quindi spiegato che sono stati trasferiti 30 pazienti in altre regioni, “solo 1 covid positivo”.

“Abbiamo preso sul serio la disponibilità della Protezione civile a costruire una grande area, come la Fiera, dove realizzare 500 posti letto di terapia intensiva, serve però la strumentazione adeguata. Il progetto è pronto ed è già nelle mani della protezione civile nazionale”.

I DATI – L’assessore ha quindi aggiornato i dati dei contagi ricordando anche quelli dei giorni precedenti

  • i casi positivi sono 5.791 (molti tamponi di oggi sono ancora da processare) ieri 5.469, l’altro ieri 4.189, tre giorni fa 3.420 e il giorno prima ancora 2.612
  • i deceduti 468, ieri 333 / 267 / 154 tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 896, ieri 646 / 550 / 524
  • in isolamento domiciliare 642, ieri 1.248 / 756 / 722
  • in terapia intensiva 466, ieri 440 / 399 / 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva 3.319, ieri 2.802 / 2.217 / 1.661
  • i tamponi effettuati 21.479, ieri 20.135 / 18.534 / 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 5 giorni

  • Bergamo 1.472 / 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 790 / 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 46 / 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 957 / 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 89 / 66 / 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 963 / 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 65 / 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 592 / 506 / 406 / 361 (di cui 246 a Milano città)
  • Mantova 119 / 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 324 / 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 7 / 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 50 / 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 317 in corso di verifica.

dvd

——————————————————————————————————————————-

+++ LUNEDÌ 9 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 18.30 +++

Gallera: se si seguono comportamenti virtuosi contagi diminuiscono, lo dimostra il dato dell’ex zona rossa

Sistema sanitario regge, altri 223 posti in terapia intensiva. Estubato il ‘paziente 1’, ora respira autonomamente

 

“Un invito accorato a non uscire di casa e a rispettare comportamenti virtuosi e responsabili”. Lo ha lanciato in diretta Facebook l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, spiegando che nella ex ‘zona rossa’ questo ha portato dei “risultati concreti”.

“Dove non sono state osservate pedissequamente queste indicazioni – ha spiegato Gallera – i casi sono aumentati del, dove invece sono state rispettate abbiamo registrato una diminuzione del fenomeno”.

L’assessore ha infatti sottolineato come “Il coronavirus non si sconfigga con un farmaco perchè l’unica medicina e’ quella di ridurre drasticamente la nostra vita sociale evitando di contagiare e di essere contagiati”.

“Abbiamo bisogno di avere sistema sanitario in grado di curare tutti coloro che si ammalano di coronavirus – ha aggiunto Gallera – e anche coloro che si ammalano di altre patologie. E allora abbiamo bisogno di contenere il virus, perchè se continuasse a crescere con questa velocità non saremmo più in grado di rispondere come stiamo facendo”.

 

Estubato il ‘paziente uno’

Gallera ha anche annunciato che “Il paziente ‘uno’ è stato trasferito dalla terapia intensiva a quella sub intensiva. È stato cioè ‘estubato’ in quanto ha iniziato a respirare autonomamente”.

I DATI – L’assessore ha quindi aggiornato i dati dei contagi:

  • i casi positivi sono 5.469, ieri 4.189 l’altro ieri 3.420 e il giorno prima 2.612
  • i deceduti 333, ieri 267, l’altro ieri 154 tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 646, ieri 550 e l’altro ieri 524
  • in isolamento domiciliare 1.248, ieri 756 e l’altro ieri 722
  • in terapia intensiva 440, ieri 399 e l’altro ieri 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva 2.802, ieri 2.217 e l’altro ieri erano 1.661
  • i tamponi effettuati 20.135, ieri 18.534, l’altro ieri 15.778

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 4 giorni

  • Bergamo 1.245 / 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 739 / 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 40 / 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 916 / 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 66 / 53/ 35 / 11 / 8
  • Lodi 928 / 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 64 / 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 506 / 406 / 361 (di cui 208 a Milano città)
  • Mantova 102 / 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 296 / 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 7 / 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 44 / 32 / 27 / 23 / 17

e 516 in corso di verifica.

223 nuovi posti in terapia intensiva

“Il nostro obiettivo – ha proseguito – era di riuscire ad aumentare di 100/150 i posti in terapia intensiva cosi’ da gestire pazienti affetti da coronavirus. Non solo ne abbiamo aperti 150, ma siamo arrivati a 223 e contiamo di aprirne altri 150 nel giro di 7 giorni. Abbiamo fermato le attività delle sale operatorie, perchè ognuna di esse può contenere 3 posti letto di terapia intensiva. Stiamo anche trasformando le medicine in pneumologia e stiamo aumentando posti di subintensiva”.

Oggi 1600 cpap, domani altri 500

Il 19 febbraio la Lombardia aveva 200 Cpap, oggi sono 1600 e domani ne arriveranno altri 500. “Riusciamo ancora a dare risposte di qualità – ha concluso Gallera – ringraziando non formalmente tutti coloro che quotidianamente con turni interminabili sono impegnati a fronteggiare questa emergenza”.

———————————————————————————————————————–

+++ DOMENICA 8 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18 +++

Gallera: 18 ospedali hub per tutte le urgenze, gli altri per pazienti covid-19

Attività ambulatoriali non differibili sospese dal 9 marzo, riprendono le vaccinazioni dei bambini

 

“Abbiamo individuato 18 ospedali HUB che si occuperanno dei grandi traumi, delle urgenze neurochirurgiche, neurologiche stroke e cardiovascolari. L’obiettivo è quello di creare maggiore disponibilità negli altri ospedali per pazienti affetti da Covid-19”.

Lo ha affermato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, illustrando una delibera approvata dalla Giunta straordinaria che si è riunita oggi.

Le funzioni degli ospedali hub

“Sugli ospedali Hub – spiega Gallera – si concentra l’attività di erogazione delle prestazioni relative alle reti tempo dipendenti (es. infarto, ictus..) e alle patologie le cui cure non possono essere procrastinate. Questi presidi dovranno garantire l’accettazione continua nelle 24 ore di tutti i pazienti che si presentano, potendo anche contare su più equipe disponibili di cui almeno una in guardia attiva, con un percorso separato e indipendente per pazienti affetti da Covid-19 rispetto agli altri pazienti e svolgere la propria attività attraverso la collaborazione di equipe provenienti e messe a disposizione da altri erogatori pubblici e privati accreditati e a contratto”.

Trauma maggiore

In questa situazione di emergenza è stata configurata una riorganizzazione tenendo presente la distribuzione geografica nell’ambito di un sistema fortemente integrato, in grado di agire secondo protocolli condivisi. I tre hub identificati sono: Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda, Spedali Civili di Brescia e Ospedale di Varese. Rimane riferimento per il trauma maggiore pediatrico il CTS Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Urgenze neurochirurgiche

La revisione della rete è in funzione delle risorse che in parte sono sovrapponibili alla rete dei traumi maggiori. Inoltre è stato aggiunto alla rete il IRCCS Besta di Milano poiché si è considerata la specificità di alcune patologie oncologiche che necessitano di una sede privilegiata di riferimento. Tali attività sono quantificabili mediamente in 100-120 a settimana e pertanto potrebbero essere centralizzate su 4 strutture ospedaliere.

I Centri hub identificati sono: Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda, Spedali Civili di Brescia e Ospedale di Varese, IRCCS Besta di Milano.

Urgenze neurologiche stroke

Le malattie cerebrovascolari acute sono una delle principali cause di mortalità, morbilità e disabilità con rilevante impatto sullo stato di salute della popolazione. La revisione della rete ha considerato la struttura sanitaria di prima accoglienza del paziente, il livello della struttura ospedaliera qualificata per trombolisi sistemica e trombectomia meccanica, il criterio di distribuzione territoriale e della disponibilità di posti letto della struttura.

I Centri che sono stati identificati sono: Ospedali Civili di Brescia, IRCCS Humanitas Milano, Ospedale Sant’Anna di Como, Ospedale di Varese, IRCCS San Matteo di Pavia, Ospedale Carlo Poma di Mantova (in collaborazione con equipe di Cremona), Ospedale di Legnano, San Gerardo di Monza, Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda e Ospedale di Lecco.

Per i pazienti autopresentati deve essere considerata la possibilità di trattamento di fibrinolisi in sede e successivo trasferimento.

Urgenze cardiologiche interventistiche

In Regione Lombardia (con i suoi circa 10 milioni di abitanti) il numero di pazienti che risultano dimessi con diagnosi di STEMI (infarto acuto del miocardio) diagnosticati da Pronto Soccorso sono circa 8000/anno.

I Centri ‘HUB’ identificati in questa situazione di emergenza sono: Ospedali Civili di Brescia, Poliambulanza di Brescia, Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Ospedale di Sondrio, Ospedale di Varese, IRCCS San Matteo di Pavia, Carlo Poma di Mantova, Ospedale di Legnano, San Gerardo di Monza, Monzino, Ospedale San Paolo, Ospedale San Raffaele, Ospedale di Lecco.

Esclusivamente per attività di elettrofisiologia d’urgenza rimane attiva anche la struttura dell’IRCCS San Donato.

Urgenze cardiochirurgiche e di chirurgia vascolare

Per le urgenze cardiochirurgiche vanno individuate le patologie che devono essere trattate in emergenza urgenza, non procrastinabili per un periodo superiore ai due mesi e che possono accogliere e trattare pazienti provenienti da tutte le cardiologie, cardiochirurgie e dal territorio.

I Centri hub hanno la possibilità di accogliere equipe chirurgico-anestesiologiche e personale tecnico-infermieristico specializzato.

I Centri che sono stati identificati sono: IRCCS Monzino, Poliambulanza di Brescia, Ospedale di Legnano e Ospedale San Raffaele.

Rimane riferimento per la cardiochirurgia pediatrica il IRCCS San Donato per pazienti pediatrici

Sospensione delle attività non differibili degli ambulatori

“Le attività ambulatoriali – sottolinea Gallera – comprese quelle erogate in regime di libera professione intramuraria, sono sospese a decorrere dal 9 marzo 2020. Fatta eccezione per l’attività in regime di libera professione intramuraria che rimane comunque sospesa, l’attività ambulatoriale istituzionale, incluso il percorso di presa in carico dei pazienti con patologie croniche, potrà essere mantenuta qualora non vi sia necessità di risorse professionali per assistenza ai pazienti ricoverati sia per Covid-19 che per le altre patologie e anche con modalità alternative idonee a tutelare i pazienti più fragili. Viene comunque mantenuta l’attività per prestazioni non differibili (quali ad esempio chemioterapia, radioterapia, dialisi ecc.), prestazioni urgenti con priorità U o B, prestazioni dell’area salute mentale dell’età evolutiva e dell’età adulta e i servizi sulle dipendenze”.

Non rientrino nella sospensione delle attività ambulatoriali gli erogatori accreditati e a contratto che erogano esclusivamente attività ambulatoriale, con esclusione delle strutture ambulatoriali facenti parte di un ente gestore unico con attività di degenza; gli erogatori autorizzati e accreditati non a contratto; gli studi privati di medici, odontoiatri e operatori sanitari.

Costoro devono tuttavia acquisire dai propri professionisti la disponibilità a collaborare nel periodo emergenziale, attivando uno specifico flusso informativo che permetta alle ATS di disporre di tale informazione.

Le vaccinazioni riprendono dall’11 marzo

Visto il protrarsi dell’emergenza legata al Coronavirus e la contestuale esigenza di proteggere i bambini, da mercoledì 11 marzo sono riattivate le sedute per la somministrazione di ciclo di base esavalente e pneumococco e rotavirus (compatibilmente con la possibilità di somministrazione contemporanea delle altre vaccinazioni), la prima MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) e Meningococco C, la seconda dose MPRV e dTP (difterite, tetano e pertosse)/ poliomelite.

+++ CORONAVIRUS +++ L’AGGIORNAMENTO DEI DATI

I dati aggiornati a oggi infatti dicono che:

  • i casi positivi sono 4.189 (ieri erano 3.420, l’altro ieri 2.612).
  • i deceduti 267, ieri 154 e l’altro ieri, tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 550, ieri 524
  • in isolamento domiciliare 756, ieri 722
  • in terapia intensiva 399, ieri 359
  • i ricoverati non in terapia intensiva 2217, ieri erano 1.661
  • i tamponi effettuati 18.534 ieri erano 15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 3 giorni

  • Bergamo 997 / 761 / 623 / 537
  • Brescia 501 / 413 / 182 / 155
  • Como 27 / 23 / 11 / 11
  • Cremona 665 / 562 / 452 / 406
  • Lecco 53 / 35 / 11 / 8
  • Lodi 853 / 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 59 / 61 / 20 / 19
  • Milano 406 / 361 (di cui 171 a Milano città)
  • Mantova 56 / 46 / 32 / 26
  • Pavia 243 / 221 / 180 / 151
  • Sondrio 6 / 6 / 4 / 4
  • Varese 32 / 27 / 23 / 17

e 291 in corso di verifica

dvd

——————————————————————————————————————————-

+++ SABATO 7 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.25 +++

Gallera: fronte compatto con i sindaci anche per quanto riguarda l’emergenza sanitaria

“La giornata di oggi è stata caratterizzata da una serie di incontri. Dopo un briefing con l’Unità di crisi e i nostri esperti, nel primo pomeriggio, insieme al presidente Attilio Fontana, ci siamo confrontati con i sindaci delle Città capoluogo. Con loro abbiamo condiviso una linea di azione comune per fronteggiare nel migliore dei modi, anche a livello sanitario, l’emergenza Coronavirus”.

“Da parte di tutti – ha continuato Gallera – si è riscontrata la massima disponibilità per cercare di fare rete e mettere a sistema tutte le risorse a nostra disposizione. Abbiamo anche ricevuto un documento dal Coordinamento dei medici di terapia intensiva della Lombardia nel quale ci viene chiesto di evidenziare al Governo la situazione ‘complicata’ che devono fronteggiare in queste ore”.

I dati aggiornati a oggi infatti dicono che:

  • i casi positivi sono 3.420 (l’incremento elevato rispetto ai 2.612 di ieri è dovuto all’arrivo in blocco di circa 300 tamponi positivi provenienti da Brescia che ieri non erano stati processati).
  • i deceduti 154 (ieri erano 135), tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 524
  • in isolamento domiciliare 722
  • in terapia intensiva 359 (+50 rispetto a ieri)
  • i ricoverati non in terapia intensiva 1.661
  • i tamponi effettuati 15.778

 

I casi per provincia riferito a oggi, ieri e l’altro ieri

  • Bergamo 761 / 623 / 537
  • Brescia 413 / 182 / 155
  • Como 23 / 11 / 11
  • Cremona 562 / 452 / 406
  • Lecco 35 / 11 / 8
  • Lodi 811 / 739 / 658
  • Monza e Brianza 61 / 20 / 19
  • Milano 361 (di cui 158 a Milano città), ieri erano 119 / 267 / 197
  • Mantova 46 / 32 / 26
  • Pavia 221 / 180 / 151
  • Sondrio 6 / 4 / 4
  • Varese 27 / 23 / 17

e 93 in corso di verifica

dvd

—————————————————————————————————————————

+++ VENERDÌ 6 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.30 +++

Gallera: senza atteggiamenti responsabili non diminuiscono i casi

Un appello ad adottare “atteggiamenti radicali” per evitare che per molto tempo “ci sia solo una crescita”.

Lo ha fatto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la conferenza stampa per fare il punto sull’emergenza Coronavirus.

“O assumiamo un atteggiamento individuale molto responsabile – ha detto – oppure non siamo in grado di valutare quando arriverà la discesa dei casi di contagio”.

I dati aggiornati a oggi infatti dicono che:

  • i casi positivi sono 2.612, ieri erano 2.251. Il 36% dei contagiati ha oltre 75 anni, il 20% ha tra i 65 e i 74 anni, il 25% tra i 50 e i 64, il 17% tra i 25 e i 49 anni mentre l’1 per cento tra 18 e i 24 anni e l’1 per cento meno di 18 anni
  • i deceduti 135, tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 546 (93 in più in un solo giorno)
  • in terapia intensiva 309 (+65 rispetto a ieri)
  • i ricoverati non in terapia intensiva 1.622 (453 in più)
  • i tamponi effettuati 13.556
  • personale sanitario positivo è pari al 12% del totale
  • persone in sorveglianza volontaria

 

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto a ieri

  • Bergamo 623/537
  • Brescia 182/155
  • Como 11/11
  • Cremona 452/406
  • Lecco 11/8
  • Lodi 739/658
  • Monza e Brianza 20/19
  • Milano 267 (di cui 119 a Milano città) / 197
  • Mantova 32/26
  • Pavia 180/151
  • Sondrio 4/4
  • Varese 23/17

e 68 in corso di verifica

Lo sforzo straordinario

Gallera ha quindi illustrato lo sforzo straordinario che sta facendo tutto il sistema Lombardia La situazione dei pronto soccorso nelle aree di frontiera “è sempre di grande pressione” tanto che, “solo ieri a Crema ci sono stati 80 accessi in pronto soccorso tutti da ricoverare con polmonite, ed erano 70 il giorno prima e 60 il giorno prima ancora. A Lodi, c’erano 65 persone in pronto soccorso da ricoverare, a Cremona ieri sono passate 80 persone, a Bergamo est 70 persone, questo per dare a tutti la dimensione fenomeno che stiamo affrontando”.

Un nuovo modello per gli ospedali

Gallera ha poi aggiunto che si sta pensando ad un nuovo modello nel quale quasi tutti gli ospedali saranno ‘Covid’. “Se prima avevamo individuato tre ospedali da destinare esclusivamente ai pazienti Coronavirus – ha detto – oggi stiamo pensando di ribaltare l’assioma perché il numero dei casi cresce in maniera molto importante. Stiamo dunque individuando alcuni presidi per le patologie più importanti”.

L’apprezzamento dell’Oms

In questo contesto l’assessore ha fatto sapere che oggi “è arrivata una comunicazione di apprezzamento da parte dell’Oms, che ci chiede di avere il modello che abbiamo individuato per gestire l’emergenza perché vuole farne un modello da applicare anche negli altri Paesi, è sicuramente un elemento di grande valore”.

