Endometriosi, in Lombardia ne soffre dal 5 al 10% donne in età fertile

Endometriosi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Intervista ai professori Massimo Candiani e Enrico Sartori

Dall’endometriosi, patologia che colpisce circa 5/10 donne ogni 100 in età fertile (in Lombardia ne soffrono dunque 100/150.000 donne), si può guarire. E questo è ancora più facile se ci si rivolge, da subito, in centri specializzati.

Per questo la Regione Lombardia ha attivato una task force per arrivare a creare una vera e propria rete con centri con diversi gradi di specializzazione in grado di fornire indicazioni chiare per lo sviluppo di un modello di assistenza, attraverso un team, coordinato e multidisciplinare.

‘Salute Donna’

Il primo passo è stata l’istituzione di una specifica commissione multidisciplinare e multiprofessionale di 20 specialisti. Tra loro ostetrici, ginecologi, anatomopatologi, radiologi, psicologi e rappresentanti delle associazioni delle donne. È nata così  ‘Salute della donna’. Fra di loro anche i professori Massimo Candiani, direttore del dipartimento di Ostetricia e Ginecologia del San Raffaele di Milano, e Enrico Sartori, direttore dello stesso dipartimento presso gli Spedali civili di Brescia.

In un’intervista a Lombardia Notizie Online, i due cattedratici hanno ripercorso le tappe che hanno portato alla nascita di questo ‘organismo’ verso la realizzazione di una vera e propria ‘rete’ dedicata all’endometriosi.

Entrambi hanno sottolineato che la commissione non pensa solo a fornire linee guida, ma a elaborare riferimenti clinici che consentano alle donne percorsi adeguati. Tutto ciò a partire da un riconoscimento precoce della patologia.

Istituita quindi la commissione e già elaborati i requisiti per individuare i centri di riferimento dove saranno dirottati i vari casi. La scelta sarà poi fatta in base alla gravità della patologia.

Endometriosi

“La patologia si può controllare. Il mio invito – ha detto Candiani – è quello di stemperare le preoccupazioni che a volte sfociano in ‘terrorismo’ quando viene posta la diagnosi di endometriosi. È necessario fare cultura su questo tema. Ancora oggi infatti riscontriamo ritardi diagnostici o anche il ‘peregrinare’ delle donne fra diversi ginecologi prima di individuare quello che poi diagnostica la patologia”.

“Identificato il quadro endometriosico con un certo livello di complessità – ha concluso Sartori – è possibile indirizzare alcuni casi nei centri di riferimento che hanno competenze specifiche loro e complementari ad altre specialità. Qui si può trattare, nel migliore dei modi, anche grazie agli altri professionisti, il caso specifico particolarmente complesso”.

 

 

Ottimizzato per il web da:
Monica Ramaroli

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

visite ospedale sabato
Possibilità di effettuare visite mediche ed esami in ospedale anche il sabato e la domenica. È uno dei progetti illustrati dall’assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso, ...
Lombardia produzione industriale
"Il sistema lombardo si conferma più forte del contesto negativo internazionale. Le nostre imprese si stanno dimostrando ancora una volta capaci di resistere alle criticità detta ...
totem openstage cormano cusano
Anche alla stazione di Cormano - Cusano Milanino arriva un totem Openstage. La colonnina, che permette a musicisti e artisti di esibirsi dal vivo, è la quarta dopo quelle già installate a Milano ...
lombardia svizzera collaborazione
Il dialogo bilaterale e la collaborazione tra Lombardia e Svizzera hanno vissuto, mercoledì 21 febbraio a Palazzo Lombardia, un nuovo appuntamento con la presenza del presidente < ...
pediatri famiglia
Sono 24 le domande presentate per il bando unificato dedicato ai liberi professioni, gestito dal Policlinico San Matteo di Pavia, a fronte di 18 posti che saranno lasciati liberi dalle

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima