Ospedale Vizzolo Predabissi

Moratti: missione, rispondere sempre meglio alla domanda di salute dei cittadini

Sono iniziati giovedì 21 ottobre i lavori di adeguamento e razionalizzazione dell’area per acuti del presidio ospedaliero di via Pandina, a Vizzolo Predabissi (Milano), per un valore di 27.550.000 euro, comprensivo degli interventi per il risparmio energetico.

Opere complessive per 35 milioni

Le opere si inseriscono in un progetto ancora più ampio che prevede, da qui al 2026, lavori per complessivi 35 milioni di euro. Ai 27.550.000 milioni delle attività che iniziano oggi infatti si aggiungono 4,150 milioni per le opere anti incendio, 3,190 milioni per la nuova Terapia intensiva e 76.000 euro per l’adeguamento del Pronto soccorso.

I lavori avranno una durata di 5 anni, interessando una superficie di circa 10.000 metri quadrati. La struttura rinnovata è dunque destinata ad ospitare 179 posti letto, di cui 10 di terapia intensiva e 20 di subintensiva e una sala operatoria di emergenza ostetrica.

“In Lombardia – spiega il presidente Attilio Fontana – entra nel vivo l’opera di adeguamento strutturale dei nostri ospedali che va di pari passo, come annunciato, all’individuazione delle Case della comunità e agli Ospedali di comunità. Un’azione concreta che punta a valorizzare le strutture del territorio garantendo un supporto importante ai cittadini che vivono in tutti i nostri Comuni”.

Centrale di committenza

Con la sottoscrizione dell’incarico, l’Asst Melegnano e della Martesana, ha affidato ad Aria spa il compito di centrale di committenza per l’esecuzione dei lavori. Sulla base del progetto esecutivo redatto e validato da Asst, approvato infine da Regione Lombardia e dal ministero della Salute.

Aria spa ha disposto, giovedì 21 ottobre, la consegna delle aree e dei lavori all’appaltatore, convocando anche l’Asst Melegnano e della Martesana.

Completa ristrutturazione aree sanitarie

“L’intervento di Vizzolo, oggetto dell’appalto – spiega la vicepresidente e assessore regionale al Welfare, Letizia Moratti – prevede una ristrutturazione e una rifunzionalizzazione. Daranno un nuovo assetto al complesso ospedaliero, con una completa ristrutturazione delle aree sanitarie. L’obiettivo è rispondere sempre meglio ai bisogni e alla domanda di salute dei cittadini rendendo più facilmente accessibili e funzionali gli ambienti utilizzati per offrire le prestazioni e per riceverle”.

Separazione ambienti sanitari dagli altri

Il progetto esecutivo prevede infatti una ridistribuzione degli spazi per separare gli ambienti sanitari da quelli a diversa destinazione. Saranno anche ottimizzati i percorsi di pazienti e personale sanitario. Per una maggior efficienza operativa, trasferendo ai piani più alti gli uffici amministrativi e concentrando le degenze ai livelli inferiori.

Ospedale Vizzolo Predabissi/Mi, le fasi delle opere

I lavori si svolgeranno in sei fasi, quanti sono gli edifici ospedalieri di Vizzolo Predabissi. Ogni fase interesserà un unico edificio su più piani.

ama

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 1 / 5. Voti: 1