250 nuovi infermieri grazie all’impegno dei rettori lombardi

L’assessore ha anche fatto sapere che ieri si sono laureati 65 infermieri a Pavia e altri se ne aggiungeranno fra lunedì e martedì per arrivare fino a 250. “Ho sentito i rettori Svelto e Morzenti – ha spiegato – per ringraziarli di ciò che hanno fatto. Ci era stato garantito un Decreto che accorciava l’anno scolastico di un mese e non è arrivato. I rettori lombardi hanno fatto i loro decreti per ridurre l’anno e consentirci di avere del personale che quindi tra una decina di giorni potrebbe entrare nel sistema”.

Dimesso il ‘paziente 3’

Dopo la bella notizia di qualche giorno fa circa la dimissione della moglie del paziente 1, oggi ne è arrivata un’altra: oggi infatti è tornato a casa anche il paziente ‘3’, il runner amico di paziente 1.

La sospensione della attività ambulatoriali

Gallera ha anche precisato quanto annunciato ieri circa le attività ambulatoriali “Stiamo facendo inserire nel Decreto legge – ha detto – la facoltà di sospendere le attività ambulatoriali lunedì approveremo in Giunta una delibera che darà indicazioni alle strutture ospedaliere su come gestire in maniera opportuna i pazienti che arriveranno. Le strutture dovranno ridurre l’attività ambulatoriale mantenendo quella urgente e non differibile. Si potranno continuare a svolgere anche fisioterapia o psichiatria perché effettuate da personale che non verrebbe utilizzato per i pazienti Covid’.

dvd

LE SLIDE CON LA MAPPA DELLE DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS DAL 22 FEBBRAIO A 5 MARZO

 

———————————————————————————————————————-

+++ GIOVEDÌ 5 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 18.45 +++

Coronavirus, assessore Gallera: sforzo straordinario per reperire medici e infermieri

I dati aggiornati sui contagi nelle singole province lombarde

“Anzitutto voglio rivolgere un grandissimo elogio e ringraziamento al gruppo intensivisti, pneumologi, medici e personale sanitario che da due settimane stanno lavorando senza sosta per fronteggiare l’emergenza Coronavirus anche riconvertendo a terapia intensive – in tempi rapidissimi – altre tipologie di reparto. Ad oggi siamo riusciti ad attivare 321 nuovi posto letto di terapia intensiva dedicati al coronavirus. Questo è un messaggio molto importante, una grande battaglia che stiamo fronteggiando con grande professionalità”.

Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, aggiornando i casi lombardi di Coronavirus.

I casi nello specifico:

  • i casi positivi sono 2.251
  • i deceduti 98, tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso. L’87% ha più di 75 anni, l’11% ne ha fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 376 (126 in più in un solo giorno)
  • in isolamento domiciliare 364
  • in terapia intensiva 244
  • i ricoverati non in terapia intensiva 1.169
  • i tamponi effettuati 12.354
  • personale sanitario positivo è pari al 12% del totale
  • 11.000 persone in sorveglianza volontaria

I casi per provincia:

  • Bergamo 537 +114 casi (soprattutto nord est provincia di Bergamo)
  • Brescia 155
  • Como 11
  • Cremona 406
  • Lecco 8
  • Lodi 658
  • Monza e Brianza 19
  • Milano 197 di cui 86 a Milano città
  • Mantova 26
  • Pavia 151
  • Sondrio 4
  • Varese 17

e 62 in corso di verifica.

Gallera ha anche ricordato che la Lombardia sta facendo uno sforzo straordinario per reperire nuovi medici. “In due giorni – ha spiegato – ne sono stati assunti 136, fra questi a Lodi sono arrivate 83 nuove unità (19 medici, 47 infermieri e 17 OSS) e tra questi 5 medici e 8 infermieri dell’esercito che sta arrivando in aiuto anche a Seriate con 10 medici e 8 infermieri che entreranno in servizio domani. Anche a Crema, Seriate e Cremona sono stati assunti 39 medici, 78 infermieri e 18 OSS”.

L’assessore ha quindi sottolineato la “solidarietà del sistema”, a Lodi infatti sono arrivati medici e infermieri dal Besta, dal gruppo San Donato, da Pavia, dal Fatebenefratelli, dal Niguarda e altre strutture ancora.

“Siamo davanti ad un grande sforzo corale – ha detto – e il sistema regge anche se gli afflussi nei pronto soccorso nelle strutture frontiera continuano a essere di 50/70 nuovi pazienti che entrano con complicazioni polmonari”.

“Ogni aiuto e contributo da specializzandi, medici in quiescenza, ONG è molto ben gradito – ha aggiunto l’assessore – e avremmo la possibilità di aprire nuovi posti letto, ma ci mancano le forze. Abbiamo bisogno delle migliori energie perchè qualsiasi contributo, da specializzandi a medici in pensione alle Ong, non solo è benvenuto, ma assolutamente necessario”.

Zona rossa

Rispondendo alle domande circa l’istituzione di una nuova ‘area rossa’, Gallera ha spiegato che da notizie informali dell’Istituto Superiore di Sanità c’è “un orientamento a chiedere misure importanti sul territorio” che afferisce al Nord Est della provincia di Bergamo. “I tecnici stanno facendo le loro valutazioni, ma ad oggi il Governo non ci ha sottoposto una misura formale. Aldilà dell’assunzione di un provvedimento restrittivo invitiamo i cittadini di quel territorio a restringere la vita sociale aldilà dell’attività lavorativa e di essere molto attenti e prudenti”.

L’ospedale militare di Baggio

Baggio è stato allestito ed è pronto e, proprio oggi, c’è stato un momento di confronto con le ATS per definire i protocolli di invio e accettazione. Domani quindi potrebbero arrivare i primi casi: uno dovrebbe essere di Brescia e uno di Bergamo.

I neonati

Gallera ha anche risposto ai casi dei neonati ricoverati per Coronavirus. “C’è un bimbo ricoverato al Civile di Brescia – ha detto – che si trova più o meno nelle stesse condizioni del bambino ricoverato nei giorni scorsi a Bergamo. Entrato con problemi respiratori è in patologia neonatale, respira autonomamente ed è stabile”.

dvd

 

Coronavirus, vicepresidente Sala: dialogo con compagnie tlc per lavoro e formazione a distanza

Caparini: in atto speculazione internazionale su mascherine

Utilizzo cresciuto esponenzialmentre: da 150.000 all’anno a 150.000 al giorno

 

“In attesa del decreto del Governo, in Lombardia, non ci fermiamo perché sappiamo che occorre stimare il danno economico immediato, stilare le priorità degli interventi e mettere in campo tutti quegli strumenti che servono per far fronte all’emergenza economica, sociale ed educativa”.

Lo ha dichiarato il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Università e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, intervenendo oggi alla consueta conferenza stampa di aggiornamento sull’emergenza Coronavirus a Palazzo Lombardia.

“A questo proposito – ha aggiunto Sala – oggi abbiamo avuto un’interlocuzione con alcune compagnie di telecomunicazione e contattato aziende che offrono piattaforme di e-learning per portare avanti questo modello e garantire che la didattica non si fermi, anche in quelle scuole che non sono ancora adeguate alla formazione a distanza”.

“Nel frattempo, stiamo procedendo, assieme alle associazioni di categoria, – ha concluso – ad una ricognizione dei settori più colpiti per verificare l’entità del maggior impatto economico prodotto da questa emergenza. Lavoriamo su questi fronti e in interlocuzione costante con il Governo, il cui provvedimento non arriverà prima di settimana prossima”.

Zona rossa economica allargata a tutta la Lombardia

“In particolare – ha spiegato l’assessore al Bilancio Davide Caparini – restiamo in attesa della definizione, da parte del Governo, di una ‘zona rossa economica’ allargata per tutta la Lombardia”.

Mascherine per chi è impegnato in prima linea

“Cerchiamo inoltre di fronteggiare uno dei disagi connessi a questa emergenza, ossia la difficoltà a reperire i Dispositivi per la Protezione Individuale (DPI) per tutti coloro che sono impegnati in prima linea e per i medici di base, farmacisti e Protezione civile che ne hanno bisogno. Purtroppo è in atto una vera e propria speculazione a livello internazionale per alcuni dispositivi mentre per quelli tecnologicamente più complessi il sistema produttivo non è in grado di sostenere le richieste. Il numero di mascherine ad oggi necessarie ad alimentare l’ordinarietà, ad esempio – ha continuato Caparini – è drasticamente cambiato: siamo passati da un consumo annuale di 150.00 ad un fabbisogno di 150.000 al giorno. Lo dimostra il fatto che il prezzo è lievitato su tutte le apparecchiature, dalle mascherine (da 0,010 euro a 1,4 euro al pezzo), alle soluzioni idroalcoliche al 70% (da 1,9 euro a 5 euro per mezzo litro)”.

“Regione Lombardia, considerato la difficoltà di reperimento e il crescente bisogno – ha concluso – da subito, per tramite della sua Centrale Acquisti, ha acquistato DPI anche al di fuori del perimetro dei fornitori abituali di approvvagionamento confermando, ad esempio, ordini per 6 milioni di mascherine delle quali 1,5 consegnate e, nella stragrande maggioranza dei casi, utilizzate”.

str

——————————————————————————————————————————

+++ MERCOLEDÌ 4 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 20 +++

Coronavirus, Fontana: con ministro Speranza fronte compatto per uscire dall’emergenza

“Chiesto a Governo ‘congedo parentale’: un genitore stia a casa”

L’assessore Gallera ha aggiornato i dati sanitari della giornata

“È stato un confronto positivo, molto tecnico, durante il quale abbiamo rappresentato con precisione la situazione della diffusione del virus sul nostro territorio, le azioni messe in campo, e quelle che per noi sono necessarie per il futuro”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la conferenza stampa convocata a Palazzo Lombardia, per fare il punto sulla situazione del Coronavirus alla quale hanno partecipato, (sempre in collegamento video) il vicepresidente Fabrizio Sala e gli assessori Giulio Gallera (Welfare) e Davide Caparini (Bilancio).

“Il ministro – ha continuato – ha apprezzato la qualità del lavoro che stiamo svolgendo e si è detto molto soddisfatto di quanto la Lombardia ha dimostrato di saper fare”.

Uno degli argomenti, molto importante, sul quale ci siamo intrattenuti – ha spiegato il presidente – è quello della comunicazione. Abbiamo convenuto sulla necessità di spiegare, far capire, e convincere i nostri cittadini, a mantenere quei comportamenti indispensabili per contribuire ad interrompere la diffusione del virus. Faremo una campagna d’informazione regionale e ci ha anticipato che anche il Governo ne sta predisponendo una a livello nazionale. Tra i messaggi fondamentali da veicolare quello rivolto agli anziani e ai pazienti cronici, affinché svolgano per qualche settimana una vita più ritirata, e, per tutti quanti, quelle norme come evitare gli assembramenti e i contatti fisici, strette di mano, baci e abbracci”.

“Tenuto conto che è stata disposta la chiusura delle scuole, anche per la prossima settimana – ha rimarcato – e considerate le sollecitazioni pervenute da molti genitori in questo periodo di sospensione, abbiamo chiesto al Governo una misura specifica per venire incontro alle esigenze di quelle famiglie che non hanno la possibilità di affidare i bambini a qualcuno e quindi costrette a dover usufruire di ferie o giorni di permesso. Contiamo che venga adottato al più presto un provvedimento urgente per consentire almeno a uno dei due genitori o al genitore, in caso di famiglia monoparentale, di poter stare a casa ad accudire il proprio figlio”.

“I modi e i tecnicismi riguardanti questa nostra richiesta – ha spiegato il vicepresidente Fabrizio Sala – dovranno essere studiati e dettagliati dal Governo per fare in modo che questa legittima istanza venga accolta in tempi rapidissimi”.

“Ringrazio il ministro – ha concluso Fontana – per essere venuto, per aver voluto dimostrare la sua vicinanza. Il suo particolare interessamento alla situazione difficile che stiamo vivendo ci dà ulteriore forza per andare avanti”.

L’aggiornamento quotidiano sui numeri

Come di consueto l’assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha aggiornato i dati dal punto di vista sanitario.

Nello specifico

  • i casi positivi sono 1.820
  • deceduti 73
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 250
  • in isolamento domiciliare 411
  • in terapia intensiva 209
  • i ricoverati non in terapia intensiva 877
  • i tamponi effettuati 12.138
  • personale sanitario positivo è pari al 12% del totale

I casi per provincia:

  • Bergamo 423
  • Brescia 127
  • Como 5
  • Cremona 333
  • Lecco 5
  • Lodi 559
  • Monza e Brianza 11
  • Milano 145 di cui 62 a Milano città
  • Mantova 22
  • Pavia 127
  • Sondrio 4
  • Varese 11 e 49 in corso di verifica.

Coronavirus. Gallera: allargamento zona rossa alla bergamasca? Dipende dal Governo

L’assessore Gallera entrando nel merito della situazione sanitaria ha parlato di “emergenza crescente che riusciremo a rallentare e sconfiggere solo se gli stili di vita corretti saranno metro della nostra quotidianità”.

L’allargamento delle zona rossa

Per quanto riguarda l’allargamento a una parte della Bergamasca della zona rossa, l’assessore ha detto che in serata “ci sarà una valutazione sui provvedimenti da assumere da parte del Governo. Attendiamo la valutazione. Noi siamo pronti ad accogliere ogni misura, anche le più rigide visto che oggi ci sono stati altri 48 contagi, portando a 423 quelli dell’intera provincia”.

Più posti in terapia intensiva

Cresce anche il numero dei posti delle terapie intensive destinati ai pazienti colpiti dal coronavirus, oggi ne sono stati recuperati altri 30.

Gli ospedali di Lodi, Crema e Cremona

Gli ospedali di Lodi, Crema e Cremona indicati nei giorni scorsi come “presìdi critici” rimangono tali, ma si sta lavorando intensamente per non aggravare ulteriormente la situazione. A Lodi ieri sera, a esempio, è arrivata una equipe del San Raffaele e alcuni pazienti sono già stati portati in terapia intensiva al San Raffaele. Sempre oggi sono arrivati medici e infermieri militari. Anche l’ospedale di Crema “sta facendo un lavoro straordinario e viene aiutato da personale di supporto”.

Il paziente 1 è stabile

Gallera ha anche aggiornato sulle condizioni del ‘paziente 1’: “è stabile – ha detto – è intubato e viene curato con un cocktail di farmaci sperimentale, che speriamo ci dia qualche risultato positivo”.

Colpito anche il dg dell’ospedale di Bergamo

L’assessore ha anche rassicurato sulle condizioni del direttore generale dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Beatrice Stasi che, risultata positiva al coronavirus “è in isolamento domiciliare, ma continua a lavorare indefessamente”. Anche l’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, ricoverato a Brescia “è in ripresa e di buon umore”.

dvd

Coronavirus, vicepresidente Sala: con Veneto ed Emilia condiviso urgenza aiuti subito a micro, piccole e medie imprese

Assessore Caparini (Bilancio, Finanza e Semplificazione) : acquistate 6 milioni di mascherine, 1,5 già consegnate

“Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna hanno condiviso insieme nelle ultime ore un pacchetto di richieste di aiuti immediati che hanno sottoposto al Governo e che si sviluppa prioritariamente intorno a un concetto: non intendere la zona rossa economica come la zona rossa epidemica, bensì allargarla a tutti i territori coinvolti”.

Il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Università e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, è intervenuto così, oggi, alla consueta conferenza stampa di aggiornamento a Palazzo Lombardia, declinando in una lista di priorità, le proposte delle Regioni italiane per un Piano straordinario di misure volte ad affrontare l’emergenza Coronavirus presentato al presidente del Consiglio dei Ministri.

“Siamo in linea con le altre Regioni e con il Governo in un confronto a trecentosessanta gradi – ha aggiunto Fabrizio Sala – ora serve uno stretto coordinamento per creare uno schema di priorità d’intervento”.

“Subito – ha precisato Sala – aiuti per le imprese (medie, piccole, micro) dei diversi settori: dal turismo alla ristorazione, dall’artigianato al commercio, dal fieristico al manifatturiero, per farle uscire dalla sofferenza contingente”.

“Secondo punto – ha aggiunto il vicepresidente – sono necessari finanziamenti per la trasformazione del nostro tessuto produttivo in un sistema con maggiore flessibilità. Dallo smart
working all’e-learning, serve spingere e sviluppare questi strumenti per il futuro. Terzo, ma non meno importante – ha concluso – servono investimenti pubblici attraverso un
commissario alle imprese ‘Modello Ponte Morandi’ per creare sviluppo anche attraverso la semplificazione”.

L’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini ha sottolineato che: “oggi è stata una giornata importante per l’interlocuzione con il Governo, abbiamo fatto un
focus sul sostegno al reddito per i lavoratori anche attraverso la cassa in deroga, mettendo in evidenza l’importanza degli aiuti alle imprese, alle partite Iva, ai professionisti ed alle
micro imprese per tutto il territorio delle 3 Regioni piu colpite”.

“Le Olimpiadi Milano Cortina del 2026 – ha aggiunto Caparini – saranno un’occasione importante, una vera e propria vetrina internazionale per la Lombardia e il Veneto, luoghi di eccellenza e
terra da visitare. Per questo sarà fondamentale avviare al più presto gli investimenti sbloccandoli i cantieri ancora chiusi o mai iniziati a causa di procedure lunghe e tortuose per iniziare
a lavorare sin da subito”.

“Altro aspetto rilevante – ha ribadito l’assessore regionale al Bilancio – è la comunicazione della crisi: Regione Lombardia partirà per prima con una nuova campagna per spiegare cosa
succede e come contrastare il virus: in sintesi proteggersi per proteggere gli altri”.

L’assessore Caparini ha poi ribadito le precauzioni da utilizzare in questo periodo: “lavarsi spesso le mani, mantenere la distanza di almeno un metro, limitare le uscite e gli assembramenti e, per chi lavora con il pubblico, ad utilizzare la mascherina, dovrà essere uno sforzo di tutti”.

Infine il punto sulla dispositivi di protezione individuale per il personale sanitario e i medici di base: “a oggi sono arrivati 1,5 milioni di mascherine – ha detto – dei 6 milioni
ordinati e le stiamo cercando sul mercato internazionale. Priorità di consegna ai nostri operatori e poi alle farmacie ed ai venditori”.

Rispondendo alle domande sui canali social di Lombardia Notizie, Caparini ha ricordato che in Lombardia sono “chiusi i centri commerciali e la grande nel fine settimana nelle provincie di
Lodi, Cremona, Bergamo e Piacenza; che la Direzione turismo della Regione è in contatto con agenzie di viaggi lombarde per semplificare le procedure finalizzate a rimborsare chi non ha
potuto viaggiare a causa dell’emergenza Coronavirus”.

str/mac

——————————————————————————————————————————–

+++ AGGIORNAMENTO DELLE 19.30 +++

Coronavirus. Fontana: domani ministro Speranza in Regione, nel pomeriggio confronto con il Governo per proposte economiche

Dall’assessore Gallera aggiornamenti sulla situazione sanitaria

“Il ministro della Salute, Roberto Speranza domani, sarà a Palazzo Lombardia per approfondire la situazione sanitaria della Lombardia e valutare quali ulteriori misure dovranno essere adottate in merito”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo in videocollegamento, durante la conferenza stampa, convocata a Palazzo Lombardia, per fare il punto sulla situazione del Coronavirus alla quale hanno partecipato, (sempre in collegamento video) il vicepresidente Fabrizio Sala e gli assessori Giulio Gallera (Welfare) e Davide Caparini (Bilancio).

“Oggi – ha fatto sapere Fontana – abbiamo individuato le proposte da presentare domani pomeriggio al Governo. Sono relative alle misure finanziarie da adottare per sostenere i nostri lavoratori e i nostri imprenditori che stanno subendo dei gravi danni dall’emergenza provocata dal COVID19”.

“Si tratta di proposte – ha continuato – che traggono origine, soprattutto, dagli incontri che abbiamo avuto con i diversi stakeholder, al cosiddetto Tavolo dello Sviluppo”.

“In quell’occasione – ha proseguito – abbiamo raccolto le valutazioni e le proposte, che abbiamo sintetizzato nelle proposte che presenteremo domani e che sono state oggetto di condivisione anche con le altre Regioni coinvolte, Veneto e Emilia-Romagna”.

Il governatore ha infine aggiornato i giornalisti sulle condizioni di salute dell’assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli: “sta meglio – ha detto – e ci rincuora con i messaggi che manda e con la forza che dimostra anche in questa situazione”.

Gallera ha aggiornato sui numeri

L’assessore Gallera ha poi aggiornato i dati relativi alla diffusione del Coronavirus in Lombardia. In particolare

  • i casi positivi sono 1520
  • i deceduti 55
  • i dimessi e trasferiti al domicilio 139
  • in isolamento domiciliare 461
  • in terapia intensiva 167
  • i ricoverati non in terapia intensiva 698
  • i tamponi effettuati 9577

I casi per provincia:

  • Bergamo 372
  • Brescia 86
  • Como 4
  • Cremona 287
  • Lecco 4
  • Lodi 482
  • Monza e Brianza 9
  • Milano 93 di cui 37 a Milano città
  • Mantova 15
  • Pavia 122
  • Sondrio 3
  • Varese 7

e 36 in corso di verifica.

dvd

—————————————————————————————————————————-

Coronavirus, Gallera: da metà marzo 350 nuovi infermieri, impegno Regione prosegue a tutto campo

Da un punto di vista sanitario, l’assessore Gallera ha confermato che la Regione si sta preparando a gestire l’afflusso dei malati “anche con numeri importanti”, dal momento che l’incremento dei casi positivi “corrisponde praticamente al numero degli ospedalizzati”.

Gallera ha anche spiegato che ieri “ha incontrato gli amministratori locali e i rappresentanti delle Ats” con i quali è stata condivisa la necessità di mettere in campo misure affinché “chi è in isolamento volontario o è un contatto diretto sia supportato e stia realmente al domicilio”. Allo stesso tempo l’assessore ha invitato ancora gli ultra 65enni “a stare a domicilio nelle prossime 2/3 settimane”.

103 posti in più in terapia intensiva

Nell’ultima settimana sono stati creati 103 posti in più (69 nel pubblico e 34 nel privato) di terapia intensiva.

“Ne avevamo 724 – ha detto Gallera – più i 176 dei monospecialistici (che, in questo momento, non sono coinvolti) e siamo dunque arrivati a 827, di cui 593 nelle strutture pubbliche e 232 nelle strutture private. Ad oggi, dunque, i posti destinati al Coronavirus sono 220, quelli occupati sono 167 occupati”. Altri 50 saranno pronti nei prossimi giorni.

350 nuovi infermieri

“Abbiamo anche ottenuto dal ministero – ha aggiunto l’assessore – l’autorizzazione a una deroga che ci consentirà di assumere infermieri prima dell’iscrizione all’Albo. Avremo dunque circa 350 nuovi infermieri da immettere nel sistema intorno a metà marzo”.

Medici e infermieri militari

L’assessore ha poi aggiunto che sia lui che il collega Foroni hanno ricevuto una telefonata dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, che ha confermato la disponibilità di 14 medici e 20 infermieri militari ad entrare subito in servizio. “Domani, inoltre – ha aggiunto – approveremo in Giunta un accordo che consente ai privati di lavorare nel pubblico”.

Un bambino al papa giovanni di Bergamo

Gallera ha anche confermato che all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo è ricoverato un neonato di 20 giorni positivo al coronavirus.

Il bambino “non è in una situazione particolarmente compromessa, è in isolamento in patologia neonatale e respira autonomamente”.

dvd

—————————————————————————————————————————-

Coronavirus. Vicepresidente Sala: intera Lombardia ‘zona rossa’ per economia

“Chiederemo al Governo di attuare misure shock sul modello del Ponte Morandi di Genova, riconoscendo alle imprese liquidità come sostegno per mancato guadagno. Tutta la Lombardia diventi economicamente zona rossa”.

Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala intervenendo al consueto ‘punto stampa’ sul coronavirus nel quale ha illustrate le valutazioni e le necessità emerse in occasione del tavolo Patto per lo Sviluppo convocato oggi a Palazzo Lombardia che ha condiviso un pacchetto di interventi da presentare al Governo. La Lombardia chiede un commissario straordinario per le imprese sul modello ‘ponte Morandi’.

Le aziende colpite dall’attuazione delle ordinanze devono poter godere di un sostegno per mancato guadagno o per disdette facendo riferimento alla media degli ultimi 3 anni fino ad un massimo di 200.000 euro. Il vicepresidente Sala che è anche coordinatore della task force permanente economia costituita per l’emergenza coronavirus ha anche ribadito che il pacchetto di interventi prevede “Possibilità di anticipare fino al 70% della PAC alle imprese agricole (anche attraverso revisione delle relative disposizioni normative nazionali), maggiore flessibilità per l’utilizzo dei fondi FES e FESR per sostegno al reddito, semplificazione delle procedure per la liquidazione, riduzione della percentuale di cofinanziamento UE per la dotazione Fondi Strutturali 2021 – 2027”.

Ancora, dal Tavolo Patto Sviluppo è emersa la necessità di “riallocazione di risorse di Fondi Strutturali non assegnate/impegnate da parte di Regioni non interessate in misura rilevante dall’emergenza sanitaria, sostegno per la liquidità delle aziende con fondi pubblici e un rafforzamento dei Confidi ed una correlativa attivazione straordinaria di risorse BEI/FEI per investimenti di contrasto di lungo periodo delle conseguenze dell’emergenza economica (sanità, infrastrutture materiali ed immateriali, imprese 4.0), con concessione semplificata, anche con deroghe al codice appalti”.

Altri strumenti da attivare sono: una forte azione per realizzare investimenti pubblici con anticipazione al 2020 di parte delle risorse per investimenti, ad oggi allocate sugli anni successivi, semplificazione radicale delle procedure per gli affidamenti, assegnazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2021-2027 a Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna.

Il vicepresidente Sala ha aggiunto che per le Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna occorrerebbe “l’assegnazione di quota-parte delle risorse destinati ad investimenti per la realizzazione di opere pubbliche (L.160/2019)”. Sul fronte tributario il documento elaborato dal tavolo Patto per lo Sviluppo prevede la sospensione, la rateizzazione fino alla cancellazione degli obblighi per l’anno d’imposta in corso per tributi e tasse nazionali e locali: IVA, IRPEF e Tributi locali con contemporanea compensazione delle risorse per i Comuni.

L’assessore regionale al Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini ha sottolineato che l’Organizzazione Mondiale della Sanità in conformità “alle attuali evidenze scientifiche, ha riconosciuto che è consentito fare ricorso alle mascherine chirurgiche quali dispositivi idonei a proteggere gli operatori sanitari”.

“In funzione di questo abbiamo ordinato 2,5 milioni di mascherine, 350.000 delle quali già consegnate ed entro la fine di questa settimana altre 700.000 arriveranno nei presidi ospedalieri. Poi – ha aggiunto – potremo passare a una programmazione tarata sull’ordinarietà e non sulla straordinarietà così come avvenuto fino ad ora”.

“Abbiamo inoltre ordinato nuovi ventilatori polmonari – ha evidenziato l’assessore regionale al Bilancio -, si tratta di attrezzature di difficile reperibilità. Per fare un esempio in questo periodo di emergenza è stato ordinato un numero di dispositivi pari a quelli che Regione Lombardia ordina in 3 anni”. “Conseguentemente anche per le aziende produttrici – ha rimarcato – è difficile produrre nei quantitativi richiesti, ci vorranno circa 45 giorni”.

Davide Caparini ha infine ricordato che “sono stati investiti in tutto 47 milioni di euro per gli acquisti, tra questi 13 milioni di euro arrivano dalla Protezione civile, il resto dalle casse di Regione Lombardia. A questi aggiungo i 10 milioni per il reclutamento del personale: 100 medici e 200 infermieri”.

str/mac

—————————————————————————————————————————-

Coronavirus, Foroni: Protezione Civile costantemente al lavoro per supportare sistema Welfare

Intensificato lavoro per persone interessate grazie a volontari
In consegna al Niguarda altre 200.000 mascherine

“Stiamo intensificando di ora in ora il nostro sforzo a sostegno di tutte le popolazioni e i territori coinvolti nell’emergenza. La Protezione civile regionale è costantemente al lavoro per cercare di migliorare la situazione, in ogni ambito, come supporto al nostro sistema di Welfare sia al Dipartimento centrale. Siamo in stretto raccordo con i sistemi provinciali e con gli amministratori locali che in provincia di Lodi, come in altri territori, stanno facendo un grande lavoro di comunicazione con gli abitanti. Abbiamo altresì intensificato il supporto logistico in ogni campo, soprattutto alla popolazione della ‘zona rossa’, grazie allo straordinario lavoro e all’abnegazione di circa 500 volontari”. Così l’assessore regionale alla Protezione civile, Pietro Foroni, fa il punto sulle attività svolte fino a oggi dopo l’individuazione del primo caso accertato di coronavirus in Lombardia.

La Protezione civile regionale è impegnata nella fornitura di materiale e di supporto logistico per l’allestimento di spazi per triage e alloggio personale sanitario. A oggi sono stati allestiti 7 punti triage negli ospedali di Bergamo, Cremona, Crema e Casalmaggiore (Cremona), Brescia, Mantova, Stradella (Pavia) con circa 350 volontari.
È in corso la verifica della situazione (per successivo eventuale allestimento) per nuovi punti di triage campale negli ospedali di Edolo ed Esine (Brescia), di Vigevano (Pavia), di Rozzano (Milano), di Alzano Lombardo (Bergamo) e di Monza e l’allestimento di 40 posti letto presso l’ospedale di Lodi (con circa 20 volontari);

È in corso altresì l’allestimento di strutture di pre-triage per gli istituti carcerari. Nella giornata di ieri, domenica 1° marzo, sono stati installati 5 presidi, e si prevede l’installazione di altri 6 in questi giorni, per un totale di 11 punti di pre-triage (impiegati circa 20 volontari).

Nel dettaglio, la Regione, tramite il sistema territoriale di Protezione Civile, ha recuperato e consegnato nei centri di stoccaggio:
– 15.000 tute ad Areu presso ospedale Niguarda Ca’ Granda (24 febbraio)
– 1.000 mascherine al Centro Coordinamento Soccorsi di Lodi, per la ‘zona rossa’ (25 febbraio)
– 7.000 mascherine ad Areu presso ospedale Niguarda Ca’ Granda (il 26 febbraio)
– 5.000 kit ad Areu sempre presso ospedale Niguarda Ca’ Granda e circa 25.000 mascherine al Centro Coordinamento Soccorsi di Lodi (27 febbraio)
– 30.000 mascherine chirurgiche presso ospedale Niguarda Ca’ Granda (1 marzo)
– 200.000 mascherine all’ospedale Niguarda di Milano (oggi)
per un totale di 283.000 pezzi.

Il sistema regionale di Protezione civile sta inoltre supportando Areu per l’organizzazione delle attività del magazzino centralizzato di materiale sanitario, in particolare per quanto riguarda la consegna – che verrà effettuata presumibilmente nella serata di oggi – di una significativa quantità di materiali in arrivo in giornata a Roma Fiumicino.

Strutture destinate alla quarantena

È stata confermata la disponibilità di spazi per l’allestimento delle strutture destinate alla quarantena, che al momento consistono in 50 posti a Baggio (11 stanze a 4 letti e 3 stanze a 2 letti), mentre si sta lavorando in accordo con la Regione Emilia-Romagna per allestire altri 61 posti a Piacenza (61 stanze uso singolo), ed è in valutazione l’utilizzo della struttura militare di Linate (53 stanze singole, 3 stanze a 2 letti – circa 60 posti). Tale attività viene condotta in stretto raccordo con l’Esercito e la Croce Rossa Italiana. L’obiettivo è rendere operative le strutture per l’inizio della settimana.

Prosegue infine il supporto con personale volontario alla gestione del numero verde attivato da Regione per l’emergenza coronavirus (circa 260 persone impiegate) nonché le procedure di sorveglianza sanitaria presso gli aeroporti, con sostituzione del volontariato delle organizzazioni di volontariato nazionali con quelle territoriali, e la disponibilità di circa 700 volontari ‘territoriali’, distribuiti su più giorni.

Anche a livello nazionale, è assicurato il raccordo con i Ministeri competenti e con il Dipartimento nazionale della Protezione civile, tramite quotidiani collegamenti con il Comitato Operativo di Protezione civile.

ver

—————————————————————————————————————————-

Coronavirus, assessore Gallera: tutti negativi i tamponi della Giunta

“Sono tutti negativi gli esiti dei tamponi per l’accertamento del coronavirus effettuati questa mattina ai componenti della Giunta regionale a seguito della positività riscontrata nella notte per l’assessore Alessandro Mattinzoli”.

Lo riferisce l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

“I test sono stati eseguiti – conclude Gallera – in ottemperanza con le procedure previste dai protocolli di Regione Lombardia, condivise con il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di sanità per gli operatori pubblici che svolgono funzioni ritenute essenziali”.

dvd

—————————————————————————————————————————-

+++ LUNEDÌ 2 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE 19.10

Coronavirus, Fontana: dimessa la mia collaboratrice, mercoledì confronto con premier

“Grazie agli Stati Uniti per apprezzamento a nostra trasparenza”

Ministro della Salute Roberto Speranza sarà prestissimo in Lombardia

“La mia collaboratrice, come numerosi altri pazienti lombardi, è guarita e sta per essere dimessa. Una buona notizia a conferma che i nostri sforzi stanno producendo risultati positivi. Mercoledì, poi, ho in programma una video conferenza con il premier Conte per fare il punto della situazione, mentre oggi ho avuto un colloquio telefonico con il ministro della Salute, Roberto Speranza, che mi ha annunciato una visita nei prossimi giorni in Lombardia”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la conferenza stampa effettuata da tutti i partecipanti in videoconferenza per fare il punto sulla ‘situazione Coronavirus’ in Lombardia.

All’incontro erano presenti anche il vicepresidente Fabrizio Sala e gli assessori Giulio Gallera (Welfare) e Davide Caparini (Bilancio).

“Oggi per affrontare in modo concreto l’emergenza Coronavirus – ha proseguito il presidente – nella seduta di Giunta abbiamo stanziato 40 milioni di euro per acquistare macchinari e migliorare i nostri reparti di rianimazione e 10 milioni per l’assunzione di nuovi medici e nuovi infermieri”.

Fontana ha poi rimarcato “gli apprezzamenti espressi dal segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo per la trasparenza con cui si sta trattando la vicenda e dall’Oms per quanto fatto dalla Lombardia per affrontare l’emergenza”. Infine, ancora una volta il governatore ha rivolto un “sentito ringraziamento a medici, infermieri e personale della tecnico della Regione che stanno facendo miracoli, impegnandosi oltre ogni umana immaginazione”.

Di seguito gli aggiornamenti relativi alla giornata odierna comunicati dall’assessore Gallera:

– i contagiati sono 1.254, così suddivisi per provincia:

  • Bergamo 243
  • Brescia 60
  • Como 2
  • Cremona 223
  • Lecco 3
  • Lodi 384
  • Monza e Brianza 8
  • Milano 58 di cui 28 a Milano città
  • Mantova 5
  • Pavia 83
  • Sondrio 3
  • Varese 4

In verifica 178

  • le persone ricoverate sono 478
  • quelle ricoverate in terapia intensiva 127
  • 139 le persone dimesse
  • 38 i deceduti
  • 472 i positivi asintomatici.

dvd

Coronavirus, Gallera: 2 persone della ‘zona rossa’ dimesse da ospedale Sacco. Nuovi caschi ‘Cpap’ per allegerire situazione

 

Due pazienti che erano stati contagiati dal coronavirus, provenienti dalla zona rossa della Lombardia, sono stati dimessi dall’ospedale Sacco di Milano.

Lo ha fatto sapere l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la conferenza stampa.

“È un’ottima notizia – ha commentato – sono guarite e spostate al loro domicilio in attesa che l’ultimo tampone diventi negativo”.

Quasi 200 posti in terapia intensiva

Gallera ha anche spiegato che la Regione sta incrementando i posti in terapia intensiva dedicati ai malati di Coronavirus. Già li avevamo portati a 140, ma ne stia recuperando altri nei blocchi operatori così da arrivare a circa 200 in modo da reggere un urto che sta crescendo.

I nuovi caschi ‘CPAP’

Per non aggravare la situazione di pazienti con un quadro clinico non particolarmente complesso e non ancora ricoverati in terapia intensiva, Gallera ha annunciato l’acquisto di ‘CPAP’ (Continuous Positive Airway Pressure), che aiutano i pazienti a respirare. “Secondo gli esperti – ha spiegato – i pazienti colpiti da Coronavirus possono avere bisogno di assistenza respiratoria, ma non per forza di un ricovero in terapia intensiva”. Nei Cpap viene indotto ossigeno così da aiutare i pazienti a respirare senza che si spostino dalla Pneumologia.

Lodi, Seriate e Crema ospedali a vocazione coronavirus

Gallera ha anche spiegato che i presìdi di Lodi, Seriate e Crema, stanno diventando ospedali “a vocazione Coronavirus”. “Sono i primi a farsi carico – ha detto – dei pazienti malati, ma probabilmente se ne aggiungeranno altri. Saranno quelli che dedicano e ‘trasformano’ i reparti di Medicina in Pneumologie e si fanno carico di pazienti meno complessi e che iniziano a utilizzare i ‘Cpap'”.

L’ospedale di Crema

Rispondendo alle domande sull’ospedale di Crema, Gallera ha detto che “è uno di quelli più sotto pressione, ma sta reagendo nel modo migliore. Possiamo quindi tranquillizzare sulla capacità di quell’ospedale di fare il proprio lavoro nel modo migliore grazie anche ai medici che stanno arrivando da altri ospedali”.

Chiesto a ministro Guerini medici militari

Gallera, spiegando che da domani potranno andare all’ospedale militare di Baggio “i pazienti dimessi, ma non ancora negativizzati e che quindi hanno ancora bisogno di qualche giorno di isolamento” ha detto di aver scritto, insieme all’assessore alla Protezione civile, Pietro Foroni, una lettera al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, per chiedere un aiuto anche da parte della sanità militare”. “Abbiamo già registrato – ha concluso – la più ampia disponibilità del ministero che ringraziamo”.

 

Vicepresidente Sala: domani Tavolo per interventi sostegno economia

Caparini: abolito dal 1° marzo superticket per tutti i lombardi

“Domani – ha spiegato il vicepresidente e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala intervenuto in videoconferenza all’incontro con la stampa – si svolgerà l’incontro con la cabina di regia del Patto per lo Sviluppo nella quale verranno concordati degli interventi di sostegno all’economia lombarda che preparerà poi l’incontro di mercoledì con il Governo. Si concorderanno in particolare misure per il rilancio delle micro, piccole e medie imprese, del turismo, di tante diverse categorie coinvolte in questa fase economica difficile, dovuta all’epidemia globale”.

“Anche il mondo della ricerca lombarda di cui fanno parte tanti ricercatori, laboratori e case farmaceutiche, sta facendo la sua parte, sia per processare tempestivamente i risultati dei test, sia per cercare nuove soluzioni di contenimento del virus. Sarà posticipata – ha inoltre informato Sala – la seduta di domani del Consiglio regionale dedicata, come ogni inizio del mese, agli atti di indirizzo agli assessori, a causa del fatto che saranno tutti impegnati sul territorio a far fronte all’emergenza sanitaria in corso”.

“Ci confrontiamo da sempre con il mondo intero dei ricercatori – ha detto ancora Sala – e vedo che sono in molti a chiedere pareri ad esperti da altre parti del mondo, poi ci accorgiamo che i migliori li abbiamo in casa noi”. “In questo momento delicato – ha concluso il vicepresidente di Regione Lombardia – volevo ringraziare pubblicamente i docenti e tutto il personale scolastico amministrativo per l’impegno e la professionalità di chi porta avanti la didattica e ha a cuore il futuro dei nostri ragazzi, in una situazione nuova e complessa come quella che stiamo vivendo giorno dopo giorno. Infine ringrazio i sindaci che stanno ottemperando alle misure che abbiamo messo in campo e vigilando per far sì che i cittadini applichino le regole impartite dal decreto messo in campo ieri del Governo”.

Caparini: con 40 milioni finanziati acquisto di beni, strumentazioni e apparecchiature mediche

“Oggi abbiamo stanziato 50 milioni per l’emergenza – ha dichiarato l’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione regionale Davide Caparini – 40 milioni di euro per l’acquisto di beni, strumentazioni e apparecchiature mediche come i 62 nuovi ventilatori polmonari per le nuove unità intensive. Ai nosocomi di frontiera abbiamo inoltre stanziato 2,5 milioni, altri 2 per quelli in prossimità e ed un milione per gli altri ospedali e IRCSS. Inoltre, abbiamo finanziato l’assunzione di 100 medici e 200 infermieri che costerà 10 milioni. Fondamentale – ha continuato l’assessore Caparini – è l’abolizione del superticket dal primo marzo, anticipando di 6 mesi il Governo. Per questo Regione Lombardia ha destinato 54 milioni di euro”.

L’assessore al Bilancio ha infine concluso ringraziato l’unione generale delle scuole cinesi in Italia che “ha donato alla Regione 30.000 guanti mono uso, 600 mascherine FFP3 e 400 tute protettive”.

str/mac

——————————————————————————————————————————

+++ DOMENICA 1 MARZO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 20.28 +++

Ecco il contenuto del DPCM 1 marzo 2020 appena firmato dal premier Giuseppe Conte

Coronavirus, presidente Fontana: nel Dpcm priorità è salute cittadini, condizione primaria per ripresa economica

Oms ha espresso giudizio lusinghiero sul modello della Lombardia

 

“Questa mattina ci siamo confrontati con i governatori di Veneto ed Emilia Romagna per concordare le modifiche da apportare alla bozza del testo del Decreto delPresidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) che il Governo ci ha inviato. Un lavoro che va nella direzione di cercare di eliminare il rischio sanitario per i nostri cittadini e nel contempo valutare la situazione economica, prestando grande attenzione alla ripresa economica”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, collegandosi in video conferenza alla conferenza stampa convocata a Palazzo Lombardia per fare il punto sulla situazione del Coronavirus alla quale hanno partecipato il vicepresidente Fabrizio Sala e gli assessori Giulio Gallera (Welfare) e Davide Caparini (Bilancio).

“Una ripartenza – ha aggiunto il governatore – che vogliamo avvenga al più presto e che necessariamente potrà esserci una volta risolta la situazione di emergenza sanitaria che stiamo affrontando”.

“Oggi – ha detto ancora Fontana – ho anche incontrato tutti i responsabili delle strutture private convenzionate con il nostro sistema sanitario regionale che si sono detti favorevoli a collaborare per gestire la presa in carico dei pazienti affetti da Coronavirus. Già domani 14 medici affiancheranno i colleghi delle strutture pubbliche”.

La situazione sanitaria

Il punto della situazione della Lombardia a oggi lo ha fatto l’assessore Gallera: sono 984 i casi positivi su un totale di 6.879 tamponi effettuati; i ricoverati non in terapia intensiva sono 406, quelli in terapia intensiva 106; in isolamento domiciliare ci sono 375 persone, mentre i dimessi e trasferiti al domicilio sono 73. I decessi di persone con un quadro medico già compromesso sono 31.

  • Bergamo 209
  • Brescia 49
  • Como 2
  • Cremona 214
  • Lecco 2
  • Lodi 344
  • Monza e Brianza 6
  • Milano 46 di cui 18 a Milano città
  • Mantova 4
  • Pavia 78
  • Sondrio 3
  • Varese 4

In verifica 23

“Ad aprile – ha continuato Gallera – era prevista la laurea di più di 100 infermieri. Abbiamo chiesto a Remo Morzenti, presidente di tutti i rettori d’Italia, di anticipare questo momento in modo da immetterli subito nel sistema sanitario.

“È molto significativo che l’Organizzazione mondiale della Sanità – ha proseguito – da ieri a Milano, ha espresso giudizi positivi e lusinghieri per il modello che abbiamo adottato e che vorrebbe prendere ad esempio anche per altri Paesi”.

dvd

 

Coronavirus, vicepresidente Sala: palestre e piscine chiuse

Bar e ristoranti aperti con limiti per evitare contagio

Assessore Caparini: urgono interventi, lavoriamo con Governo e parti sociali

Alla conferenza stampa per fare il consueto punto sull’emergenza coronavirus è intervenuto anche il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala.

“Alle 24 di questa notte – ha detto il vicepresidente – termina quanto disposto nell’ordinanza siglata dal presidente della Regione Lombardia e dal ministro della Salute ed entra in vigore il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, condiviso a livello istituzionale e con il Comitato scientifico”.

“Cambia l’impostazione – ha specificato – perché nel testo che fissa le disposizioni per i prossimi sette giorni abbiamo una parte che sarà relativa a tutto il territorio nazionale oltre a una parte di misure relative a tre Regioni e probabilmente due province; un’altra è riferita a quattro province oltre alla ‘zona rossa’ per la quale vengono riconfermate tutte quante le disposizioni già decise”.

“Per quanto riguarda la Regione Lombardia – ha proseguito – confermiamo che cinema e teatri rimangono chiusi. I musei, invece, vengono contingentati in entrata e si introduce un elemento per evitare assembramenti e distanziare di un metro le persone una dall’altra”.

“Confermata la sospensione di tutte le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado. I plessi – ha sottolineato il vicepresidente Sala – potranno essere aperti e sanificati, si potranno attivare le lezioni e-learning in modo da mantenere attiva la didattica, sono sospesi tutti i concorsi tranne quelli sanitari”.

“A pub, bar e ristoranti è consentito l’accesso con limitazione di posti a sedere e distanziamento di almeno 1 metro uno dall’altro” ha ribadito Fabrizio Sala.

“Una misura – ha evidenziato – riguarda in particolare le quattro province di Bergamo, Lodi, Cremona e Piacenza. Nel weekend prossimo, sabato e domenica, le medie e grandi strutture di vendita, i negozi presenti nei centri commerciali e i mercati saranno chiusi a eccezione delle farmacie, parafarmacie e punti vendite alimentari. Questo provvedimento era già presente nella nostra Ordinanza”.

“Ribadiamo – ha rimarcato il vicepresidente Sala – che sul nostro territorio resteranno chiuse tutte le palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri sportivi e termali, eccetto le prestazioni dei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza)”.

“Ci dobbiamo abituare a una vita un po’ diversa rispetto a quella che facevamo anche solo un mese fa – ha detto ancora il vicepresidente Sala – con l’obiettivo di assumere comportamenti che ci permettono di rallentare la diffusione del virus”.

L’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini ha focalizzato l’attenzione sull’impegno della Giunta per l’approvvigionamento dei presidi sanitari necessari a fronteggiare l’emergenza. “Dialoghiamo con il Governo e le parti sociali – ha rimarcato – per individuare i primi interventi anche fuori dalla ‘zona rossa’.

“Difficile quantificare i danni di questa crisi – ha detto – considerando che il nostro Paese si trovava già in una situazione critica. Nell’economia nazionale Milano pesa per il 10,2% del Pil, la Lombardia per il 22,3%. Ci rendiamo conto quanto sarà difficile reperire le risorse necessarie: stiamo lavorando con il Governo e con le parti sociali. Garantiamo ai cittadini lombardi tuto il nostro impegno per offrire risposte rapide ed efficaci in un momento difficilissimo, non prevedibile e di assoluta straordinarietà”.

“È stata istituita in Regione Lombardia – ha proseguito Caparini – una task force economica permanente con gli assessori Mattinzoli e Rizzoli e coordinata dal vicepresidente Sala – stiamo raccogliendo le istanze e i suggerimenti dei rappresentanti delle categorie produttive perché mercoledì incontreremo il premier con il ministro dello Sviluppo economico per definire gli interventi urgentissimi da attuare”.

ram/mac

——————————————————————————————————————————

+++ AGGIORNAMENTO DELLE ORE 20 +++

Coronavirus, fontana: virus ancora in fase espansiva, ma 60 persone già guarite e meno accessi negli ospedali

“Il virus è ancora presente, in fase espansiva, ma siamo molto speranzosi che presto possano iniziare a vedere gli effetti positivi delle misure assunte una settimana fa”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana intervenendo in video collegamento con la conferenza stampa convocata a Palazzo Lombardia per fare il punto sulla situazione del Coronavirus e alla quale hanno partecipato il vicepresidente Fabrizio Sala e gli assessori Davide Caparini (Bilancio) e Giulio Gallera (Welfare).

“Da stamattina – ha aggiunto Fontana – siamo in collegamento con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i suoi ministri e gli altri presidenti di Regione per arrivare a un Dpcm (Decreto presidente Consiglio dei Ministri) che dovrebbe dettare regole cui ci dobbiamo attenere. È un lavoro impegnativo, noi ci siamo molto basati sulle valutazioni degli esperti che abbiamo incontrato ieri e su quello che hanno detto gli altri professionisti che sta consultando il Governo. Dobbiamo cercare di fare in modo che si possano conciliare la libertà dei nostri cittadini, la tenuta del nostro sistema economico e la tutela della salute pubblica”.

Gallera ha aggiornato i dati

Due le buone notizie comunicate dall’assessore Gallera, anzitutto 60 persone sono già guarite e gli accessi giornalieri agli ospedali continuano a diminuire: si è passati dai 44 del 26 febbraio, ai 39 del 27 febbraio, ai 28 di ieri.

Il numero dei contagiati è salito a 615 a fronte di 5.723 tamponi eseguiti e il numero dei decessi è pari a 23. “Tutte persone – ha detto Gallera – particolarmente anziane, tutte con patologie presenti e quadro clinico compromesso”.

  • Bergamo 110 18%
  • Brescia 14 2%
  • Como 1 0%
  • Cremona 136 22%
  • Lodi 237 39%
  • Monza e Brianza 6 1%
  • Milano 30 5%
  • Mantova 1 0%
  • Pavia 55 9%
  • Sondrio 3 0%
  • Varese 4 1%

In fase di verifica 18

La visita dell’oms e un ospedale dedicato ai pazienti corona

La Lombardia, inoltre, su indicazione dell’Oms sta valutando di dedicare un ospedale esclusivamente ai malati di Coronavirus. Intanto in ogni ospedale abbiamo disposto che venga effettuato il tampone ad ogni soggetto che si presenti con i sintomi di una patologia respiratoria. È infatti importante preservare il personale sanitario che oggi rappresenta il 10% dei contagiati”.

Reclutamento di altro personale

Gallera ha anche spiegato che è partito il reclutamento all’interno degli altri presìdi di figure mediche specifiche (infettivologi, medicina urgenza, internisti). A esempio, dall’ospedale di Varese specialisti si sposteranno a Lodi e anche le strutture sanitarie private accreditate stanno contribuendo con l’invio di personale.

Da martedì attivo l’ospedale militare di Baggio

Da martedì sarà operativo a Milano anche l’ospedale militare di Baggio, dove saranno trasferiti i pazienti che possono essere dimessi, ma che sono ancora positivi, così “da liberare posti nelle altre strutture”.

Gli ospedali di Lodi e Cremona

Nei presìdi di Lodi e Cremona le ambulanze non trasportano più le persone, ma le ‘dirottano’ su altri ospedali così da non sovraccaricare il sistema sanitario lombardo.

dvd

—–

Vicepresidente Sala: a scuola lezioni sospese, assessore Caparini: Governo metta in campo interventi immediati per ammortizzatori sociali

Alla conferenza stampa per fare il punto sulla situazione coronavirus sono intervenuti anche il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala e l’assessore al Bilancio, Davide Caparini.

“In questo momento – ha dichiarato – siamo nella fase del confronto tra il Consiglio dei ministri e il comitato scientifico anche perché come ha fatto la Lombardia ieri, anche il Governo, oggi, prima di prendere un atto, si sta confrontando con Comitato tecnico scientifico. Naturalmente alcune anticipazioni sono uscite ed è giusto che escano perché dobbiamo dire anche alle scuole che le lezioni verranno sospese quindi gli istituti scolastici di ogni ordine e grado avranno le lezioni sospese quindi non chiuse”.

“Attività sospese – ha aggiunto il vicepresidente Sala – significa che, per esempio, è possibile far entrare nei plessi scolastici i dirigenti scolastici, i docenti, il personale per la sanificazione degli ambienti. Sarà possibile per i docenti, caso che riguarda di più le università, poter accedere e attivare l’e-learning, cioè le lezioni o l’insegnamento a distanza, così tutti gli istituti che potranno renderlo necessario”.

“Il personale amministrativo riprende la sua attività – ha sottolineato Fabrizio Sala – per mandare avanti le pratiche scolastiche. Questa è una manovra per sette giorni, quindi le lezioni saranno sospese in ogni ordine e grado e questo è un provvedimento che verosimilmente riguarderà le tre Regioni. I concorsi, tranne quelli sanitari, sono sospesi”.

“Sicuramente – ha detto ancora il vicepresidente Sala – ci saranno le sospensioni delle manifestazioni pubbliche; stiamo continuando a lavorare ininterrottamente, confrontandoci con il Comitato tecnico scientifico, per evitare assembramenti, tema sul quale abbiamo lavorato sin dal primo giorno. Dobbiamo tutelare la salute dei cittadini e dar forza alla nostra economia. Sarà una vita diversa rispetto a quella che abbiamo avuto finora ma la vita deve essere senza panico: dobbiamo andare avanti tutelando la salute”.

“Mi corre l’obbligo, anche a nome del presidente e di tutta la Giunta, sicuro di interpretare il sentimento di tutti i lombardi – ha concluso il vicepresidente Sala – di ringraziare tutto il personale sanitario, civile e i volontari e tutti quelli, cittadini delle zone rosse compreso, che si stanno impegnando per affrontare questa emergenza di un virus che si combatte ma che non conosciamo”.

Caparini: prosegue interlocuzione col governo

“È in corso una costante interlocuzione con il Governo – ha aggiunto l’assessore Caparini – per preparare un pacchetto di misure economiche al fine di coprire tutti gli ambiti e tutti i comparti, su due livelli, uno per la zona rossa per ripristinare la normalità e uno per il resto della Lombardia”.

“Il quadro al quale ha inizialmente lavorato il Governo – ha spiegato – è di sospensione degli adempimenti fiscali sia per le imprese che per i cittadini, dalle bollette ai mutui, alle assicurazioni, ai contributi previdenziali. Noi abbiamo però focalizzato l’attenzione anche sugli ammortizzatori sociali che non possono assolutamente farsi attendere perché gli abitanti della zona rossa hanno bisogno di sostegno immediato”.

“La Cassa integrazione (CIGS) non è sufficiente per tre mesi, ma a malapena per 45 giorni. Siamo perciò impegnati con il sottosegretario all’Economia Antonio Misiani a trovare le dotazioni che servono dagli ammortizzatori in deroga (CID) per le imprese sotto i 5 dipendenti a un contributo ad hoc per gli autonomi, oltre al rafforzamento del Fondo di Integrazione Salariale (FIS) per tutte le altre categorie di dipendenti.

Nei prossimi giorni – ha concluso – lavoreremo dunque per mettere in campo delle misure davvero straordinarie per un periodo straordinario”.

ram/str